LA STORIA DELL'AC

Home » Articoli » Giovani » DI CHI È L’SFS?

Scuola di Formazione Studenti

DI CHI È L’SFS?

Scopriamo di chi è l'SFS, non solo del MSAC ma di tutta l'Associazione

Ciao responsabile del Settore giovani di Azione cattolica, sto parlando a te, sì proprio a te. Se ti dicessi che «l’SFS è la Scuola di Formazione per Studenti, un’iniziativa del Movimento Studenti di Azione Cattolica» che diresti? È un’affermazione giusta o sbagliata?

Sappi che è sbagliata per ben due motivi. Sì, ma quali? Ora ci arriviamo, prima dobbiamo fare un passo indietro.

28-30 ottobre 2022, Roma. Più di 1500 responsabili del Settore giovani di Azione cattolica si ritrovano per dirsi che i loro territori hanno un grande potenziale da poter esprimere. Questi territori sono un gigantesco groviglio di reti e di relazioni e quei giovani responsabili presenti si dicono a vicenda che devono essere abitati come protagonisti, dotati di sguardo ampio e profetico. È Segni del Tempo, la tappa di un percorso iniziato con i campi estivi 2022 e che ancora non è giunto a conclusione (a proposito, qui trovi i materiali per continuare a camminare insieme a tutte le diocesi d’Italia). In quei giorni lo sguardo è stato rivolto a dieci ambienti di vita e di quei dieci oggi ce n’è uno che, come Azione cattolica, ci interroga in maniera particolare: la scuola.

Se parliamo di scuola è scontato ricordarci come questa sia uno spazio fondamentale di quotidianità per i giovanissimi: nonostante gli alti tassi di dispersione scolastica la maggior parte degli adolescenti passa buona parte del suo tempo a scuola e al suo interno abita un largo insieme di esperienze e di relazioni. È un po’ meno scontato, però, dirci che per gli studenti la scuola è uno spazio da vivere come protagonisti e con impegno e che questo è il sogno che l’Associazione tutta ha – e deve avere – per gli studenti di tutta Italia. Ciò significa che, proprio a partire dalle proposte associative e dai gruppi giovanissimi, la scuola deve essere vista e vissuta come il luogo fertile in cui gli adolescenti possono crescere come cittadini e come cristiani, il luogo in cui vivere da protagonisti un impegno quotidiano verso le proprie città, i propri quartieri, i propri ambienti di vita.

In questo l’SFS è in stretto legame con quanto emerso da Segni del Tempo: scuola e parrocchia non sono due “agenzie” in antitesi, ma due spazi diversi e complementari da vivere a pieno e in sinergia. Non possiamo più immaginare una proposta formativa e un gruppo che non tengano conto della scuola come luogo di incontro, di confronto e di responsabilità sperimentata. Segni del Tempo e l’SFS, oggi più di ieri, sembrano dirci che pensare un Settore giovani senza il MSAC toglie il sapore della quotidianità alla proposta associativa e rende disincarnati e freddi i percorsi per gli adolescenti. E pensare un MSAC senza il Settore giovani significa sognare da soli e sognare di meno.

Per questo l’SFS non è un’iniziativa “del” Movimento Studenti di Azione Cattolica, ma di tutta l’Associazione e del Settore giovani in particolare. Lo è, primo motivo, perché il MSAC ha senso solo se visto dentro l’Azione cattolica, ma lo è anche perché, secondo motivo, siamo in riflessione e in cammino comune e possiamo portare frutti solo continuando a pensare e a pensarci insieme: le tante iniziative nazionali vissute insieme e le riflessioni uscite da Segni del Tempo ce lo dimostrano chiaramente. L’SFS è il luogo in cui tutta l’AC continua a riflettere sulla scuola e nella scuola, grazie soprattutto agli studenti e alle studentesse. È un’opportunità per il Settore giovani, perché ci ricorda che il centro della nostra proposta per gli adolescenti non è il prototipo di un giovanissimo ideale, staccato dalla vita e dal mondo che lo circonda, ma è un insieme di volti, di storie, di sogni molto concreti, un insieme di giovani uomini e giovani donne che nella scuola possono scoprire chi sono e orientarsi verso i propri territori e verso il proprio futuro. È un momento per valorizzare la scuola “da dentro” l’Associazione e per rendere più bella l’Associazione grazie al protagonismo dei giovanissimi.

Anche se non sei uno studente o una studentessa, anche se non hai mai fatto parte del MSAC, l’SFS è la tua! Ricordati di promuoverla nella tua diocesi: tra i giovanissimi che non sono in un circolo, tra gli studenti che non seguono i cammini associativi.

Ci vediamo a Montesilvano!

Autore