Primo piano

Nota AC - FUCI - MEIC sulla crisi di governo

Il Paese è allo stremo delle forze. Gli italiani soffrono per l’epidemia, per il crescente numero dei morti e per l’emergenza sanitaria che riguarda tutti, per le enormi difficoltà economiche che la pandemia ha generato. Temono per il loro lavoro, per la loro famiglia, per il loro futuro.
I più giovani non possono vivere una normale esperienza scolastica e universitaria, decisiva per fare di loro i cittadini di oggi e di domani.
In questa situazione, i protagonisti della politica nazionale hanno spinto divergenze e aspirazioni che legittimamente li dividono fino a provocare l’apertura della crisi di governo, deleteria per la gestione di un’emergenza che non accenna a declinare e incomprensibile per la gran parte dei cittadini. Il dialogo e la dialettica sono essenziali nella ricerca del bene comune, e in questa fase dovrebbero essere l’espressione più alta della democrazia. Chiediamo con forza a tutti gli schieramenti politici di compiere, con un sussulto di dignità, scelte in linea con quel senso di responsabilità richiamato in maniera tanto incisiva dal Presidente della Repubblica nel suo messaggio di fine anno.
Azione Cattolica Italiana
Federazione Universitaria Cattolica Italiana
Movimento Ecclesiale di Impegno Culturale

Condividi

Focus

Secondo appuntamento on line con “Dialoghi sulla fraternità”

Fratelli tutti, i nodi del dibattito

Venerdì 22 gennaio alle ore 21 è in programma il secondo appuntamento dei Dialoghi sulla fraternità, uno spazio di riflessione e approfondimento su un tema cruciale per il tempo che stiamo vivendo. Ad animare l’incontro on line la redazione di «Dialoghi», il trimestrale culturale dell’Azione cattolica diretto da Pina De Simone. Si farà il punto su I nodi del dibattito che avvolge l’enciclica Fratelli tutti sin dalla sua pubblicazione. Intervengono: Elena Granata, urbanista; Piergiorgio Grassi, filosofo; Simona Segoloni, teologa. Introduce i lavori Matteo Truffelli, presidente nazionale Ac. Modera Giuseppe Notarstefano, vicepresidente nazionale Ac per il Settore adulti. L’incontro verrà trasmesso in diretta sulla pagina Facebook e sul canale YouTube dell’Editrice Ave. Per quanti lo desiderino, è disponibile il video del primo appuntamento La via della fraternità.

Condividi

Fatti e idee

Cosa si intende fare con i 222,9 miliardi del Next Generation Eu

Il Recovery Plan dell’Italia

Con una dotazione complessiva di 222,9 miliardi, la quota italiana di fondi comunitari del Next Generation Eu, il Piano nazionale di riprese e resilienza (Pnrr) approvato dal Consiglio dei ministri nella notte tra il 12 e il 13 gennaio, e ora al vaglio del Parlamento (in piena crisi politica), spazia su molteplici progetti e punta a fare dell’Italia un Paese più moderno, più digitale, più verde e più inclusivo. Queste almeno le intenzioni, a leggere le oltre 170 pagine. Declinate in 6 missioni principali (cioè sei aree di investimento), 16 cluster, 48 linee di intervento. Dagli asili nido alla telemedicina, dall’alta velocità al Giubileo del 2025, dai pagamenti digitali alle reti 5G, al empowerment femminile. Il termine per la presentazione dei Piani nazionali di ripresa e resilienza è il 30 aprile 2021.

Condividi
XV° Concorso Lavoro e Pastorale 2021

Idee in Movimento

Idee in Movimento”: è il titolo del bando di progettazione sociale edizione 2021 indetto dal Movimento Lavoratori di Azione Cattolica (Mlac), in collaborazione con Caritas Italiana, Progetto Policoro e l’Ufficio nazionale Cei per i problemi sociali e il lavoro. Finalità: promuovere la cultura della progettualità, dell’economia circolare e dello sviluppo sostenibile; reti nella comunità. Ambiti di intervento, la promozione: di percorsi di educazione non formale; di reti innovative per la coesione sociale; di percorsi di economia creativa (della biodiversità, della sostenibilità, dell’economia circolare). Il bando è rivolto a gruppi formali o informali che ne condividano le finalità. All’interno, il testo del bando e la cartella con i relativi allegati e le modalità di partecipazione (formulario, consenso alla pubblicazione del progetto e dei suoi risultati, lettera di condivisione d’intenti, videoclip di presentazione). Il bando scade il 28 febbraio 2021.

Condividi
L’invito a costruire un possibile e diverso legame sociale

Una fraternità che nasce dal basso

di Andrea Michieli* - L’enciclica Fratelli tutti è un intreccio di spunti e riflessioni sul tempo presente. Tra questi, la via di un ripensamento del nostro modo di agire radicato nel piccolo e a partire dagli ultimi, ancor più che mediante la riforma delle – pur fondamentali – istituzioni statali e internazionali, per includere tutte le persone e i settori di popolo estromessi dai luoghi di decisione e, così facendo, dare voce alle ingiustizie. L’invito di Francesco a essere «seminatori di cambiamento, promotori di un processo in cui convergono milioni di piccole e grandi azioni concatenate in modo creativo, come in una poesia»; a divenire «“poeti sociali”, che a modo loro lavorano, propongono, promuovono e liberano». Un compito meno appariscente e socialmente riconosciuto, ma ricco di potenziale trasformativo perché nascente dallo sguardo di chi ci sta attorno, tra sorelle e fratelli.

Condividi
Dal Blog di «Dialoghi»

Scuola: la sfida del Covid-19

di Luciano Caimi - La pandemia ha richiamato l’attenzione sulla scuola. Si continua a parlarne, anche a proposito dell’apertura post natalizia. La scuola, come altre fondamentali istituzioni e strutture della vita civile (sistema sanitario, in primis), è stata colta alla sprovvista dall’evento pandemico. Ha reagito in un’ottica emergenziale. Di questi dieci mesi di corsa contro il tempo, per chiudere dignitosamente l’anno scolastico 2019-20 e riaprire il 2020-21 in condizioni accettabili, restano fissi nella nostra mente alcuni dati e immagini. Vediamo sinteticamente (continua)

Condividi
Da «Orientamenti Pastorali», la rivista del Centro di orientamento pastorale (Cop)

Il volto dell’Ac nella Chiesa di oggi

di Matteo Truffelli* - Che fine ha fatto l’Ac? Cosa fa, dov’è, l’Azione cattolica di oggi? Sono domande che mi sono sentito rivolgere più volte, in questi anni. Da personalità estranee o ai margini della comunità ecclesiale che volevano capire come l’associazione sta cambiando, da «credenti della domenica» poco attenti alle dinamiche e ai dibattiti intraecclesiali, ma anche da laici impegnati, parroci, teologi, pastori. Talvolta in maniera (sanamente) provocatoria, altre volte senza che gli interlocutori si accorgessero di farlo utilizzando criteri di giudizio fermi a una stagione davvero lontana della Chiesa e del mondo. L’Azione cattolica di oggi è quella di sempre. Eppure – anzi, proprio per questo – è molto cambiata negli ultimi decenni. Per rimanere fedele alla propria natura e alla propria vocazione ha modificato molti aspetti del proprio servizio: nei modi e nello stile, nelle scelte e negli strumenti. Però è sempre rimasta lì dov’era, dov’è sempre stata: nelle parrocchie, dentro il cammino delle Chiese locali e nella vita della Chiesa italiana, tra le pieghe della società, in dialogo con la cultura del proprio tempo.

Condividi
I fatti di Washington e il malessere di un paese diviso

«Lo sanno tutti», la formula chimica del populismo

di Luigi Alici* - Quando i problemi diventano complessi e drammatici, la tentazione della semplificazione populista è sempre in agguato. Gli episodi di Washington non sono soltanto un fenomeno di ordine pubblico: attestano il malessere di un paese diviso, con un malcontento montante nella sua pancia profonda, dove aumenta in modo esponenziale il numero degli esclusi; esclusi dall’istruzione, prima di tutto, e di conseguenza da ogni altra forma di protagonismo sociale e politico. È molto grave il discorso sovversivo di Trump ai suoi sostenitori, ma non meno inquietante è la quota altissima dei suoi elettori. Cavalcare la rabbia è un gioco molto pericoloso, che tradisce il popolo una seconda volta, attivando una spirale perversa che non promette nulla di buono per nessuno. A meno che non siamo disposti a pensare che solo lo squadrismo possa davvero difendere il popolo, al posto della democrazia.

Condividi
L’iniziativa per il Mese della Pace 2021 - Sussidio e gadget per l’aiuto a Terre des Hommes

La Pace fa notizia!

L’iniziativa per il Mese della Pace 2021, La Pace fa notizia!, vuole aiutare ciascuno di noi a guardare alla realtà che ci circonda con l’occhio di chi si fa attento ai bisogni e, nel contempo, riesce a scorgere il bene, il bello laddove esso si manifesta, specie nelle nostre città, senza però dimenticare di rivolgere lo sguardo anche al mondo intero, in una fase così straordinaria com’è questo nostro tempo segnato dalla pandemia. L’iniziativa si dividerà in due momenti, in due occasioni, in due luoghi: il primo è l’Italia intera, che abbracciamo insieme a tutta l’associazione nazionale, il secondo sono i nostri paesi, le nostre città, i nostri territori. A livello nazionale, l’Ac ha scelto di sostenere la rete di aiuto per l’emergenza sanitaria che Terre des Hommes ha avviato in diversi paesi del mondo (emergenzabambini.terredeshommes.it). Continuiamo ad essere costruttori di bene e di pace! Sussidio mese della Pace 2021.Per sostenere il progetto nazionale, anche quest’anno c’è la possibilità di acquistare il gadget del Mese della Pace. Per qualunque altra informazione è possibile contattarci tramite l’e-mail pace@azionecattolica.it o al numero 0666132368 (Segreteria Acr).

Condividi
Papa Francesco indice un Anno Speciale dedicato alla Famiglia

Famiglia Amoris Laetitia

Il prossimo 19 marzo 2021 la Chiesa celebrerà i cinque anni dalla pubblicazione dell’esortazione apostolica Amoris Laetitia sulla bellezza e la gioia dell’amore familiare. In quello stesso giorno Francesco inaugurerà l’Anno “Famiglia Amoris Laetitia”, che si concluderà il 26 giugno 2022, in occasione del X Incontro Mondiale delle Famiglie in programma a Roma con il Santo Padre. A darne annuncio lo stesso Papa Bergoglio all’Angelus di domenica 27 dicembre scorso. Sarà un cammino per le famiglie del mondo, per formarsi e approfondirne i contenuti in nome della gioia, della misericordia e dell’integrazione. Nei giorni scorsi il Dicastero vaticano Laici famiglia e vita ha diffuso in tutto il mondo un questionario – dovrà essere compilato in ogni diocesi e restituito entro il 15 gennaio – per fare il punto sull’attuazione dell’esortazione postsinodale.

Condividi
Pubblicato «Dialoghi» n. 4- 2020, il trimestrale culturale dell’Azione cattolica

Il dialogo nella creazione

Intercettando una linea di continuità tra Laudato si’ e Fratelli tutti, che invita a tenere insieme giustizia sociale e giustizia ambientale, il “dossier” Il dialogo nella creazione proposto da «Dialoghi» (n.4-2020) vuole ripensare la figura del dialogo, unendo il piano interpersonale e quello del rapporto con la natura. L’invito è a un’assunzione di responsabilità, a livello personale, istituzionale, culturale ed ecclesiale. Il dialogo è un atto creatore originario, che genera e attraversa la vita, diventando nella comunità umana segno di libertà e misura della nostra responsabilità. Il trimestrale culturale promosso dall’Azione cattolica e diretto da Pina De Simone propone inoltre articoli di approfondimento sull’attualità nazionale, internazionale ed ecclesiale, e una ricca sezione dedicata ai libri. Per ulteriori info e per abbonarsi visita il sito rivistadialoghi.it o scrivi a abbonamenti@editriceave.it tel. 06 661321 – fax 06 6620207

Condividi
Progetto formativo - Materiali e strumenti per approfondire gli aggiornamenti

Perché sia formato Cristo in voi

Il Laboratorio Nazionale della Formazione ha pensato di offrire degli strumenti di supporto per approfondire le novità presenti nel Progetto formativo dell’Azione cattolica italiana “Perché sia formato Cristo in voi, pubblicato dall’editrice Ave e presentato online dalla Presidenza nazionale Ac lo scorso 5 dicembre 2020. Si tratta in particolar modo di schede di lavoro tematiche e di alcune slide esplicative. Le prime vanno lette come degli spunti, volutamente non strutturate nei dettagli, per lasciare ampia libertà ai vari contesti diocesani di adattarle come più si ritiene opportuno. Le seconde possono essere utili ai singoli quanto ai gruppi per avere una sintesi di ciò che ha riguardato l’aggiornamento del Progetto formativo (da usare, ad esempio, per una presentazione). Ma non finisce qui: nel tempo, il Laboratorio Nazionale della Formazione continuerà ad aggiungere altro materiale a quello fornito, quindi nessuno perda di vista questa pagina!

Condividi