Ho un popolo numeroso in questa città. XVII Assemblea nazionale - 25 aprile - 2 maggio 2021

Primo piano

VIDEO - Rivedi la puntata

Matteo Truffelli a Soul si racconta e racconta l’Ac

Il Presidente nazionale dell’Ac, Matteo Truffelli, domenica 11 aprile è stato ospite di Soul, il format “a tu per tu” condotto da Monica Mondo su TV2000. Tra note personali e vita di Ac, il racconto dei sette anni trascorsi alla guida della più grande associazione di laici cattolici italiana e il cosa significhi oggi essere all’altezza di eroi e santi che ne hanno segnato la storia. E ancora: come cogliere le sfide che sono poste ai cristiani in questo tempo di paura e chiusure, immersi in una modernità che sembra sempre più indifferente a Dio; come saper affascinare i giovani, risvegliando in loro le domande sul significato del vivere e l’ardore, la passione perché la fede impasti tutta la vita, la società, la cultura, la politica. La condivisione e il sostegno pieno al magistero di papa Francesco.

Condividi

Focus

Fraternità universale e amicizia sociale: orizzonti di buon governo

La migliore politica è carità

di Alberto Ratti* - Papa Francesco, sulla scia di molti suoi predecessori, definisce la politica come «una delle forme più preziose della carità» (Fratelli tutti n.180); l’apporto tipico e caratteristico che sgorga dalla carità cristiana è quello di spingere il più possibile la dimensione della giustizia verso la dimensione della solidarietà, che non contrasta con le esigenze fondamentali di giustizia proprie dell’organizzazione sociale degli uomini, ma che a partire da quella prova a evidenziare gli aspetti che accomunano maggiormente gli uomini e le donne fra di loro nella prospettiva di un comune destino, nel sostegno proattivo ad una collaborazione sostanziale fra persone, facendosi carico gli uni delle sorti degli altri e viceversa, dilatando così le dimensioni della giustizia fino alla misura piena e incalcolabile della solidarietà.

Condividi

Fatti e idee

Progettazione sociale “Idee in Movimento”. I quattro progetti vincitori del concorso 2021

Tra musica ed economia circolare

Sono quattro le esperienze di Progettazione sociale, sui 33 progetti presentati, vincitrici del Bando che il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica (MLAC) ha emesso lo scorso anno e premiate durante la due giorni di Progettazione sociale svoltasi il 10 e 11 aprile 2021 in piattaforma web, vista la situazione pandemica in corso. La Progettazione sociale, arrivata alla sua quindicesima edizione annuale, è nata da una collaborazione tra MLAC, Caritas Italiana, Progetto Policoro e Ufficio nazionale Cei di Pastorale sociale e del lavoro. Hanno vinto il concorso i progetti: Ape-riamo tutti, dalla diocesi di Isernia; Trama(n)Dare, dalla diocesi di Taranto; Radio del Rey, dalla diocesi di Cremona; Orchestra dei Ragazzi Senior”, dalla diocesi di Avezzano.

Condividi
Lo spazio pubblico è abitato da un popolo, la concordia è il collante dell’identità urbana. Famiglia, ambiente, giustizia sociale contro le derive dell’individualismo

La sfida dei cristiani affinché le città non diventino incivili

di Luigi Alici, articolo pubblicato su «Avvenire» del 8 aprile 2021* - Una città che s’illude di “vendersi” come luogo di consumo totale, contenitore indifferenziato di pulsioni individualistiche, non ha nulla da dire né alle formazioni sociali più intense e generative, come la famiglia, né alle grandi battaglie per i diritti di cittadinanza, per la pace, la giustizia sociale, la salute globale. È nella disarticolazione di questa alleanza che la città rischia di giocarsi il proprio futuro, quando le macerie della pandemia appariranno in tutta la loro gravità, di ordine non solo sanitario ma economico, sociale, culturale, spirituale. Anche i cristiani però - soprattutto nelle società industriali avanzate - rischiano di essere sepolti sotto le stesse macerie, se non sapranno collocare il proprio “ospedale da campo” fra il centro e la periferia della città, dove i conflitti possono esplodere in modo incontrollabile e dove il duello fra miseria e misericordia diventa cruciale.

Condividi
Il vademecum «Parliamo di sostenibilità. Cosa serve sapere per intraprendere la strada della rendicontazione sociale» curato dalla Presidenza nazionale Ac

Sostenibilità e vita associativa

La vulnerabilità sociale, spesso rivelata più che causata dalla pandemia, può essere percepita sempre più dalla comunità cristiana, alla luce della fede e della speranza, come urgenza verso una “rinascita sociale” che chiede di essere riconosciuta come il fondamento di una nuova organizzazione sociale della vita quotidiana delle nostre città e dei nostri territori. Diventa pertanto necessario rileggere e ripensare la vita associativa secondo i criteri della sostenibilità che coniuga al futuro l’impegno formativo e l’attività di animazione culturale e sociale delle nostre comunità a partire dalla domanda che ha animato il cammino verso la XVII Assemblea e cioè “per chi siamo?” ossia per quali persone, per quali domande profonde, per quali desideri e istanze concrete, per quali bisogni sociali e ambientali.

Condividi
Dal blog di «Dialoghi» - Questo tempo ci ha raccolti di più, ed è un bene

Famiglia nel tempo del distanziamento

di Giovanni Grandi - Stiamo riscoprendo che si può vivere bene anche più raccolti, ed è lo spazio ad insegnarcelo rispetto al tempo. Il distanziamento, in famiglia (e certo grazie alla numerosità e varietà dei componenti), è diventato un’opportunità di raccoglimento, occasione per sondare le profondità dell’ordinario, per avvertire meglio il gusto del vivere semplice. Mi chiedo se una maggiore attenzione alla cura di questa dimensione “ristretta” non possa essere una prospettiva di vita buona anche nel post-pandemia. Quando lo spazio si dilaterà nuovamente, forse, occorrerà non dimenticare questa piccola lezione su come poter vivere più saggiamente il tempo che ci sarà dato.

Condividi
Ac e Telethon 2021

Ancora insieme per la Campagna di Primavera

Il 1° e 2 Maggio, in occasione della festa della mamma, nel rispetto delle normative anti-Covid, possiamo ancora una volta aiutare la Fondazione Telethon organizzando un punto di raccolta fondi nelle nostre parrocchie o dove possibile per distribuire i “Cuori di biscotto”. Come lo scorso anno si potrà procedere anche con la distribuzione tra parenti, amici e conoscenti. Un modo alternativo per continuare ad essere #Presenti! anche dove non sarà possibile organizzare i banchetti. Al fianco di tutte le mamme che credono nella ricerca, che non si arrendono, che combattono e che insegnano ai loro figli che realizzare i propri sogni è possibile, anche con una malattia genetica rara. Per partecipare alla campagna compila la scheda di adesione e inviala entro il 26 aprile 2021 scegliendo tra: e-mail: volontari@telethon.it, fax: 06 44015513, posta: Fondazione Telethon, Via Varese, 16b - 00185 Roma, c.a. Segreteria Volontari.

Condividi
Nella tua Dichiarazione dei redditi inserisci il Codice Fiscale 96306220581 nel riquadro destinato al sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale

Firma per noi. Fai un’Azione cattolica

Anche quest’anno al momento della Dichiarazione dei redditi è possibile destinare il 5xmille alla FAA (Fondazione Apostolicam Actuositatem) che sostiene l’Azione cattolica italiana nella sua mission, attraverso la promozione culturale e alcuni progetti che danno concretezza ad antiche e nuove attenzioni. Quali? Cura la formazione, Soccorre, Fa compagnia, È attenta all’ambiente, Invita a pregare, Fa rete nel mondo. Firma per noi anche tu. Fai un’Azione cattolica. Sostieni la più grande associazione di laici cattolici in Italia. Presente con una secolare storia in quasi 5.400 parrocchie di 219 diocesi, con più di 271.000 soci e oltre un milione di persone, tra ragazzi, giovani, adulti e sacerdoti, coinvolte nella vita associativa a diversi livelli, che offrono quotidianamente il proprio contributo per il bene della comunità ecclesiale e civile del nostro Paese e non solo.

Condividi
XVII Congresso nazionale Msac - Studenti per una scuola di tutti – online 11/18 aprile 2021

Scegliamo il noi

di Adelaide Iacobelli, Lorenzo Zardi, don Mario Diana e l’Équipe nazionale del Msac- Dopo essere stati costretti a rimandare di un anno il XVII Congresso nazionale, siamo lieti di riprendere il percorso che in ogni parte d’Italia, in ogni Congresso diocesano, ci ha portato a dire SCEGLIAMO IL NOI! perché sentivamo forte il desiderio di essere Studenti per una scuola di tutti. Infatti, alla luce di quanto vissuto, con ancora più convinzione vorremmo che il titolo del nostro Congresso testimoniasse il desiderio di sentirci fratelli gli uni degli altri e quello di impegnarci come associazione studentesca perché la scuola diventi sempre più un luogo in cui imparare a pronunciare la parola “noi” e non la parola “io”, senza lasciare nessuno indietro.

Condividi
XVII Congresso nazionale Mlac – Tra digitale e intelligenza artificiale – online 16/18 aprile 2021

Il lavoro che cambia, dopo la pandemia

di Tommaso Marino, Maurizio Biasci e don Fabrizio De Toni* - Il XVII Congresso Mlac  Il lavoro  che cambia, dopo la pandemia proverà a fare il punto di cosa è diventato il lavoro oggi, e come cambierà per sempre in alcuni suoi aspetti. Parleremo dei suoi aspetti pastorali, economici, sociali e di impatto sulla vita di tutti noi. Mentre speriamo di avvicinarci sempre di più al termine della pandemia, è inoltre necessario riprendere i temi del cambiamento climatico e del modello di sviluppo che vogliamo, certi come siamo che riusciremo a ri-partire più forti di prima. I giorni che viviamo ci chiedono un di più: essere capaci di continuare e migliorare l’accompagnamento delle persone, sopratutto i più deboli e quelli che sono rimasti indietro, con le attività di vita associativa e sociale.

Condividi
Unisciti al Rosario con il beato Pier Giorgio Frassati

Una forza enorme e sorridente

di don Paolo Asolan - Oggi 6 aprile, compleanno di Pier Giorgio: non lo celebreremo senza fargli il regalo di compiere la promessa che egli chiese ai suoi amici più cari:«Vorrei che noi giurassimo un patto che non conosce confini terreni, né limiti temporali: l’unione nella preghiera»(a I. Bonini, 15 gennaio 1925). E come lui stesso proponeva loro di sovente, la preghiera sarà un Rosario, con il quale chiederemo in particolare quest’anno di essere sostenuti e illuminati dalla grazia della castità. Ricordando che la dimensione affettiva e sessuale della vita è tanto centrale quanto bistrattata, spesso perché vissuta in conflitto o addirittura separata dall’identità e dall’anima della persona. Così c’è chi la enfatizza, chi la rimuove, chi la vive così come viene, chi la assolutizza, chi ne ha paura, chi ha già dovuto sperimentare dolorose violenze e abusi. I materiali da scaricare per partecipare al Rosario con il Beato Pier Giorgio Frassati

Condividi
Gli auguri di buona Pasqua del Collegio degli assistenti centrali di Ac

Il Custode del giardino

Ritorna l’annuncio di Pasqua, in un tempo difficile, pieno di smarrimento e di preoccupazione per il futuro. Ci sentiamo come Maria di Magdala al sepolcro (Gv 20, 11-18), presi dalla nostalgia del passato, ma privi di una prospettiva per i giorni che verranno. Eppure, Maria, quel mattino, riconosce il Signore Risorto, permettendo a noi di fare altrettanto, adesso, dentro la fatica del nostro presente. A questo proposito non ci possiamo perdere un dettaglio suggestivo: la discepola riconosce il Vivente non alla vista degli angeli e neppure soltanto quando il Maestro le rivolge la parola e la chiama per nome. C’è, in realtà, un passaggio intermedio: Gesù viene incontrato come custode del giardino e già chiamato “Signore” fin da quel momento...

Condividi