L’Ac prende il largo

Molfetta, Teramo, Gallipoli, Latina, Padova, Chiavari: le associazioni diocesane e parrocchiali si rimettono in moto. È arrivato il tempo dei campi Ac

Due anni caratterizzati da cambiamenti repentini e imprevisti che hanno profondamente modificato il nostro modo di relazionarci, di vivere i legami amicali e anche associativi. Ecco perché l’Ac prende il largo: perché è necessario stare in questo nuovo tempo, acquisire nuovi linguaggi, mettersi alla prova. Occorre, dunque, capire tali cambiamenti e “stare” in questa crisi, possibilmente agendo da protagonisti del cambiamento e non subendolo. È così che l’Ac prende il largo (leggi qui le date dei campi nazionali)

L’Ac prende il largo … Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi

Sono, queste, le prime domande che hanno fatto da sfondo al campo diocesano di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi che si è tenuto l’8-10 luglio presso il seminario arcivescovile “Don P. Uva” a Bisceglie. La crisi può farci rinascere? Dimostrate con i fatti che avete cambiato vita (Mt 3,8): fatti e racconti di vita che hanno avuto l’apporto di Alessandra Augelli, docente di Pedagogia interculturale all’Università Cattolica e coordinatrice del gruppo pedagogico dell’Azione cattolica ambrosiana, e di Michele Tridente, segretario nazionale dell’Azione cattolica e già vicepresidente giovani nazionale.

… Latina-Terracina-Sezze-Priverno

«Caro giovane, sei invitato al Convegno giovani 2022». Inizia così l’invito che l’Ac di Latina-Terracina-Sezze-Priverno, parrocchia di San Domenico Savio a Terracina, fa ai “suoi” giovani per l’evento organizzato il 15 luglio. Un incontro di vita, fede e testimonianza con la partecipazione straordinaria di Agnese Moro. C’è una crepa in ogni cosa, ed è da lì che entra la luce: il tema, affascinante e appassionato, segue il sentimento delle giovani generazioni. Perché dalle ferite si cambia il mondo. Una tematica che si replica l’8-13 agosto nel campo giovani diocesano a Montefiascone: ricucire le relazioni, in un “campo biblico” che apra alla vita.

… Teramo-Atri

Un campo adulti dedicato a Carlo Carretto, quello della diocesi di Teramo-Atri che si è svolto a Montefalco l’1-3 luglio in modalità itinerante tra Assisi, Spello e abbazia di Sassovivo. «Dio non ha fretta nel fare le cose; e il tempo è suo e non mio. Ed io, piccola creatura, uomo, sono stato chiamato a essere trasformato in Dio per partecipazione. E ciò che mi trasforma è la carità, che Dio ha infuso nel mio essere. L’amore mi trasforma lentamente in Dio». Con queste parole Gianni Di Santo, redattore di Segno nel mondo e autore de Il profeta di Spello, una biografia su Carlo Carretto, ha introdotto l’incontro su fratel Carlo, una testimonianza profetica che ci aiuta ancora oggi a riscoprire la chiamata alla santità.

… Chiavari

E se l’Ac della diocesi di Chiavari l’8 luglio ha pensato bene di iniziare l’estate tra antipasti misti, lasagne e dolci (perché, anche una cena, è un modo per condividere esperienze, specie se rivolta a tutti), poi replica il 26 luglio, presso il Santuario delle Grazie, per un’occasione di incontro più “spirituale”, cercando di riflettere, pregare, ascoltare sul tema della pace nel tempo di oggi. Aiutati da musica e buone letture.

… parrocchia di San Martino in Cazzago di Pianiga

Strepitoso per eleganza e notizie fornite la brochure informativa sui campi estivi di luglio e agosto redatto dalla parrocchia di San Martino in Cazzago di Pianiga (Ve), diocesi di Padova.
«Carissimi – scrive Leonardo Milan, educatore e presidente della parrocchia di San Martino – dopo due anni in cui non abbiamo svolto attività di campiscuola Acr (tranne per Giovanissimi e Giovani) – bensì avevamo portato avanti delle attività Km0 per i ragazzi– siamo felici di riprendere la tradizione dei campiscuola nella nostra parrocchia. Tutto questo ci dà gioia ed entusiasmo». La brochure si apre con una citazione tratta dal vangelo di Marco, «Salì poi sul monte, chiamò a sé quelli che voleva ed essi andarono da lui. Ne costituì Dodici – che chiamò apostoli –, perché stessero con lui e per mandarli a predicare con il potere di scacciare i demòni». E poi, tra foto, news e addirittura una dettagliatissima nota su cosa (e non) portarsi al campo, ecco una postilla sull’uso dei cellulari che vale la citazione: per il camposcuola Acr 6/8 (2-3 Primaria) non è previsto un contatto con le famiglie durante la “tre giorni”. Se vi saranno necessità, saranno i responsabili a chiamare a casa. Per tutti gli altri campiscuola, sarà possibile portare un cellulare (se i ragazzi ne sono dotati) con il quale potranno chiamare a casa la sera. Qualora non disponessero di un telefono, i genitori potranno chiamare i responsabili del camposcuola (verranno forniti i contatti il giorno della partenza). I cellulari durante il giorno verranno conservati spenti dagli educatori. In ogni caso, tutte le chiamate avverranno tra le 19.30 e le 21.00. 

… Nardò-Gallipoli

Dalla diocesi di Nardò-Gallipoli arriva un’altra bella iniziativa che ha un titolo davvero felice: Ma non t’importa –mantenere la rotta con il mare mosso (15-17 luglio, Oasi Santi Martiri Idruntini, Santa Cesarea Terme). I destinatari sono di età dai 19 anni in su, tutti gli educatori e animatori, ma anche soci e non tesserati che si vogliono avvicinare e conoscere l’associazione. Attenzione all’adultità personale per giungere all’accompagnamento alla fede. Luogo per rinsaldare l’aspetto vocazionale della chiamata educativa ed offrire occasioni di verifica e rilancio a chi già vive questo servizio da diversi anni. E allora, al di là delle parole difficili, spazio a dei momenti che già dal titolo evocano percorsi “altri” e creativi: Conosco delle barche, C’è bonaccia di nuovo, Da grande voglio fare il mare. 

Alla fine la sfida arriva proprio da una diocesi affacciata sul mare. Prendere il largo, alzare le vele al vento, e anche se il mare è agitato, guardare l’orizzonte davanti. E non averne paura.

Autore articolo

redazione