Casa San Girolamo (Spello) - Programmazione Quaresima 2020

Un tempo prezioso per abitare la vita

Versione stampabileVersione stampabile

Appuntamento tradizionale della Quaresima per l’Ac sono i weekend di Casa San Girolamo a Spello. Anche quest’anno, sei opportunità offerte ai giovani e agli adulti dell’associazione per vivere un momento di raccoglimento e di riflessione in preparazione alla Pasqua, in un luogo suggestivo per tutta l’associazione. Convinti che Spello possa rappresentare per tutti i soci un luogo significativo in cui far brillare la propria vita. Questo il calendario: 28 Febbraio-01 Marzo Per abitare la città giusta, animato da don Marco Ghiazza; 06 - 08 Marzo Riscoprirsi diversi e restare insieme (weekend per giovani sposi ), animato da don Tony Drazza; 13-15 Marzo Alla riscoperta dello Spirito, animato da don Ugo Ughi; 20-22 Marzo Percorso tra Bibbia e arte da meditare e contemplare animato da don Fabrizio De Toni; 27-29 Marzo Riscoprirsi fratelli accomunati da grandi sogni e piccole paure, animato da don Mario Diana; 03-05 Aprile Le icone della Passione di Gesù (weekend spirituale con la presidenza nazionale Ac), animato da don Mario Diana. Per informazioni: tel. 06.66132421 - info.spello@azionecattolica.it Per iscrizioni ai singoli eventi: tel. 06.66132324 – e.mail iscrizioni.spello@azionecattolica.it; oppure accedendo alla pagina web https://eventi.azionecattolica.it/spello

La Quaresima è tempo opportuno per riscoprire il silenzio e la preghiera, realtà complesse che suscitano una sorta di discrezione dell’animo, quasi un disagio interiore rispetto alla particolarità dell’argomento, che faceva dire al cardinale Martini «… mi pare che la preghiera sia una realtà di cui non si possa parlare». Una realtà che si può vivere, però: nel leggere e meditare la Parola, infatti, ognuno interpreta anche la propria storia, con emozioni e linguaggio personale.

E pur vero, la vita è piena di parole e di discorsi che nascondono la verità, la paura del silenzio e della riflessione interiore. Bisogna allora avere il coraggio di far discernimento su certe suggestioni personali e comunitarie: e questo si può fare solo nel silenzio. Lì, allora, la preghiera diviene presa di distanza dalle illusioni, luce che scandaglia e scopre equivoci e sottili ambizioni ammantate di religione. Si fanno più umili e semplici la parola e il gesto, e Dio è onorato con «timore», quel timore che non è paura, bensì amore e fiducia.

È tempo di Quaresima, dunque. Il Mercoledì delle Ceneri celebrerà l’apertura del tempo liturgico, che culmina nel Triduo Pasquale. Un tempo in cui la Chiesa ci invita ad una revisione della nostra vita alla luce degli insegnamenti evangelici; un tempo prezioso per abitare la vita; un tempo penitenziale in cui il cristiano con la meditazione si avvicina al mistero di Cristo, simbolo della giustizia di Dio che si attua mediante la sua fede. Una giustizia che viene dalla grazia, che ci spinge a riconoscere l’altro, e noi nell’altro; che ci porta a misurare la nostra povertà, le nostre fragilità e il nostro bisogno di un mondo più giusto, in cui tutti hanno diritto a ricevere ciò che è necessario ad un’esistenza veramente dignitosa.