LA STORIA DELL'AC

Home » Articoli » Unitari » Leggere: è il tempo giusto

Le proposte dell'Ave. In arrivo il libro del presidente di Ac

Leggere: è il tempo giusto

Un’estate con i libri dell’Ave. Armida Barelli, percorsi creativi tra arte e fede, cittadinanza e sport e il nuovo libro del presidente nazionale di Ac. Un percorso di lettura tra passato e futuro, avendo cura del "noi"
foto: Pixabay
foto: Pixabay

È sempre il momento giusto per ritagliarsi del tempo per leggere. Qualsiasi sia la stagione, che faccia freddo o caldo, dedicarsi a un buon libro rappresenta un arricchimento non soltanto intellettivo, ma anche e soprattutto, di spirito. Consapevoli che le parole sono il nutrimento dell’anima e della mente, l’Editrice Ave è approdata in libreria con tre titoli che hanno l’obiettivo di riempire momenti di riflessione e crescita. Il tempo giusto per una lettura che duri (clicca qui per gli altri libri usciti nei primi mesi dell’anno in corso).

La Sorella Maggiore

Uscito in libreria venerdì 2 giugno 2023 Armida Barelli. Il lungo viaggio delle donne verso la partecipazione democratica di Ernesto Preziosi, che è stato il vicepostulatore della causa di beatificazione di Armida Barelli, vuole approfondire un aspetto specifico della biografia della Sorella Maggiore e del ruolo da lei ricoperto nella Chiesa cattolica e nella società italiana nella prima metà del Novecento.

La vita di Armida Barelli, la sua esperienza ecclesiale e associativa è particolarmente intensa e presenta aspetti per certi versi unici, a partire dal ruolo dirigenziale ininterrottamente svolto ai vertici dell’Azione cattolica dal 1918 al 1949, alla collaborazione con tre pontefici, alla fecondità e ai risultati raggiunti con le varie opere che ha contributo a fondare e che ha guidato.

Se per impegno politico non ci si limita a considerare l’attività propriamente partitica, istituzionale e amministrativa, ma ci si riferisce al più vasto campo del lavoro socio-culturale e di animazione civile, il contributo della Barelli in questo luogo risulta senz’altro originale e di prima importanza, anzitutto perché volto all’organizzazione dell’associazionismo laicale femminile.

Dalle pagine del libro emergono non tanto il profilo di una “Barelli politica”, quanto l’importanza dell’azione formativa integrale anche ai fini dell’organizzazione di una coscienza civile. È un intento che cerca di superare alcuni superficiali stereotipi, per cogliere la complessità del rapporto tra i cattolici e la politica, rispetto al fascismo, alla democrazia, a una società che si andava laicizzando.

Arte e catechesi

Per gli appassionati di arte nella loro libreria non potrà mancare Bellezza e Parola. Percorsi formativi tra arte e catechesi. Gli autori don Fabrizio De Toni, assistente nazionale del settore Adulti di Ac e del Mlac e Veronica Rossi, vicepresidente Adulti dell’Azione cattolica della diocesi di Perugia – Città della Pieve, propongono un’esplorazione biblica che mette in dialogo arte e Parola, arte e fede. 

Da circa vent’anni, la Chiesa sta sperimentando un rinnovato approccio all’arte attraverso il quale riuscire a parlare alla vita di ciascuno. Oggi viviamo in un mondo in cui la disperazione sembra essere elemento presente nella quotidianità delle persone ed è proprio per questo motivo che è necessario accompagnarci reciprocamente a scoprire esperienze di bellezza, a guardare con occhio nuovo ciò che ci circonda. 

Bellezza e Parola sono chiamate e vocate a uno scambio costante come due facce della stessa medaglia, la quale deve essere mostrata, fatta toccare e consumata e non in esposizione dentro una teca inaccessibile ai più.

Orizzonti sportivi

La collana Laudato si’ sport si arricchisce di un nuovo volume Orizzonti sportivi. Epos, Ethos, Paideia, Polis che ha l’obiettivo di affrontare la complessità del fenomeno sportivo, partendo da quattro prospettive inusuali, che affondano le radici nella saggezza antica: epica, etica educazione e cittadinanza.

Ognuna di queste prospettive è affrontata da personalità di rilievo del mondo accademico e dello sport. Raniero Regni, professore ordinario di pedagogia sociale presso il Dipartimento di Scienze umane della Lumsa di Roma, cura l’epos mostrando come il gesto sportivo possiede una forza tale da generare narrazione. La passione e le emozioni che suscita lo sport creano valori condivisi e così Luca Grion, professore associato di filosofia morale all’Università degli studi di Udine, analizza i valori (ethos) olimpici antichi ma che possono essere considerati estremamente attuali. 

Il radicamento di questi valori porta all’educazione quindi alla paideia. Maria Cinque, professore ordinario di didattica e pedagogia speciale presso il Dipartimento di Scienze umane dell’Università Lumsa di Roma, chiarisce la differenza tra educare con lo sport e allo sport. 

L’educazione incide sulle scelte sociali determinando azioni comunitarie, costruendo la polis. Daniele Pasquini, presidente della Fondazione Giovanni Paolo II per lo sport, analizza il legame tra sport e società, soffermandosi sulle sfide per il futuro.

Il libro è arricchito dalla prefazione di Andrea Abodi, ministro per lo Sport e i giovani.

Un libro che osserva l’evoluzione dello sport nel tempo, fin dalle sue origini, che può dare linfa nuova per fronteggiare le sfide di oggi e di domani.

In arrivo il nuovo libro del Presidente di Ac

Verso noi. Prendersi cura della vita di tutti, è questo il titolo del nuovo libro firmato dal presidente nazionale di Ac, Giuseppe Notarstefano, che sarà disponibile subito all’Incontro delle Presidenze diocesane di agosto a Castel Gandolfo e subito dopo negli store digitali e librerie fisiche. Il cambiamento d’epoca che stiamo vivendo, scrive Notarstefano, sollecita una profonda conversione spirituale, globale, ecologica e pastorale. Nessuno si salva da solo. Per l’Ac, incoraggiata da papa Francesco a favorire un cammino sinodale non astratto né autoreferenziale, si apre uno spazio di cura e di servizio nella gratuità, nella paziente e umile tessitura di un “noi più grande”, per una nuova cultura dell’alleanza.

Autore

Articolo precedente