LA STORIA DELL'AC

Home » Articoli » Unitari » Sosteniamo insieme la Chiesa

Ac e Cei per il sostentamento del clero. I progetti unafirmaXunire e Uniti Possiamo

Sosteniamo insieme la Chiesa

Foto Sovvenire/Avvenire
Foto Sovvenire/Avvenire

È possibile rafforzare una collaborazione, ormai più che ventennale, tra Azione cattolica italiana e Servizio Cei per la promozione del sostegno economico alla Chiesa? La risposta è affermativa e legata anche allo sviluppo di due nuovi progetti parrocchiali: unafirmaXunire, sulla raccolta delle firme 8xmille – che ripartirà la prossima primavera con l’inizio del periodo fiscale – e Uniti Possiamo, dedicato alle Offerte per il sostentamento dei sacerdoti, il primo banco di prova di questa collaborazione a partire dal prossimo novembre.

Per una “rete di solidarietà” in parrocchia

Per raggiungere lo straordinario obiettivo di costruire insieme una “rete di solidarietà” in parrocchia, in occasione dell’Incontro nazionale delle Presidenze diocesane dello scorso agosto, sono stati consegnati ai partecipanti alcuni materiali: un volantino sulla collaborazione; un elenco completo delle parrocchie di ogni diocesi (finora sono 5.000) con la segnalazione di quelle iscritte ai due progetti sul territorio; il nominativo, l’indirizzo email e il recapito telefonico degli incaricati diocesani del “sovvenire” per permettere ai responsabili dei settori dell’Azione cattolica diocesana di mettersi in contatto con essi e iniziare un’efficace collaborazione nelle diocesi e nelle parrocchie.

Fare Chiesa con e a sostegno dei nostri parroci

Entrando nell’operatività vediamo due possibili scenari. Nelle parrocchie dove manca ancora il referente del “sovvenire”, i responsabili dei settori dell’Azione cattolica parrocchiale potrebbero impegnarsi a trovare, in sinergia con il parroco, una persona disponibile per l’incarico di referente parrocchiale del “sovvenire”. In quelle, invece, in cui egli fosse presente, i soci di Azione cattolica rappresenteranno un sostegno importante per aiutare il referente del “sovvenire” a promuovere i progetti prima citati.

Infine, i presidenti parrocchiali di Azione cattolica potranno, sempre in accordo con il parroco, far iscrivere nuove parrocchie a unafirmaXunire e Uniti Possiamo, e aggiungerne altre 500 alle 5.000 già operative entro la fine del 2024.

L’auspicio rimane quello di poter contare, già con il prossimo progetto per la raccolta delle offerte Uniti Possiamo, su un referente parrocchiale del “sovvenire” nelle parrocchie iscritte ai due progetti e un consistente gruppo di promotori parrocchiali del “sovvenire” che possano supportarlo. Sarà un segno tangibile di partecipazione e corresponsabilità alle necessità, anche economiche, della nostra Chiesa.

Autore

Prossimo articolo