Ac Trapani. Con le famiglie, per la scuola

“Con un quaderno in più, puoi aiutare anche tu” è l’iniziativa solidale dell’Ac diocesana di Trapani. Un sostegno concreto per le tante famiglie che anche a causa della crisi economica faticano a sostenere le spese scolastiche

“Ci penserò a settembre” è una frase che qui in Sicilia spesso pronunciamo sorridendo, rimanendo sdraiati al sole mentre ci godiamo le meritate vacanze. Per molti genitori però non è così: anche se stanno costruendo i castelli con la sabbia e giocando in riva al mare coi loro figli, non sorridono pensando a ciò che li aspetta con l’arrivo di settembre. Sono i papà e le mamme dei ragazzi in età scolare. Il ritorno dei figli sui banchi di scuola incide in media tra le 300 e le 500 euro su una famiglia con 2 ragazzi (dati Istat 2021) senza considerare la spesa per i libri di testo.

La nostra associazione diocesana di Trapani anche quest’anno, scenderà in campo per organizzare dei punti di raccolta di materiale scolastico nelle parrocchie dove siamo presenti o nelle piazze dei comuni del territorio.

Con un quaderno in più, puoi aiutare anche tu è un’idea nata dall’equipe adulti nell’estate del 2020 mentre riflettevamo su come poter continuare a dare il nostro aiuto alle (purtroppo) tante famiglie che si erano ritrovate senza un lavoro a causa della pandemia. Avevamo già fatto esperienza durante i mesi del lockdown di un servizio di volontariato per la raccolta e la distribuzione dei viveri in collaborazione con la Caritas e le vincenziane ma volevamo farci generatori di processi che diventassero stabili e duraturi in futuro.

L’attenzione ai bisogni dei ragazzi occupa da sempre un posto privilegiato nel cuore della nostra associazione; quindi, la scelta di metterci accanto alle famiglie per sostenerle nelle spese per la scuola donando quaderni, penne, zaini, compassi ecc. ci aiuta a fare si che il disagio economico non ostacoli il diritto allo studio.

Il primo anno in molti hanno aderito acquistando, oltre al corredo scolastico per i loro figli, qualcosa in più e lo hanno donato e abbiamo ricevuto anche un aiuto economico da parte della diocesi con i fondi dell’8xmille. Questo ci ha permesso di aiutare centinaia di famiglie e fare una distribuzione equa del materiale disponibile.
Lo scorso anno siamo rimasti meravigliati dalla partecipazione di molti adultissimi che, pur non essendo clienti abituali delle cartolerie, hanno organizzato la consegna di buoni acquisto dando così anche loro un contributo all’iniziativa.

Quest’anno, con la crisi economica, la guerra e l’aumento del costo delle bollette, anche se si respira a tratti aria di normalità, continuano ad essere tante le famiglie che non hanno i giusti mezzi economici per acquistare ciò che serve per la scuola. Abbiamo fatto rete con altre associazioni e ci auguriamo che la catena di solidarietà non si spezzi e inoltre, vorremmo aiutare anche i bambini e i ragazzi dell’Ucraina che sono stati accolti dalla nostra diocesi, acquistando vocabolari e libri da colorare bilingue per i più piccoli per facilitare l’apprendimento della lingua italiana e di conseguenza l’inserimento.

L’invito per tutti è quello di rendere attuali e attuabili le parole del beato don Pino Puglisi che ha speso e donato la propria vita per permettere ai ragazzi di costruirsi un futuro migliore attraverso lo studio: “Se ognuno fa qualcosa, insieme possiamo fare molto”. E così riusciremo a farci prossimo e ad essere sorridenti… anche quando torna settembre.

Pina Piazza è presidente diocesana Ac di Trapani

Autore articolo

Pina Piazza

Prossimo articolo