Dialoghi: L’infinito nel quotidiano