«Chiediamo il Ministero della Pace»