Quali paradigmi per ridurre le “inequità”