Un viaggio alla scoperta di fratel Carlo e del Santo di Assisi

Versione stampabileVersione stampabile

Una domenica di sole, quella di domenica 28 aprile, dove 91 pellegrini dalla parrocchia di Lucrezia si sono messi in viaggio verso Casa San Girolamo a Spello, luogo dove abitò Carlo Carretto, e verso Assisi sulle orme di San Francesco.

Ad accogliere i pellegrini, domenica 28, erano già presenti a casa San Girolamo un gruppo di educatori della parrocchia che dal giorno precedente avevano vissuto un momento di ritiro aiutati don Ugo Ughi. Significativa per i ragazzi fu anche la testimonianza di Pierangelo Comi, che visse per 16 anni accanto a fratel Carlo.

Arrivati a casa San Girolamo, casa appartenente all’Azione Cattolica Italiana, i pellegrini hanno avuto modo di conoscere la figura di fratel Carlo Carretto.

Fratel Carlo infatti, si ritirò li nel 1964 dove iniziò ad accogliere giovani e adulti in ricerca. Proprio grazie al silenzio, alla preghiera e al lavoro fratel Carlo dava a tutti quelli che lo desideravano l’ opportunità di entrare in sintonia con se stessi e mettersi in relazione con Dio.

Si è concluso poi, proprio in questo luogo, il ciclo di incontri iniziato ad ottobre proprio alla scoperta di Carlo Carretto grazie alla lettura di alcuni suoi libri. L’ultimo libro presentato è stato infatti “Io, Francesco”, dove fratel Carlo prende in considerazione la figura di Francesco, il santo di Assisi. Ecco allora che tutti hanno avuto modo di visitare i luoghi di Francesco. Di particolare importanza, la visita all’Eremo delle Carceri, dove Francesco passava 200 giorni di ritiro in preghiera all’anno e dove, ancora oggi, possiamo vedere l’albero dal quale Francesco parlava agli uccelli. La giornata si è conclusa con la visita libera ad Assisi e la preghiera conclusiva sulla tomba del santo.