È tornato alla casa del Padre don Fiorenzo Lana

Pastore con l’odore del gregge

Versione stampabileVersione stampabile

È tornato alla casa del Padre don Fiorenzo Lana, già assistente nazionale del Mlac dal 1999 al 2002 e assistente unitario dell’Ac di Torino. Era nato l’8 Dicembre del 1941, data importante per l’Azione cattolica e per lui che per tutta la vita ha servito, senza risparmi e senza condizioni, la Chiesa e l’associazione. Ha lavorato in aziende di elettronica, vivendo dal di dentro l’esperienza olivettiana a Ivrea. Poi, maturata la vocazione al presbiterato in età adulta, ha lasciato l’esperienza lavorativa per entrare in seminario. L’incontro con il cardinale Michele Pellegrino gli ha trasmesso la voglia di “Camminare insieme” alla gente, di ascoltarla, di farsi prossimo alle vicende delle persone, con un’attenzione particolare alla vita e alle problematiche di tutti i giorni, fornendo a ciascuno una indicazione, una strada, un insegnamento radicato nel Vangelo.

È tornato al lavoro, coniugandolo alla missione pastorale, per insegnare Elettronica ai futuri periti, vivendo la dimensione educativa delle giovani generazioni.
Alla fine degli anni ’90 è stato chiamato a svolgere il servizio di assistente nazionale Mlac, che ha vissuto con impegno profondo accompagnato da uno stile gentile e sobrio, ponendosi in ascolto delle persone e delle situazioni.
Tra le altre cose ci piace ricordare la risposta positiva che diede quando don Giorgio Piovano, da poco scomparso, ha invitato un confratello a vivere assieme a lui in un modesto appartamento in città, uomini tra gli uomini. Una convivenza tra confratelli che è stata di esempio per tutti.

In questo 2 Ottobre, primo venerdì del mese e festa degli Angeli Custodi, ricordiamo don Fiorenzo come un grande uomo e sacerdote capace di accompagnare tutti con la speranza propria del Vangelo che studiava e proponeva con sapienza e intelligenza. Con lui si poteva discutere e dialogare su ogni tema, spaziando dalla vita dell’uomo alle questioni importanti della Chiesa locale e nazionale.
Oggi, giorno in cui ricorre anche la festa dei nonni, affidiamo don Fiorenzo alle cure del Padre, sicuri come siamo che dall’alto continuerà a guidarci ed assisterci.