LA STORIA DELL'AC

  • istituto Bachelet

Premio Tesi di Laurea

La Fondazione Istituto dell’Azione Cattolica Italiana per lo studio dei problemi sociali e politici “Vittorio Bachelet”, bandisce ogni anno un Premio per Tesi di Laurea sullo sviluppo e la riforma delle istituzioni democratiche, la partecipazione e la cittadinanza attiva.

Sono ammesse Tesi discusse presso Università italiane o pontificie, limitatamente ai Corsi di Laurea Specialistica o Magistrale (con esclusione delle Lauree di primo livello) per le Università italiane e limitatamente al Corso di Licenza per le Università pontificie.

Possono presentare domanda di partecipazione, seguendo le indicazioni che di volta in volta vengono diffuse attraverso il bando annuale, i laureati in Giurisprudenza, Scienze Politiche, Sociologia, Filosofia, Storia e affini, la cui Tesi abbia attinenza con i temi che sono oggetto dell’attività di ricerca dell’Istituto e cioè: lo sviluppo e la riforma delle istituzioni democratiche, la partecipazione e la cittadinanza attiva, con particolare riguardo all’esperienza italiana dell’età contemporanea.

Il Premio viene conferito ad insindacabile giudizio di una Commissione giudicatrice composta da tre membri designati dal Consiglio Scientifico dell’Istituto Vittorio Bachelet.

Il vincitore del Premio illustra tradizionalmente la propria ricerca nell’ambito dei lavori del Convegno Bachelet che di norma si svolge nel mese di febbraio di ogni anno.

Edizione 2023Bando Vincitori
Edizione 2022BandoVincitori
 e menzioni speciali
Edizione 2021BandoVincitoridott.ssa Elena Rotondi con la tesi “Educare alla Comunità: la Democrazia di John Dewey” dott.ssa Ilaria Baisi con la tesi “15 anni di partenariato pubblico privato: origini, sviluppo e possibili scenari futuri in tempi di crisi economica
Edizione 2020  A causa delle restrizioni per la pandemia Covid-19 il Premio è stato sospeso
Edizione 2019BandoVincitore
dott. Alessandro Fricano con la tesi “Il libero mandato parlamentare: origini e attualità di un istituto di garanzia costituzionale 
Edizione 2018BandoVincitore
dott. Diego Baldoni con la tesi “Il ruolo delle opposizioni nella prospettiva di una riforma dei regolamenti parlamentari
Edizione 2017BandoVincitore
dott.ssa Valeria Zampiglia con la tesi “Democrazia partecipativa, cittadinanza e inclusione: le politiche partecipative in favore degli immigrati e dei minori
Edizione 2016BandoVincitore
dott. Edoardo Catarina con la tesi “Profili costituzionali dell’ordinamento interno dei partiti politici. Una comparazione tra Italia e Germania” Menzione per
dott.ssa Lorenza Mongiorgi con la tesi “Il fenomeno della ‘contrattazione’ delle leggi tra il Governo e le Regioni. Lo jus superveniens e la crisi del giudizio in via principale in attesa di una riforma costituzionale” dott.ssa Fabiana Musilli con la tesi “La discussione parlamentare nella riforma dei regolamenti di fine anni novanta e nelle successive evoluzioni interpretative
Edizione 2015BandoVincitore
dott. Stefano Rossa con la tesi “L’evoluzione istituzionale: dalla provincia alla città metropolitana” Menzione per
dott. Matteo Botta con la tesi “Quale regionalismo dopo l’esperienza dei piani sanitari di rientro?” dott. Luigi Innocente con la tesi “La crisi dei diritti sociali: fra crisi economica, giurisprudenza costituzionale, diritto dell’Unione europea e giurisprudenza della Corte EDU
Edizione 2014BandoVincitore
dott.ssa Corinne Cinelli con la tesi “La nozione di ‘metodo democratico’ e il problema dell’attuazione dell’articolo 49
della Costituzione
Edizione 2013BandoVincitori
dott. Matteo Vittori con la tesi “Principi ed esperienze applicativa della democrazia comparativa. Riflessioni a partire da una comparazione tra Italia e Francia” dott. Mattia Pioli con la tesi “L’economia responsabile: l’RSI fra teorizzazione ed applicazioni operative
Edizione 2012BandoVincitori
dott.ssa Linda Zingoni con la tesi “Il tempo della sfiducia. La contro-democrazia e la partecipazione attiva dei cittadini dott. Giordano Locchi con la tesi “Il dialogo dei privati con le
Pubbliche Amministrazioni nell’ordinamento europeo