Il richiamo al Governo Draghi del network #educAzioni di cui fanno parte le reti “ASviS” e “Per un nuovo Welfare” di cui l’Ac è componente

Il diritto all’educazione sia una priorità

Versione stampabileVersione stampabile

Il network #educAzioni (composto da 10 reti nazionali che comprendono centinaia di associazioni, ordini professionali, sindacati, organizzazioni di società civile) chiede al nuovo esecutivo che il tema del diritto all’educazione sin dai primi anni di vita sia posto al centro dell’azione del Governo e che si faccia un passo avanti coraggioso per investire sulla scuola e l’educazione.
In questi mesi difficili, il network ha elaborato proposte concrete su temi cruciali quali: la costruzione di una rete di asili nido gratuiti su tutto il territorio nazionale; la diffusione del tempo pieno e delle mense nella scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado; la riduzione del numero degli alunni per classe; i “patti educativi di comunità”, da realizzarsi con il coinvolgimento del terzo settore e dell’associazionismo civico; la riqualificazione degli ambienti scolastici, per garantire sicurezza e qualità degli ambienti di apprendimento; la riforma della formazione e reclutamento degli insegnanti e l’aggiornamento continuo di tutto il personale della scuola.
Su questi temi, la rete è certa di poter trovare nel neo ministro all’Istruzione Patrizio Bianchi un interlocutore attento e autorevole ed è pronta a collaborare per affrontare le prime importanti scadenze, a partire dalla definizione del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza per il “Next Generation Fund”.

I membri del network #educAzioni:
*Alleanza per l’Infanzia
*Appello della società civile per la ricostruzione di un welfare a misura di tutte le persone e dei territori – Per un nuovo Welfare
*Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile - ASviS
*Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza
*Forum Disuguaglianze e Diversità
*Forum Education
*#GiustaItalia Patto per la Ripartenza
*Gruppo CRC
*Tavolo Saltamuri
*Scuole senza Zaino