Giornata Mondiale della Gioventù 2016

A Cracovia, con il cuore “in uscita”

Versione stampabileVersione stampabile

di Lucia Colombo, Michele Tridente e don Tony Drazza* - Ormai possiamo dire che la Giornata Mondiale della Gioventù di Cracovia è davvero alle porte! Ci siamo lasciati accompagnare nel lungo percorso di avvicinamento a questo evento dalle parole e dai gesti di infinita tenerezza che porta ogni giorno alla nostra attenzione papa Francesco. Sì, perché nulla resta di più esemplificativo rispetto al tema («Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia», Mt 5,7) che il Papa ci ha proposto per questo incontro che le tante storie di misericordia, sostegno, relazioni buone, coscienze attente che egli ci affida quotidianamente, nella sua infinita attenzione alle tante fragilità di questo nostro mondo.

Francesco non smette mai di richiamarci alla forza dirompente di quel fiume di amore che «tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta» (1Cor 13,7), incarnato dai tanti misericordiosi che, nella silenziosa quotidianità delle loro vite, fanno molto e bene. E così ci ha accompagnati a scoprire che “misericordia” non è una parola, piuttosto sono fatti, atti, scelte, percorsi, attenzioni quotidiane  e intelligenti. A poco a poco ha ammorbidito il nostro cuore facendoci vedere, sentire, vivere tutto il bello di questo grande dono e di questa forte responsabilità.

Ci troviamo qui, dunque, pronti a partire. Pronti a condividere questo percorso di riscoperta della misericordia, divina e umana, con tantissimi giovani provenienti da tutte le parti del mondo non a caso a Cracovia, patria di due grandi, immensi testimoni di misericordia: Giovanni Paolo II e suor Faustina. Due esempi di grande umanità e di infinito affidamento al Dio di Amore.

«Dove sono due o tre riuniti nel mio nome» (Mt 18,20), ci ha detto Gesù: e allora per noi assume un significato particolare che l’apice di questo percorso sia proprio il ritrovarci insieme, giovani di tutto il mondo, non per sentirci tanti e forti, piuttosto per unire i cuori in un’unica preghiera, per incrociare i nostri percorsi e lasciare che essi si contaminino a vicenda, per chiamare lo Spirito a soffiare forte sulle nostre vite e farne sempre più e sempre meglio porti di misericordia, in una preghiera che si faccia tetto per il mondo.

Provenienti ognuno dalla propria terra, ci muoveremo insieme per vivere questo grande incontro mondiale con una particolare attenzione al nostro essere famiglie diocesane. Tra i tanti italiani ci saranno anche molti giovani di Azione Cattolica, e ci saremo anche noi del Settore giovani nazionale assieme al Movimento studenti, con Gioele Anni e don Michele Pace, segretario e assistente. Un momento particolarmente significativo per i tantissimi giovani di Ac - e non solo - presenti a Cracovia sarà l’incontro pensato dal Forum Internazionale di Azione Cattolica, che si terrà presso la Chiesa dei domenicani martedì 26 luglio, alle ore 10.00, dove arriverà e sarà ospitato per tutto il periodo della GMG il Beato Piergiorgio Frassati, definito da Giovanni Paolo II l’uomo delle Beatitudini. E dunque, in attesa di ritrovarci tutti insieme in Polonia, ci affidiamo anche alla sua intercessione. E che il viaggio abbia inizio!

*Vicepresidenti e Assistente nazionali di Azione Cattolica per il Settore giovani