Gli auguri dell’Acr a Papa Francesco

Versione stampabileVersione stampabile

Questa mattina Papa Francesco ha ricevuto in udienza privata una piccola delegazione dell’Azione cattolica dei ragazzi (Acr) per gli auguri di buon Natale. Un appuntamento ormai tradizionale che si è rinnovato anche in questo anno segnato dalla pandemia e dalle conseguenti limitazioni ai contatti tra persone. Ad accompagnare Adriana (10), Carlotta (13), Niccolò (14 anni) e Riccardo (12 anni), acierrini della Diocesi di Albano, l’Assistente ecclesiastico generale dell’Ac, mons. Gualtiero Sigismondi, il Presidente nazionale dell’Ac, Matteo Truffelli, il Responsabile nazionale dell’Acr, Luca Marcelli, l’Assistente ecclesiastico centrale dell’Acr, don Marco Ghiazza. I ragazzi hanno portato in dono al Santo Padre prodotti utili alle persone accolte nel dormitorio “Dono della misericordia”, in via dei Penitenzieri, voluto da Francesco e destinato ai senzatetto.

A Papa Francesco è stata inoltre consegnata una copia di “La pace fa notizia”, il sussidio del Mese della Pace 2021. Lo strumento che accompagna l’iniziativa annuale Ac del prossimo gennaio dedicata alla costruzione di “percorsi di pace”, tracciata nel solco del messaggio di Francesco “La cultura della cura come percorso di pace” dedicato alla 54.ma Giornata Mondiale della Pace che verrà celebrata il primo gennaio 2021.

Anche in un tempo così unico e, per tanti versi, faticoso, siamo chiamati a stare accanto a ciascuno, specie ai più fragili e ai più bisognosi. Per questa ragione il Mese della Pace 2021 vedrà la realizzazione di un progetto nazionale di raccolta fondi a favore di Terre des Hommes, l’associazione impegnata da decenni nella tutela dell’infanzia e promotrice di iniziative specifiche legate alla crisi sanitaria, economica e sociale prodotta dalla pandemia da Covid 19. Un modo per essere davvero vicini alle nostre comunità e alle persone che le abitano diventando, secondo l’indicazione che il Papa ci ha dato lo scorso 8 dicembre, artigiani di fraternità.