LA STORIA DELL'AC

Home » Articoli » Unitari » Formarsi con Avvenire

Una proposta per tutti

Formarsi con Avvenire

C’era una volta il famoso “pezzo di carta”, fine ultimo di anni di sacrifici e studio al quale affidare la speranza di trovare un posto di lavoro ben retribuito e a lunga scadenza. Erano, quel diploma o quella laurea, il momento dopo il quale i libri potevano spesso venire accantonati per far posto alla graduale esperienza lavorativa acquisita di giorno in giorno. Ebbene, se anche quel tempo c’è davvero mai stato, oggi è impossibile pensare che, ultimato un ciclo di studi, non si debbano periodicamente verificare le proprie competenze e, soprattutto, acquisirne di nuove. Troppi i cambiamenti nell’era della doppia transizione, digitale ed ecologica, un’era in cui anche i riferimenti normativi sono in continua evoluzione.

È il tempo, insomma, della “formazione permanente”, che coinvolge non solo le imprese, ma anche gli enti del Terzo settore e il vasto mondo dell’associazionismo laico ed ecclesiale, le congregazioni religiose, le onlus. Un mondo che trae anche dall’informazione quotidiana parte del suo quotidiano aggiornamento e a cui, in particolare, si rivolgono i corsi di formazione online organizzati da Avvenire insieme a Rete Sicomoro. L’obiettivo è di offrire, all’interno di un universo valoriale solido e condiviso, strumenti didattici da subito spendibili sul mercato del lavoro e a un costo accessibile. Il primo corso realizzato a settembre ha avuto al centro il tema di Come organizzare una raccolta fondi efficace, mentre i due successivi saranno dedicati alla partecipazione ai bandi di finanziamento europeo e alla gestione integrata dei rischi.

Tra i partecipanti a queste prime esperienze (i nuovi corsi partiranno a gennaio, ed è ancora possibile iscriversi), sia laici che religiosi.

Eleonora Borgia, della Fondazione Missio, ha partecipato al corso sul fundraising proprio per «conoscere strumenti e tecniche da utilizzare sempre meglio per il bene della fondazione» e per «l’importanza dell’aggiornamento permanente».

Una necessità avvertita anche da un sacerdote, don Domenico Giannuzzi, parroco della parrocchia di Sant’Eustachio di Acquaviva delle fonti, in provincia di Bari. «Viviamo un tempo in cui c’è necessità di formazione più specifica, non possiamo accontentarci, dobbiamo acquisire linguaggi nuovi e, da parte nostra, ci piacerebbe valorizzare la raccolta fondi per allargare la nostra proposta nei confronti dei giovani». È la nuova normalità, la rivoluzione del “reskilling” che impone a tutti, nessuno escluso, sempre nuove competenze.

*Per qualsiasi informazione sui corsi è possibile visitare il sito internet formazione.avvenire.it, scrivere una mail a formazione@avvenire.it oppure contattare il numero 351 7417656 (telefono e WhatsApp).

Autore

Prossimo articolo

Articolo precedente