LA STORIA DELL'AC

Home » Articoli » Unitari » Le famiglie e il futuro del Paese

Le richieste del Forum delle associazioni familiari al Governo Meloni

Le famiglie e il futuro del Paese

Foto Shutterstock
Foto Shutterstock

In Italia, per le famiglie mantenere un figlio di età tra 0 e 5 anni costa 530 euro al mese, dai 6 ai 18 anni circa 390 euro. È una spesa che corrisponde a una percentuale tra il 50 e il 40% del costo di un adulto. Queste cifre sono frutto di una rielaborazione su dati Istat compiuta dall’Università di Verona e presentati dal Forum delle associazioni familiari in occasione del convegno “Dal costo del figlio al valore sociale ed economico della natalità”.
Se anziché al solo costo di mantenimento, si guarda invece al costo di accrescimento, che tiene conto anche delle spese per beni non strettamente necessari, quali l’istruzione, lo sport, le attività culturali e ricreative, le vacanze, l’assistenza…, nel caso di coppie con figli in cui entrambi i genitori lavorano, il costo medio sale a 1.100 euro mensili. Se si cumulano i costi dei figli dalla nascita fino alla maggiore età, il costo medio è di circa 125.000 euro per il mantenimento, e di circa 258.000 euro per l’accrescimento.

Una finanziaria che lascia poco alle famiglie

Sono queste le cifre che hanno spinto il presidente del Forum delle famiglie, Adriano Bordignon, a scrivere una lettera al ministro dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgietti, mentre il Parlamento discute la legge di bilancio per il 2024. Arrivata alle Camere lo scorso 31 ottobre, dopo la firma del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dal valore di circa 24 miliardi di euro e composta di 109 articoli e 6 allegati. Una manovra finanziaria che lascia poco per le famiglie, concentrata com’è su “cedolare secca per gli affitti brevi”, “aumento dell’Iva dal 5 al 10% su alcuni di prima infanzia e per l’igiene intima femminile”, “Spending review nei ministeri e ipotesi di recupero coattivo delle imposte non riscosse”, “Ponte sullo Stretto e taglio del cuneo fiscale”.

Le richieste del Forum al Governo Meloni

Il presidente del Forum delle famiglie chiede al ministro, e attraverso lui al Governo Meloni tutto, di fare di più. In particolare su: Asili nido, Congedi parentali, Decontribuzione delle lavoratrici con i figli, Assegno unico universale.
Si apprezza lo sforzo del Governo di aver messo a tema di Bilancio tali questioni, ma si chiede di: che il sostegno per gli asili nido diventi universale, cioè per tutte le famigli, senza limiti di reddito, di struttura familiare etc.; che i congedi parentali, e più in generale il tema della conciliazione tra vita lavorativa e vita familiare, ad oggi assente nella maggior parte del tessuto produttivo nazionale, anche con riferimento alla piena parità tra genitori lavoratori, sia affrontato in tempi brevi con apposite e adeguate misure legislative e fiscali; che la decontribuzione delle lavoratrici con figli sia universale e, soprattutto, strutturale, cioè non limitata al solo 2024; infine, che l’Assegno unico conservi a sé le risorse non utilizzate, non destinando ad altri usi di bilancio i cosiddetti “avanzi di gestione”, così che venga salvaguardato il principio che lo muove: rilanciare la natalità in Italia.

L’Ac sostiene le richieste del Forum delle famiglie

Per l’Ac le richieste formulate dal presidente Bordignon sono più che ragionevoli e necessarie. Il Paese vive già nel pieno di un inverno demografico, che chiama la politica a riconosce, quanto prima, da un lato il ruolo fondamentale dell’immigrazione e dall’altro l’importanza di politiche statali e regionali che incentivino la natalità.
«Non c’è futuro senza famiglia» ha più volte ribadito il cardinale Matteo Zuppi a nome dei vescovi italiani. Parole che l’Ac fa sue. Per il presidente della Cei «la natalità è una delle grandi battaglie decisive per il futuro dell’Italia», aggiungendo, «la famiglia non è un problema o qualcosa destinata ai retaggi del passato, ma l’unica risorsa che può garantire futuro alle persone: senza di essa le crisi economiche e le varie pandemie sarebbero state ancora più tragiche di quanto lo sono state e lo sono» (Assemblea Forum delle famiglie, marzo 2023).

Autore

Prossimo articolo

Articolo precedente