LA STORIA DELL'AC

Home » Articoli » Unitari » Contro le mafie che rubano speranza e futuro

Nota della Presidenza nazionale dell’AC

Contro le mafie che rubano speranza e futuro

La Presidenza nazionale dell’Azione Cattolica Italiana esprime forte preoccupazione per la recrudescenza, in queste ultime settimane, di atti mafiosi violenti e intimidatori, quanto ignobili e vigliacchi. La mano della criminalità organizzata è sempre presente: dalle escavatrici date alle fiamme nei cantieri della nuova 106, nella Piana di Sibari in Calabria, agli ettari di grano bruciati a Naro in Sicilia, presso la cooperativa “Rosario Livatino – Libera Terra” nata su terreni confiscati ai mafiosi.

Ancora una volta si colpisce chi lavora onestamente e chi cerca di riscattare dalla miseria e dal degrado la propria terra, ridandole dignità e futuro. Si cerca di fermare chi ha l’unica colpa di spendere la propria vita nella legalità, rifiutando di cedere a ricatti e a compromessi mafiosi e denunciando ogni forma di illegalità.

A tutti loro e a tutte le vittime della piovra mafiosa che soffoca il Paese, la Presidenza nazionale dell’Azione Cattolica Italiana esprime totale solidarietà e vicinanza. Invita tutti i suoi iscritti così come tutti i cittadini onesti e di buona volontà a farsi protagonisti attivi di azioni di solidarietà e vigilanza contro le mafie, in collaborazione con le istituzioni democratiche, le forze dell’ordine e la magistratura, e tutte le realtà della società civile impegnate a difesa della legalità.

La Presidenza nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, in fedeltà ai valori fondanti la nostra Repubblica, ricorda che siamo tutti chiamati a lottare contro coloro che rubano speranza e futuro a tanti nostri concittadini, a dare testimonianza della sofferenza delle molte vittime delle mafie e delle loro famiglie, a squarciare il silenzio che troppe volte accompagna l’agire delle mafie e i loro sporchi affari.

Facciamo nostre le parole dell’arcivescovo di Agrigento, mons. Alessandro Damiano, che ha espresso «prossimità umana ed evangelica» ai soci della cooperativa “Rosario Livatino – Libera Terra”, chiedendo «un impegno corale di tutti i cittadini dell’arcidiocesi con cui manifestare piena solidarietà ai soci della cooperativa che si impegnano da anni nella lotta alla mafia e all’illegalità, coltivando i terreni confiscati ai mafiosi», dimostrando di «essere un avamposto di resistenza alla criminalità organizzata».
E sottolineiamo quanto scritto in un post dall’Azione cattolica agrigentina, che attraverso la Presidenza diocesana manifesta «vicinanza a chi, tutti i giorni, dà testimonianza, col proprio lavoro, di legalità, di rispetto, di amore per questa nostra terra di Agrigento». Aggiungendo: «Il fuoco può bruciare il grano maturo, ma non può e non deve far abbassare la testa», «invitiamo pertanto tutti, a partire dai soci dell’Ac, a essere sempre, nel quotidiano, capaci di dire sì all’onestà e alla legalità, gente in grado di camminare… #atestaalta!»

Autore

Prossimo articolo

Articolo precedente