Casa di Betlemme - Hogar Niño Dios

Versione stampabileVersione stampabile

L’Hogar Niño Dios è una casa di accoglienza per bambini handicappati, abbandonati o in grave necessità, gestita dalle religiose della Famiglia del Verbo Incarnato. Le suore vivono e fanno “da mamma” ai 21 bambini e ragazze disabili fisici e mentali che altrimenti non avrebbero dove andare, oltre a seguire altri ragazzi disabili che vengono soltanto per seguire le attività pomeridiane.

L’Hogar Niño Dios è il prolungamento quasi fisico e naturale della Basilica della natività di Betlemme, sembra che ci sia un rapporto molto stretto di culle, di pianti di bambini, di preoccupazioni per la crescita. L’Hogar e la Basilica della Natività hanno questo stretto rapporto di vicinanza che rende sacro il cammino che dalla basilica porta a questa casa di accoglienza.

All’interno dell’Hogar vive una comunità di suore, di grande umanità, che ha scelto di prendersi cura di bambini abbandonati o handicappati, diventando la loro famiglia.

In un contesto già povero e caratterizzato da una situazione endemica di violenza e tensione come quello palestinese, i bambini disabili e affetti da malformazioni spesso vengono abbandonati dalle famiglie che vedono nell’handicap un disonore. Le madri non sanno come far fronte alle disabilità dei figli a causa della mancanza di una cultura dell’assistenza verso i più deboli e sfavoriti. Molte sono in ogni caso le famiglie che non sanno come trattare il familiare disabile o che, comunque, non credono che si possa fare qualcosa per migliorarne la condizione (scuole specifiche, terapie mirate) e quindi si limitano a nutrirlo e a mantenerlo in vita.

All’interno dell’Hogar i bambini trovano cuori pronti ad accoglierli e ad amarli.

La casa vive solo di provvidenza, di aiuto e non solo economico. Vive grazie ai tanti cuori e alle tante mani che scelgono di passare lì alcuni giorni al mese per fondersi in questi percorsi sacri indicati “da culle”.

La Presidenza nazionale dell’Azione Cattolica Italiana ha a cuore la missione di questa casa e potrà sostenerla anche grazie alla firme che raccoglierà con la campagna 5x1000.

Proposta di un’esperienza di servizio con i bambini di Betlemme: “Al vedere la stella…”