Lettera della Presidenza nazionale Ac alle Associazioni diocesane

A proposito del percorso assembleare

Versione stampabileVersione stampabile

Carissimi, come abbiamo avuto di dirci più volte in questo tempo, i mesi appena trascorsi hanno segnato in modi diversi il percorso assembleare: a causa dell’emergenza sanitaria, infatti, alcune associazioni non hanno potuto celebrare l’assemblea diocesana e altre hanno visto interrotto il percorso di rinnovo dei presidenti e delle presidenze diocesane.

Anche i livelli regionali e nazionale hanno dovuto modificare il calendario previsto: come sapete, nella riunione del 14 marzo il Consiglio nazionale aveva disposto di rimandare la XVII assemblea nazionale e i Consigli regionali elettivi.

Molte sono state le iniziative che in questi mesi avete messo in campo per far sentire a ciascun aderente e alla comunità ecclesiale e civile la vicinanza dell’Ac, facendo così sperimentare a ciascuno la capacità dell’associazione di essere “con tutti e per tutti”, di non lasciare mai indietro nessuno. Come Presidenza nazionale sentiamo il bisogno di ringraziarvi per questo, e di continuare a incoraggiare, sostenere e accompagnare tutte le associazioni diocesane e parrocchiali nel compito non facile di saper interpretare e abitare questo tempo inedito.

Nei prossimi mesi saremo anche chiamati a trovare le strade adeguate per portare a compimento il percorso assembleare, procedendo, in particolare, al rinnovo degli incarichi associativi. Si tratta di un’esigenza emersa in maniera forte durante gli incontri web che abbiamo avuto con voi in aprile, e che coinvolge tutta l’associazione, dalla dimensione diocesana a quello nazionale. Al tempo stesso condividiamo tutti la consapevolezza che il percorso assembleare – e in particolare il momento dell’Assemblea nazionale - riveste un significato particolare per la nostra associazione, che va al di là del rinnovo delle responsabilità associative e dell’elaborazione delle linee programmatiche triennali e che, come sapete, è legato anche e soprattutto alla possibilità di incontro, confronto e condivisione che gli appuntamenti assembleari ci offrono, con il coinvolgimento di tutta l’associazione, a partire dai bambini e i ragazzi dell’Acr fino agli adultissimi.

Alla luce di queste riflessioni, il Consiglio nazionale ha stabilito un calendario nel quale sono indicati i periodi in cui programmare il compimento delle diverse tappe del percorso assembleare. Abbiamo scelto di cadenzare nel tempo gli appuntamenti, secondo una scansione che leggerete nella delibera allegata e che qui vi riportiamo:

  • La XVII Assemblea Nazionale si svolgerà in una data non ancora stabilita compresa tra il 26 febbraio e il 2 maggio 2021;
  • I Consigli regionali elettivi dovranno svolgersi in un arco di tempo compreso tra 60 e 30 giorni prima dell’apertura dell’Assemblea nazionale;
  • Le associazioni diocesane che non hanno celebrato l’assemblea diocesana sono chiamate a farlo entro il 29 novembre 2020;
  • Le associazioni diocesane che devono indicare la terna per la nomina del presidente sono tenute a farlo entro il 30 giugno 2020.

Alcune di queste attività, naturalmente, non potranno essere svolte in presenza, e richiederanno perciò l’utilizzo di strumenti telematici: come già vi avevamo scritto, vi invitiamo ad utilizzarli, tenendo sempre presente l’importanza di utilizzare sistemi che permettano di mantenere la segretezza del voto e di dedicare un tempo congruo al confronto, che deve essere aperto e partecipato, per l’individuazione delle disponibilità. Crediamo inoltre che il tempo estivo che si apre davanti a noi, e in cui saremo chiamati a mettere ancora di più in gioco la nostra creatività associativa, possa risultare in molte specifiche realtà territoriali propizio anche per completare il cammino assembleare diocesano e cominciare a pensare, programmare e sognare il nuovo anno associativo.

Un pensiero particolare lo rivolgiamo a quelle associazioni che non hanno potuto vivere l’assemblea diocesana: sappiamo che per voi il compimento del percorso assembleare implicherà necessariamente alcune difficoltà e preoccupazioni in più, non solo di carattere organizzativo. Anche per questo il Consiglio nazionale ha scelto di lasciare un ampio margine di tempo entro cui scegliere. Vi assicuriamo naturalmente che la Presidenza nazionale è a vostra disposizione per valutare insieme con voi forme, tempi e modalità più adeguate per vivere in modo significativo la vostra assemblea. In particolare, ci sembra che sia possibile immaginare di svolgere l’assemblea in parte in presenza e in parte in formato digitale, dedicandole più appuntamenti cadenzati nel tempo e promuovendo un significativo lavoro di preparazione in piccoli gruppi.

Accanto alla delibera con cui si individua il nuovo calendario del percorso assembleare ne troverete una seconda, che affronta il tema specifico dell’età dei candidati del Settore Giovani. Come ben sapete, secondo il nostro Regolamento Nazionale d’Attuazione (art. 8 c. 2), i candidati del Settore Giovani non possono superare il trentesimo anno di età al momento dell’elezione. Molte associazioni diocesane, tuttavia, ci hanno segnalato che in questo tempo straordinario si è creata la situazione per cui persone che avevano già manifestato la propria disponibilità ad assumere un incarico associativo (consigliere o vicepresidente diocesano, incaricato regionale, consigliere nazionale) si sono trovate all’improvviso a non essere più “in regola” dal punto di vista anagrafico. Per questo il Consiglio nazionale ha deciso di “congelare” la situazione secondo i tempi che troverete indicati nella delibera, in base ai vari livelli dell’associazione.

Per completezza di informazione, vi ricordiamo che i congressi nazionali del Movimento Studenti e del Movimento Lavoratori si dovranno svolgere nell’arco di tempo previsto tra i consigli regionali elettivi e l’Assemblea nazionale.

Insieme ai Delegati regionali, restiamo a vostra disposizione per qualunque domanda, dubbio o difficoltà possiate avere in questo periodo, convinti che la condivisione e la compagnia reciproca sono uno dei valori aggiunti dell’Ac.

Augurandovi quindi buon lavoro, vi inviamo fraterni e cari saluti.

Roma, 28 maggio 2020

Matteo Truffelli, Presidente nazionale di Ac
Carlotta Benedetti, Segretario generale di Ac