Sospesi tra il “già” e il “non ancora”

In questa estate ibrida e indefinita, ricominciamo da sobrietà e senso del dovere – virtù cadute in disuso – ogniqualvolta si prende parola nella “sfera del pubblico”. Questa sì sarebbe una sorpresa squassante, una svolta significativa, nel mondo nuovo in predicato di venire