I giovani di Azione Cattolica alla XXXIV GMG di Panama

Uno stand per accogliere i giovani del mondo

Versione stampabileVersione stampabile

L’appuntamento è per mercoledì 23 gennaio, all’interno della Feria Vocacional al Parco Omar Torrijos di Panama alle 13.30. Mentre si attende l’arrivo di papa Francesco alla XXXIV Giornata mondiale della Gioventù, allo stand del Forum internazionale di Azione Cattolica tre rappresentanti del Coordinamento Giovani - Jorge Arrieta (AC Argentina), Francisco Ramirez (ACG Jovenes Spagna) Emanuela Gitto (ACI – Settore Giovani e MSAC) accoglieranno i giovani di Ac presenti con le delegazioni regionali e diocesane e tutti quelli che vorranno partecipare al momento d’incontro.

«Vogliamo partecipare con gioia alla Gmg – afferma Emanuela Gitto dell’Azione cattolica italiana, una dei tre rappresentanti del Coordinamento giovani -, testimoniando il servizio che svolgiamo quotidianamente nei nostri Paesi, dalla Spagna alla Romania, dal Venezuela all’Italia, dall’Argentina fino a Panama. In questo viaggio ci accompagnano tanti testimoni di AC, dal beato Pier Giorgio Frassati che è stato “compagno di strada” di tutte le Gmg, al cardinale Eduardo Pironio che ha realizzato la prima Gmg accogliendo l’intuizione di San Giovanni Paolo II. Allo stand i nostri coetanei potranno approfondire il profilo di 12 testimoni e troveranno del materiale utile sul Fiac e sul Coordinamento Giovani. Tutti i giovani, di Ac e non solo, saranno i benvenuti e anche chi è rimasto a casa potrà partecipare. Vivremo ogni momento in diretta social su Instagram, FB e Twitter».

Intanto sui social è partito il cammino in 9 tappe “Jovenes de AC valientes con Maria” che prepara alla celebrazione della Gmg attraverso 9 parole chiave, un video dei coordinatori giovani del Fiac, Luisa Alfarano e Michele Tridente e un testo di commento dell’Assistente ecclesiastico mons. Eduardo Garcia, pensato per raccogliere l’invito di papa Francesco ad essere giovani coraggiosi in cammino con la Vergine Maria.

La “valentia”, il coraggio, spiega Francisco Ramirez, è: «Un segno distintivo del cristiano che Maria ci ha insegnato con il suo “fiat” fiducioso. Così anche noi i giovani cristiani del XXI secolo abbiamo la responsabilità di essere coraggiosi per contribuire alla trasformazione del mondo vivendo con passione la nostra fede in Gesù Cristo».

Molta parte della Gmg di Panama, a causa della distanza geografica e del periodo dell’anno impegnato dagli esami universitari, correrà sul “filo” dei social per i giovani europei. «I giovani di Azione cattolica della Spagna – aggiunge Ramirez - si stanno preparando alla GMG a Panama con grande entusiasmo, vivendo questo evento con intensità e speranza e confidando nel fatto che sempre con Dio “qualcosa di importante accadrà”». Anche chi non riuscirà ad esserci fisicamente: «Parteciperà con la preghiera, seguendo il programma della Gmg nelle nostre diocesi e nelle équipe di vita nelle parrocchie, anche attraverso iniziative in simultanea con gli appuntamenti di Panama, per rimanere uniti, nonostante la distanza, in comunione e fraternità con i giovani della Chiesa universale».

I “padroni di casa” per l’Azione cattolica saranno in questa occasione i giovani argentini: «Abbiamo bisogno – afferma Jorge Arrieta – di essere protagonisti in una realtà sociale che ci colpisce in modo forte: una Gmg nel nostro continente, non solo rafforza i desideri e le energie per affrontare questa realtà, ma dà pure loro la certezza di sapere che Gesù cammina accanto a ogni giovane, con la sua storia e le sue croci. La Gmg è una benedizione per la nuova sfida che dobbiamo vivere come battezzati: far parte del rinnovamento ecclesiale che attraversa la nostra madre Chiesa e di cui non vogliamo essere esclusi come giovani. Celebrare questa grande festa della Chiesa giovane in America, ci impegna a riaffermare le nostre convinzioni e rinnovare il nostro servizio come membri della nostra Azione Cattolica, per poter essere fedeli discepoli missionari in ciascuno dei nostri ambienti, conquistando i cuori e aspirando alla santità che cerchiamo nel nostro cammino quotidiano». A Panama, la pastorale nazionale dell’Argentina, ha in programma un incontro e una iniziativa di adorazione eucaristica che si rivolge a tutti i giovani argentini presenti.

L’Azione cattolica italiana è presente a Panama anche con l’assistente nazionale del Settore Giovani, don Tony Drazza e due giovani, Caterina Donato ed Elena Cavalletti, che collaborano con Casa Italia, punto di riferimento per il Servizio di pastorale giovanile della Conferenza episcopale italiana.

Seguici su:
http://www.catholicactionforum.org
Facebook
@catholicactionforum
Twitter
Segretariato FIAC
@CA_Forum
Instagram
Catholic Action Forum
@catholicactionforum