Un cinema per i ragazzi di Betlemme

Versione stampabileVersione stampabile
Catholic Action Cultural Center

L'impegno per la pace promosso dall'Acr e da tutta l'associazione nel 2011 si è concretizzato con l'inaugurazione, il 5 gennaio, di un cinema a Betlemme. La testimonianza di Teresa Borrelli, resp. naz. Acr 

Teresa Borrelli, responsabile nazionale Acr

(In Terra Santa, per l'inaugurazione del cinema, era presente una delegazione dell'Ac con Teresa Borrelli, l'assistente nazionale don Dino Pirri, l'ex responsabile nazionale Mirko Campoli e la segretaria centrale Carlotta Benedetti)

“Essi provarono una grande gioia… e per un’altra strada fecero ritorno a casa”

Come i Magi, guidati dalla stella, si misero in cammino verso la grotta dove giaceva in una mangiatoia il Bambin Gesù, così anche noi siamo andati in questi giorni a Betlemme per incontrare il Signore e lo abbiamo trovato nei volti sorridenti, negli abbracci dei piccoli e dei grandi di questa terra così ricca di grazia e di luce.

Mercoledì 4 Gennaio una delegazione dell’Azione Cattolica Italiana si è, infatti, recata in questa città della Giudea per inaugurare, giovedì 5, il Cinema che è stato ristrutturato grazie all’aiuto dei tanti bambini e ragazzi dell’Acr d’Italia che nell’Iniziativa di pace del 2009 si sono impegnati a “caricare la pace”, a comunicare attraverso i tanti linguaggi,  questo grande dono del Padre per tutta l’umanità.

L’iniziativa di pace che caratterizza il mese di gennaio nel percorso formativo di tutta l’associazione è un’esperienza unica in cui i ragazzi si fanno prossimi e sensibili verso i fratelli che hanno bisogno di aiuto e di sostegno. In modo particolare, l’iniziativa di pace del 2009 ha aiutato tutta l’Acr a riflettere sulla pace come un dono prezioso e a ridare ai piccoli di questa terra un luogo in cui poter crescere, in cui potersi confrontare, in cui diventare uomini e donne capaci di scelte coraggiose e fedeli. Il cinema ristrutturato vuole essere così un’esperienza bella e vera in cui  ritrovarsi, parlare, imparare a comunicare sempre più che il Signore Gesù è la luce della nostra vita, la sola luce in grado di poter illuminare i nostri passi verso la felicità.

È stata così  l’occasione per esprimere la vicinanza e l’affetto che lega la famiglia dell’Azione cattolica alla Terra Santa, al suo Custode, Padre Pierbattista Pizzaballa ofm, a quanti la abitano, a quanti ogni giorno cercano ragioni di vita e di speranza per il loro essere testimoni credibili del Signore Gesù e della sua Parola. Questa nuova opera, che grazie al contributo economico dell’Acr, è stata realizzata, assume un significato e un senso nuovo se pensiamo ai tanti ragazzi, ai tanti giovani e alle loro famiglie che la abiteranno, alle relazioni significative che nasceranno e all’affetto che crescerà tra quanti la frequenteranno e la visiteranno anche come pellegrini o con gemellaggi.

Ieri siamo tornati a casa! Forse non per un’altra strada, ma sicuramente con la gioia grande nel cuore per aver incontrato, negli occhi di quanti abbiamo incrociato, il volto di Gesù  Bambino che oggi è nato nella nostra vita, che oggi è la nostra Pace, che oggi ci invita nuovamente a puntare in alto e a non dimenticarci mai dei nostri fratelli.

Vogliamo così, come i Magi d’Oriente, continuare tutti insieme, ragazzi, giovani e adulti di Azione cattolica a cercare il volto di Dio, a conoscerlo sempre di più, per poterlo amare qui e ora, nella nostra storia, nella tante persone alle quali vogliamo portare l’annuncio del Signore ed essere anche noi stelle di Dio per ogni uomo e donna di oggi.

Il mese della Pace 2012: la nuova missione è aiutare i bambini boliviani detenuti a rientrare nella legalità!