Josef Mayr-Nusser

Sugli altari Josef Mayr-Nusser

18 marzo 2017

di Anselmo Palini* -  Oggi a Bolzano, durante la Messa celebratta dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi è stato beatificato Josef Mayr-Nusser, dirigente dell’Azione Cattolica in quella che era la parte tedesca dell’arcidiocesi di Trento prima della seconda guerra mondiale. Rifiutato il giuramento di fedeltà ad Hitler, Josef viene imprigionato e spedito a Dachau. Morirà di stenti e torture durante il viaggio. Aveva 34 anni. La sua testimonianza di opposizione al nazismo è resa più significativa dal fatto che non siamo di fronte a un leader politico o sindacale, a un esponente della Chiesa o a un intellettuale, bensì a un semplice impiegato e padre di famiglia.