È online il numero di maggio/giugno 2017

Su Segno: don Milani, Lutero e l’Incontro Ac con Francesco

Versione stampabileVersione stampabile

A cinquant’anni dalla scomparsa del parroco di Barbiana, don Lorenzo Milani, grande educatore di giovani generazioni, il dossier di Segno di maggio/giugno torna a riflettere sul ruolo della scuola oggi. L’esperienza del sacerdote-maestro non è replicabile, ma ne restano pienamente condivisibili i valori di fondo. E la scuola continua a essere, come spiegano bene gli studenti di Ac (Msac), un fondamento della società e dovrebbe realizzare alleanze tra famiglia e studenti, con un dialogo tra generazioni. C’è ancora tempo per la buona scuola oggi. È tempo di provarci, insieme.
Il giornale torna poi – con racconti e belle foto – sulla festa-incontro con il Santo Padre lo scorso 30 aprile, durante la XVI assemblea nazionale dell’Ac. Papa Bergoglio ha invitato il popolo di Azione cattolica a fare un salto di qualità nell’evangelizzazione. Per accogliere e abbracciare tutti. Soprattutto – ha detto Bergoglio – il povero, chi è ferito dalla vita e chi si sente abbandonato, chi fugge dalla morte e cerca riparo tra le nostre case, nelle nostre città. Una festa di popolo, quella del 30 aprile, che ancora una volta vuole ribadire l’impegno dell’Ac a servizio della Chiesa e del paese.
Il giornale, poi, offre altri spunti di approfondimento. Un intellettuale come Filippo La Porta si confessa sul valore della cultura in un mondo “liquido”, mentre Saverio Xeres ci spinge a inoltrarci nel percorso umano e spirituale, rivalutato, di Martin Lutero.
Le due consuete rubriche chiudono il giornale: “il primato della vita”, affidata a don Michele Pace, assistente nazionale del Msac, e “perché credere” con una riflessione sulla mistica della fraternità affidata a don Antonio Mastantuono, vice assistente generale di Ac. (G.B.)