Stampa associativa

Ragazzi: news, rubriche e giochi per crescere insieme

7 gennaio 2016

di Paolo Reineri* - Una rivista tutta fatta “per” e “dai” ragazzi. La pubblicazione promossa dall’Azione cattolica e rivolta ai ragazzi dai 10 ai 13 anni è davvero speciale. Fin dalla copertina sono loro a metterci la faccia e a farla da protagonisti. E lo saranno ancora di più in futuro: la nuova rivista digitale (per tutti i lettori sarà sviluppata la versione cartacea e quella digitale) permetterà di aprire le porte della rete come una buona guida da seguire tra musica, immagini, consigli utili e tanto divertimento.

Foglie

Foglie: informazione e “fantasia”

22 dicembre 2015

La redazione di Foglie, rivista Acr per i bambini dai 7 ai 10 anni, è sempre pronta a tenere informati e non solo i suoi lettori. La volpe Doc, la coccinella Lella e la lumaca Chiò, e poi Guido il grillo e lo scoiattolo Elvis, la rana Giò e il castoro Tack e tanti altri simpatici amici vi aspettano con tante storie a fumetti, giochi da fare e inventare e grandi concorsi per mettere alla prova e premiare la fantasia di tutti i bambini. Foglie per ora resta fedele alla sua versione cartacea.

La Giostra, laboratorio digitale per la “generazione touch screen”

19 dicembre 2015

L’Azione cattolica italiana, con il prezioso supporto tecnico e redazionale dell’Editrice Ave, prosegue il percorso verso le riviste digitali. Dopo l’articolo di Gioele Anni e Gianni Borsa, interverranno da questo spazio web i direttori di tutte le testate di Ac per spiegare le novità e le conferme di ciascuna rivista. Dunque largo ai… bimbi: si inizia con La Giostra.

Per l’Ac sfida e passo avanti

15 dicembre 2015

di Gioele Anni* e Gianni Borsa** - Moderna, popolare, sostenibile: sono i tre aggettivi che stanno alla base della complessiva rivisitazione delle riviste associative, che comincerà col 2016 da un restyling e un rilancio di Segno e delle altre pubblicazioni promosse dall’Azione cattolica italiana. La novità principale riguarda – per alcune testate – il passaggio al “digitale”, mentre nei prossimi mesi sarà posta sotto i riflettori l’intera Area della comunicazione (sito, social network, ecc). La decisione è maturata nel corso dell’anno attraverso una lunga e articolata riflessione da parte della Presidenza e del Consiglio nazionale.

Il codice generativo e i suoi verbi

6 novembre 2015

di Mauro Magatti* - La Chiesa italiana vuole interrogarsi su un nuovo umanesimo in occasione del Convegno ecclesiale di Firenze, ma non è facile capire di quale nuovo umanesimo vogliamo parlare. Dobbiamo immaginare un mondo di individui tenuti insieme da sistemi tecnici sempre più efficiente e sempre più espressione dell’individualismo contemporaneo oppure si può immaginare una strada differente? Il codice generativo può aiutarci a star dentro questa dinamica molto potente aprendo uno spiraglio di umanizzazione.

L'albero della vita a Expo 2015

Il più viene adesso

31 ottobre 2015

di Maria Teresa Antognazza, anticipazione da Segno n.11/2015 – Venti milioni di visitatori dopo chiude l’esposizione universale di Milano “Nutrire il pianeta, energia per la via”. È presto per dire se Expo 2015 segnerà un cambio di passo nella direzione di una “globalizzazione della solidarietà”, della lotta alla fame e all’indigenza, di una reale sostenibilità ambientale? Ma, spenti i riflettori, si possono tirare le prime somme.

Dialoghi n. 3-2015

Presente e futuro delle città

17 ottobre 2015

La città è fattore di modernità e di sviluppo ma anche luogo di separatezze, di frammentazioni, talvolta di segregazioni. Ne da una lettura il dossier di Dialoghi (n.3/2015), il trimestrale culturale promosso dall’Ac, in arrivo in questi giorni ai suoi abbonati. Curato da L. Caselli e I. Vellani il dossier riprende alcuni contenuti del XXXV Convegno Bachelet. Ricchi di spunti di riflessione i contributi proposti da G. Arena, R. Camagni, M. Colasanto, C. Danani, R. Gatti, M. Magatti e I. Sanna. E ancora, le rubriche dedicate ai temi dell’attualità, le recensioni di libri e il profilo. Contributi di F. Bordignon, L. Ceccarini, C. Cirotto, G. Dalla Torre, U. De Siervo, A. Dessardo, C. Giaccardi, R. Grassi, F. Mazzocchio, A. Ratti, G. Tangorra.

Graffiti n.5-2015

Ogni punto è un... inizio

24 settembre 2015

Dopo l’estate gli inizi sono tanti, ma forse non tutti uguali. C’è di sicuro un anno in più alle spalle e un nuovo numero di Graffiti ad attendere i giovanissimi. Tra le su pagine: il Signore che ci aiuta a dare nuovo significato alle cose che viviamo, l’“immaginare” la scuola che vorremmo o l’entusiasmo per la nascita di un nuovo gruppo; e ancora: un giro nello spazio con i ricordi di Astro Samantha e un viaggio mente e cuore nel Nepal che ricomincia a vivere dopo il terremoto. La storia di chi ad un certo punto della sua vita sceglie come Bill Gates di intraprendere nuove strade.

Foglie n.6 e Ragazzi n.6-7-8 2015

Colori e sapori, tutti da leggere

1 settembre 2015

Alcuni contributi delle riviste ACR vanno online e potrai leggerli, sfogliarli e scaricarli attraverso il sito dell'associazione.

Tra le pagine di Foglie n.6 troverai i vincitori del concorso "Disegna un'invenzione", e poi la storia dei costumi da bagno, il fascino del secondo museo al mondo dedicato all'antico Egitto e un nuovo gioco con cui divertirsi quest'estate con gli amici, al mare, in montagna, in città...
Ragazzi n.6-7-8 è totalmente dedicato all'Expo di Milano e al valore del cibo. Da Malika Ayane a Javier Zanetti, da Andrea Segrè ai nostri suggerimenti per leggere, vedere, giocare e navigare, le pagine del giornale ti aiuteranno a scoprire la bontà e la ricchezza di un tesoro che dobbiamo custodire anche noi.

Incontri estivi, tra cielo e terra

10 agosto 2015

Incontri estivi, tra cielo e terra. È questo l’invito che Segno del mese di agosto fa gustare in un’estate duemilaquindici diversa e, per molti versi complicata, messa a soqquadro da un Mediterraneo “in fiamme” e da una crisi economica che è anche crisi sociale e politica dell’Europa tutta. I nostri incontri “spirituali” o semplicemente “terrestri” trovano rifugio sulle cime dolomitiche, per poi approdare nelle terre dell’est sognate e immaginate da una comunità monastica che a Ostuni celebra terra e cielo.