Miano: "Il Concilio è davanti a noi" - Apertura Convegno presidenze diocesane di AC, 28 aprile - 1 maggio 2012

Versione stampabileVersione stampabile

Comunicato n.2

Convegno delle Presidenze diocesane di AC
Esperti in umanità
Concilio, Azione Cattolica, formazione
(28 aprile/1 maggio 2012 - Roma, Domus Pacis, via di Torre Rossa, 94)
 

Franco Miano: «Il Concilio Vaticano II è davanti a noi. È una pianta giovane che ha appena iniziato a dare i suoi frutti. Frutti preziosi».

Sono 750 i delegati di Azione Cattolica in rappresentanza di circa 200 diocesi italiane, riuniti da oggi pomeriggio sino a martedì 1 maggio, a Roma presso la Domus Pacis, in via di Torre Rossa 94, per il Convegno nazionale delle Presidenze diocesane di AC. “Esperti in umanità, Concilio, Azione Cattolica, formazione” è il tema impegnativo intorno al quale ruoteranno le numerose relazioni in programma e il lavoro dei convegnisti.

Ancora una volta, nel cinquantesimo del Concilio Vaticano II, la più antica e diffusa associazione italiana di laici cattolici riunisce i propri “stati generali” per ribadire e rilanciare il suo servizio alla comunità cristiana e il suo impegno alla costruzione del bene comune, attraverso una proposta formativa che vuole guardare alla persona nella sua integralità, accompagnando tanti ragazzi, giovani, uomini e donne a far sì che diventino capaci di una sintesi feconda tra fede e vita.

Ad illuminare l’appuntamento associativo, la beatificazione di Giuseppe Toniolo, l’”economista di Dio”, in programma domani, domenica alle 10.30, presso la Basilica di San Paolo fuori le Mura a Roma. In rappresentanza di papa Benedetto XVI, presiederà la solenne cerimonia il card. Salvatore De Giorgi. A far festa, per colui che ha fatto della sua vita un capolavoro di servizio alla Chiesa e al Paese, più di 5.000 soci di Azione Cattolica provenienti da tutta Italia. Di questi, circa la meta parteciperà questa sera, a partire dalle ore 21.30, alla veglia di preghiera per il Toniolo sul sagrato di Piazza San Pietro.

«Sin dalla sua nascita quasi un secolo e mezzo fa», ricorda il Presidente nazionale dell’AC, Franco Miano, «la formazione è il cuore dell’Azione Cattolica, e l’anima del suo impegno missionario. È il momento e il luogo in cui insieme si ascolta la vita e si interroga la fede: Si impara ad essere - citando Paolo VI - “esperti in umanità”. Dando frutto a quella pianta ancora giovane che è il Concilio, la cui storia e certo ancora da vivere.

«Un evento umano», sottolinea il presidente Miano, «che, non si può negare, interpreta le stesse domande che forse in maniera più incerta e più affaticata sono presenti anche dentro il nostro oggi: quella di una Chiesa aperta e sensibile a tutte le dimensioni della vita, cordialmente attenta a tutto ciò che vive nel cuore delle persone; una Chiesa fortemente radicata nel mistero di Cristo, il tesoro della sua vita, la vita che la fa vivere: dunque povera, umile, essenziale, trasparente; quella di una vita cristiana capace di dare pienezza alle domande di intensa umanità che sono nel cuore di ciascuno di noi».

Sulla “Profezia del Concilio, speranza per l’uomo” relazioneranno, oggi pomeriggio, Enzo Bianchi, priore del monastero di Bose, Giovanni Grandi, docente di Antropologia applicata e mons. Simon Ntamwana, arcivescovo di Gitega e Presidente dell’Associazione delle Conferenze episcopali dell’Africa centrale.