Il documento finale del Sinodo dei vescovi dedicato ai giovani

Non temete, io sono con voi

Versione stampabileVersione stampabile

Approvato ben oltre la maggioranza qualificata dei due terzi il Documento finale del Sinodo dei vescovi dedicato ai giovaniI giovani, la fede e il discernimento vocazionale”. Il testo - attraversato dal filo rosso dell’episodio evangelico dei discepoli di Emmaus - affronta temi caldissimi quali gli abusi, la presenza della donna nella Chiesa, l’accoglienza dei migranti, l’attenzione agli ultimi, l’omosessualità. E si articola in tre parti. La prima mette a punto la situazione contestuale in cui i giovani sono inseriti, evidenziandone i punti di forza e le sfide. Una seconda parte è interpretativa: muove dalla fiducia che attraverso la creatività, l’impegno, le sofferenze e le richieste di aiuto dei giovani Dio parla alla Chiesa e al mondo. Infine, la terza parte raccoglie le scelte per una conversione spirituale, pastorale e missionaria. «Il risultato del Sinodo non è un documento - ha spiegato Papa Francesco a chiusura dei lavori -: lo Spirito Santo ce lo affida perché lavori nei nostri cuori. Siamo noi i destinatari del documento finale». La presenza dei giovani, una novità di questo Sinodo, segna profondamente il testo, dove si legge. «Camminando con loro, pellegrini alla tomba di Pietro, abbiamo sperimentato che la vicinanza crea le condizioni perché la Chiesa sia spazio di dialogo e testimonianza di fraternità che affascina. La forza di questa esperienza supera ogni fatica e debolezza. Il Signore continua a ripeterci: Non temete, io sono con voi». E ancora: «Pur provenendo da contesti molto diversi dal punto di vista culturale ed ecclesiale, abbiamo avvertito fin dall’inizio una sintonia spirituale, un desiderio di dialogo e una vera empatia. Abbiamo lavorato insieme, condividendo ciò che ci stava più a cuore, comunicando le nostre preoccupazioni, non nascondendo le nostre fatiche. Tanti interventi hanno generato in noi commozione e compassione evangelica: ci siamo sentiti un solo corpo che soffre e gioisce. Vogliamo condividere con tutti l’esperienza di grazia che abbiamo vissuto e trasmettere alle nostre Chiese e al mondo intero la gioia del Vangelo». Oltre al documento finale del Sinodo, vi invitiamo a leggere e scaricare: Ai giovani del mondo: la Lettera dei padri sinodali e Carissimo papa Francesco: la Lettera dei giovani presenti al Sinodo