Responsabile nazionale dell’Azione Cattolica dei Ragazzi: Anna Teresa Borrelli (2014-2017)

Versione stampabileVersione stampabile

Per tutti sono solo Teresa.

Vivo in un piccolo paese della diocesi di Bari- Bitonto che si chiama Sammichele di Bari. Ho due fratelli gemelli e 4 nipotini, Linda, Domenico, Giulia e Leonardo.

Sono un avvocato del Foro di Bari. Ho conseguito la Licenza in Diritto Canonico presso l’Università del Laterano a Roma e attualmente sono dottoranda in Diritto canonico presso la stessa Facoltà. Ho frequentato presso la Congregazione delle Cause dei Santi il corso di formazione per i Postulatori e in questo momento collaboro per alcune cause di canonizzazione.

Ho vissuto, sin da piccola, la mia appartenenza alla vita della comunità parrocchiale scegliendo l’Acr come esperienza in cui crescere e conoscere il Signore della gioia. L’Azione Cattolica della mia parrocchia, con la sua tradizione centenaria, infatti, ha rappresentato un punto di riferimento essenziale nel mio cammino di formazione. È qui che ho imparato lo stile dell’accoglienza e del dialogo, del sacrificio e, ancor di più, l’esercizio della speranza. Sono davvero grata al Signore per i volti di tante persone, gli incontri, le esperienze, le attività svolte nella ordinaria quotidianità, perché sono certa che è nella vita normale di tutti i giorni che è racchiusa la fedeltà al Signore, il servizio alla Chiesa locale, l’impegno di noi laici di essere fedeli al Vangelo e di creare uno stretto legame tra la buona Notizia e l’ esistenza.

Sono stata Responsabile diocesana dell’Acr della diocesi di Bari- Bitonto e grazie a questo mio impegno ho imparato ad amare ancora di più la mia Chiesa diocesana e la Chiesa universale e a servirla con gratitudine e nella gioia, con particolare attenzione ai piccoli, prediletti del Signore.

Da giugno 2008 sono stata chiamata ad un nuovo ed entusiasmante impegno come Responsabile di tutti i bambini e i ragazzi dell’Acr d’Italia, impegno riconfermato per questo triennio 2014 – 2017 con la certezza che il buon Dio non mi farà mai mancare il suo sostegno e il suo aiuto.

Sono membro della Consulta Nazionale dell’Ufficio Catechistico Nazionale e collaboro con la Rivista Catechisti Parrocchiali. Sono autrice e curatrice di diverse pubblicazioni.

Se mi è dato di esprimere un desiderio per questo tempo e per tutti i piccoli, vorrei che i ragazzi dell'Acr siano ragazzi che non si arrendono mai, che siano valorizzati dalla comunità per la loro originalità, perché noi ci crediamo fortemente che i nostri ragazzi sono ragazzi capaci a loro misura di scegliere, sono capaci di esercitare una responsabilità nei confronti dei loro coetanei, nei loro ambienti di vita, verso la loro famiglia. Oggi siamo chiamati a riscoprire e a credere un po' di più nella capacità dei piccoli di essere testimoni,  annunciatori e costruttori del Regno di Dio. I ragazzi sono capaci di esercitare e di vivere la corresponsabilità anche nei confronti dell'Azione Cattolica, perché sono una ricchezza, un dono per la sua vita. Hanno anche loro qualcosa da dare, sono anche loro a pieno titolo parte e parte importante di qualcosa che é più grande di loro, sono parte di una storia!