Il prossimo 4 marzo, alla Domus Mariae il Convegno dell’Azione Cattolica sulla Scuola

Imparare a dire noi! Scuola, alleanze e processi

Versione stampabileVersione stampabile

“Imparare a dire noi”, un’espressione che ricorda una vecchia canzone di Giorgio Gaber e che ci ricorda il valore del saper pensare e agire insieme, stringendo alleanze. Un dinamismo assai prezioso soprattutto se vissuto all’interno di luoghi, come la scuola, dove questo è assolutamente indispensabile affinché l’azione educativa, indirizzata a bambini, ragazzi e giovani, possa avere la sua efficacia. Ecco perché la Presidenza nazionale di Azione Cattolica, in collaborazione con il Movimento Studenti di AC e il Movimento di Impegno Educativo di AC, intende rilanciare il cammino già intrapreso negli anni scorsi, proponendo un momento specifico di formazione rivolto a tutti coloro che operano nel mondo della scuola: il Convegno Imparare a dire noi! Scuola, Alleanze, Processi, a Roma il prossimo 4 marzo 2017, presso la Domus Mariae - aula Barelli.

Siamo in un momento delicato per tutta la scuola italiana, in quanto è in atto il processo di attuazione, da parte del governo, delle deleghe de La Buona Scuola. Un momento in cui come Azione Cattolica Italiana siamo chiamati ad essere presenti ancora una volta in un dibattito che coinvolge tutto il nostro paese e in particolare la scuola.

Per questo vi invitiamo ad un momento di Convegno che si aprirà con una tavola rotonda in cui dialogheranno i rappresentanti dei diversi comparti che agiscono nella scuola, i quali introdurranno le diverse questioni che sono particolarmente significative nel contesto scolastico odierno e racconteranno esperienze significative di alleanze messe in campo per far fronte a queste questioni. Nei laboratori pomeridiani poi, cercheremo di pensare insieme prospettive e percorsi per poter renderci protagonisti, ciascuno nel proprio contesto di vita, di prassi di alleanza che possano rendere più efficaci gli itinerari di crescita e di maturazione nella scuola stessa.

Per raggiungere tale scopo riteniamo particolarmente significativa la partecipazione di tutti coloro che operano nella e per la scuola: dirigenti, insegnanti, studenti e genitori di Azione Cattolica e non. La ricchezza di prospettive data sia dalla provenienza, sia dal ruolo esercitato da ciascuno, risultano particolarmente significativi e importanti per rendere il dibattito ancora più interessante e proficuo. Tutti dobbiamo sentire la responsabilità di dare il nostro contributo per la crescita di un settore della vita del nostro Paese che sappiamo essere cruciale non soltanto per il futuro dei nostri bambini, ragazzi e giovani, ma per tutta la nostra società. Vi aspettiamo per questo momento di confronto e di crescita reciproca, ma da cui possono partire anche dei progetti interessanti per i nostri territori.

La Presidenza Nazionale di Azione Cattolica