In memoria di Rosanna

Versione stampabileVersione stampabile

Sgomento e dolore ci colgono per l’ennesima strage familiare. Ieri a Vairano Patenora, nell'Alto Casertano è rimasta uccisa Rosanna Laurenza, che tutti ricordiamo come presidente diocesana Ac e responsabile Acr della diocesi di Teano Calvi. Con lei hanno perso la vita in maniera violenta la sorella Antonella e il marito di lei, suicidatosi dopo aver compiuto la strage in cui sono rimasti feriti gravemente anche il suocero e la suocera dell'uomo. La coppia lascia una figlia ventenne e un figlio di 13 anni. Rosanna lascia il marito Stefano e la sua piccola Eleonora. Preghiamo per tutti loro e per chi porterà il peso di questa immane tragedia. Ancora una volta sono le donne le prime vittime della violenza che troppe volte scaturisce tra le mura domestiche. È questa la violenza più sorda, più assurda, più inaccettabile. Ogni crisi di e in famiglia, quale che sia la ragione a motivarla, non vale la vita e il dolore di tanti innocenti. C’è un confine che non va mai superato: il rispetto della dignità e della sacralità di ogni persona. Oltre c'è solo l'abisso personale e dell'intera umanità.