Il tema del Messaggio della prossima Giornata Mondiale della Pace (1 gennaio 2019)

La buona politica è al servizio della pace

Versione stampabileVersione stampabile

Questo il commento che accopagna la scelta del tema: La responsabilità politica appartiene ad ogni cittadino, e in particolare a chi ha ricevuto il mandato di proteggere e governare. Questa missione consiste nel salvaguardare il diritto e nell’incoraggiare il dialogo tra gli attori della società, tra le generazioni e tra le culture. Non c’è pace senza fiducia reciproca. E la fiducia ha come prima condizione il rispetto della parola data. L’impegno politico – che è una delle più alte espressioni della carità – porta la preoccupazione per il futuro della vita e del pianeta, dei più giovani e dei più piccoli, nella loro sete di compimento.
Quando l’uomo è rispettato nei suoi diritti – come ricordava San Giovanni XXIII nell’Enciclica Pacem in terris (1963) – germoglia in lui il senso del dovere di rispettare i diritti degli altri. I diritti e i doveri dell’uomo accrescono la coscienza di appartenere a una stessa comunità, con gli altri e con Dio (cfr ivi, 45). Siamo pertanto chiamati a portare e ad annunciare la pace come la buona notizia di un futuro dove ogni vivente verrà considerato nella sua dignità e nei suoi diritti.

Aspettando il Messaggio di papa Francesco - a quanti non l'avvesero già fatto - suggeriamo di leggere  La P maiuscola. Fare politica sotto le parti. Il saggio sotto forma di intervista di Matteo Truffelli, Presidente nazionale Ac, edito dall'Editrice Ave.