Un po' di storia

Versione stampabileVersione stampabile

L’attenzione e l’impegno alla dimensione internazionale ha sempre caratterizzato l’ACI ed è stato in vari modi espresso dai suoi responsabili a tutti i livelli, fin dai primi anni dell’associazione.
Ma è il Concilio Vaticano II  a fare da spartiacque nella vita dell’ACI come in quella della Chiesa tutta e così, con il nuovo Statuto, anche la dimensione universale esprime la tensione missionaria e al dialogo dell’Azione cattolica e l’impegno internazionale dell’AC viene espressamente previsto in alcuni articoli statutari (v. Statuto).

Nel 1987 viene costituito il Forum internazionale di AC (FIAC), del quale l’Azione Cattolica Italiana è membro fondatore e sostenitore, e nel 1992 si costituisce l’Ufficio Rapporti Internazionali.
Da allora le iniziative di collaborazione con altri Paesi si moltiplicano e diventano un’attenzione unitaria di tutta l’associazione e delle articolazioni.

Come espressione di un’attenzione organica dell’ACI, l’Ufficio Rapporti Internazionali è stato costituito dalla Presidenza nazionale per promuovere e coordinare la dimensione internazionale, a livello unitario e delle articolazioni, in un rapporto di reciprocità con le Associazioni diocesane sia per le informazioni, sia per le attività e i contatti.

Nel 2002 è costituito l’Istituto di diritto internazionale della Pace “Giuseppe Toniolo”, che l’AC promuove come segno di speranza, in fedeltà alla propria storia e identità, a servizio della comunità cristiana e della società (vai alla pagina dell’Istituto).

 

Scarica nella sezione documenti l’articolo “Tappe di un lungo cammino” pubblicato su Segno Per.