Pubblicato «Dialoghi» n. 4- 2018, il trimestrale culturale dell’Azione cattolica

Farsi Dio

Versione stampabileVersione stampabile

La domanda cruciale per l’uomo di ogni tempo e dunque anche del nostro è: chi sono, che cosa posso essere? Dentro la storia, rispetto alle cose, nel rapporto con gli altri, nella profondità di me stesso, là dove l’infinito e il finito si toccano. E ancora di più, ieri come oggi, le nostre vite sono attraversate dal desiderio di superare il già dato, di oltrepassare il limite, anche quello estremo della morte; e in ogni caso quello che il tempo porta con sé: il limite che è nel consumarsi, l’esaurirsi, il passare. Il Dossier Farsi Dio”, curato da Pina De Simone e proposto con «Dialoghi» (n.4-2018) fresco di stampa, vuole essere un aiuto e una provocazione a pensare il clima culturale in cui siamo immersi, a partire da questa istanza e dalla risposta in merito alle possibilità dell’umano. Delirio di onnipotenza o tensione all’infinito? Il Dossier ospita il forum con Adriano Fabris, Luca Grion e Veronica Neri (Desiderio di immortalità tra lifting, fitness e web) e i contributi di: Mauro Magatti (Il tecnologos, o il discorso della tecnica), Donatella Pagliacci (L’eterno confine tra verità e tecnica), Giuseppe Lorizio (Conoscenza e salvezza: autentica e falsa gnosi), Rosanna Virgili (Bella, buona, desiderabile. La seduzione della conoscenza) e Piero Pisarra (Fuoco, acqua, luce. La divinizzazione dell’uomo nel pensiero dei Padri greci).
Oltre al Dossier, scorrendo l’indice del trimestrale culturale promosso dall’Azione cattolica italiana troviamo l’Editoriale di Enzo Romeo (Il segreto è nella speranza): La cosa più difficile è sperare, cioè immaginare un domani verso cui valga la pena procedere. Per questo è necessario andare e riandare alla ricerca delle proprie fonti vitali.
Seguono i contributi di Primo piano. Gioele Anni (Chiesa e giovani. Cambia la prospettiva) ci racconta come dal recente Sinodo esca una Chiesa appassionata della vita, una Chiesa che sa guardare alle sfide di questo tempo e sa cogliere opportunità inedite nella vita delle giovani generazioni. Una Chiesa innamorata. Francesco Cananzi (La democrazia dell’aut aut) ci ricorda come la democrazia per vivere abbia bisogno che i cittadini siano informati e formati alla sua pratica. La Rete può diventare il luogo delle decisioni, può essere il nuovo partito nella mediazione fra rappresentati e rappresentanti, il luogo in cui una comunità assume le proprie determinazioni? Può dirsi realmente questo un metodo democratico?
Per la rubrica Eventi e idee, Giuseppe Notarstefano e Michele Tridente (Bilancio Italia. Tra equilibrio e precipizio) ripercorrono il difficile rapporto tra Italia ed Europa, che vive di alti e bassi quotidiani e forte apprensione. Non resta che confidare nella capacità di scegliere alla fine il bene per un’Italia che deve ritrovare un sentiero di crescita e puntare sui propri talenti. Massimo Enrico Milone (Quale mission per la Rai) chiede al Servizio radiotelevisivo pubblico di domani di “recuperare” le sue radici, a partire dal suo essere plurale, per essere uno strumento utile per tutti gli italiani, capace di valorizzare l’offerta finalizzata alla crescita civile e culturale del paese.
Nutrita come sempre la sezione Il libro & i libri. Articoli di: Salvatore Scibetta su Sogna, vivi, scegli di Luisa Alfarano e Michele Tridente; Claudia D’Antoni su Vivere le parole. Per un vocabolario dell’esistenza di Nunzio Galantino; Piergiorgio Grassi su Cattolici democratici alla prova. Trent’anni di «Città dell’uomo» (1985-2015) di Luciano Caimi; Vincenzo Schirripa su La lettera sovversiva. Da don Milani a De Mauro, il potere delle parole di Vanessa Roghi.
Chiude il numero la rubrica Profili con il contributo di Silvano Zucal (Romano Guardini e l’ethos dell’Europa). A cinquant’anni dalla morte del grande teologo italo-tedesco, rileggiamo il suo pensiero sull’Europa, vista come “un destino” da ricomporre ma anche come compito etico da consegnare al futuro dei popoli. Un pensiero su cui merita ritornare soprattutto oggi, con l’Europa che ricerca le ragioni della sua unità.

Vi ricordiamo che:
Il dossier di Dialoghi 3/2018 è stato dedicato a: Ecumenismo dopo Lund
Il dossier di Dialoghi 1/2019 sarà dedicato a: Tra promesse e illusioni

DIALOGHI è pubblicato dall'Editrice Ave.
Per abbonamenti: tel. 06661321 - fax 066620207 - email: abbonamenti@editriceave.it