Miano e Leuzzi all'incontro-festa "Nessuno è fuori sede a Roma", 18 ottobre 2011

Versione stampabileVersione stampabile

Incontro-festa
Nessuno è fuori sede a Roma
(Roma, 18 ottobre 2011, ore 17.30 - via Marsala, 42)
 
“Nessuno è fuori sede a Roma” è il titolo dell’incontro che l’Azione Cattolica della diocesi di Roma ha pensato per tutti i fuori sede che frequentano la capitale. Un incontro per vivere insieme un momento di formazione, di conoscenza, di ritrovo e sopratutto di festa.
L’appuntamento è presso la Parrocchia Sacro Cuore Di Gesù a Castro Pretorio, martedì 18 ottobre alle ore 17.30. Interverranno il presidente nazionale dell’Azione Cattolica, Franco Miano, il presidente diocesano di AC, Benedetto Coccia, e mons. Lorenzo Leuzzi, direttore dell’Ufficio della pastorale universitaria di Roma. Sarà presente anche il vicepresidente nazionale AC giovani, Marco Sposito. All’incontro parteciperanno presidenti e delegati regionali della Fuci di Roma.
 
“Nessuno è fuori sede a Roma” non è solo uno slogan, ma è anche l’augurio ad ognuno degli studenti perché, nonostante il tanto studio, il traffico di Roma, la distanza dalla città di provenienza… possa veramente sentirsi accolto e parte della grande famiglia dell’Azione Cattolica.
L’AC di Roma desidera che il periodo dello studio e dell’impegno universitario che aspetta i giovani fuori sede nella capitale non sia un tempo di solitudine: al contrario, la speranza è che possa essere un tempo di grazia, di crescita e formazione umana, culturale e spirituale, vissuta nello stile dell’AC, e cioè insieme.
 

“Nessuno è fuori sede a Roma” è parte del «Progetto Tobia», l’iniziativa dell’Azione Cattolica Italiana rivolta ai giovani che per motivi di studio o lavoro si trasferiscono dalla propria diocesi di origine in un’altra diocesi italiana. Il «Progetto Tobia» (info su www.azioencattolica.it) vuole essere un passo che va nella direzione di un cammino da percorrere insieme: un’occasione per incontrarsi, conoscersi, stabilire legami di amicizia e di impegno comune nell’associazione, per vivere una “regola di vita” da giovani di Ac anche nel periodo particolare che porta lontano dalla famiglia, dagli amici e dalla diocesi di origine.