Il futuro delle democrazie - XXXIX Convegno Bachelet

Versione stampabileVersione stampabile

Già in altre occasioni gli appuntamenti dell’Istituto dell’Azione Cattolica per lo studio dei problemi sociali e politici “Vittorio Bachelet” hanno dedicato attenzione ai problemi della democrazia in questo primo scorcio del XXI secolo. Con il XXXIX Convegno Bachelet “Il futuro delle democrazie(8-9 febbraio 2019 – Roma, Domus Pacis, via di Torre Rossa, 94) si è ritenuto di ritornare sull’argomento, tenendo conto di talune vicende e derive culturali che in questi ultimi anni sembrano aver messo in discussione i connotati essenziali su cui si sono fondate e consolidate le democrazie del mondo occidentale nel Novecento: divisione ed equilibrio dei poteri, rappresentanza politica e spazi di partecipazione e cittadinanza attiva, garanzie di libertà e di pluralismo politico, con autonomie istituzionali e sociali, in una prospettiva di giustizia e di pari opportunità.
Sono ricorrenti in molte realtà, non solo nel nostro Paese, fenomeni di disagio sociale e di involuzione della cultura politico-democratica, da cui germinano l’antipolitica e il fondo nero delle chiusure nazionaliste, con crescenti forme di populismo e di sovranismo, spesso contrapposte alle prospettive di integrazione europea. Da un lato si riscontra un indebolimento del pensiero liberale e dall’altro appare di frequente evanescente il senso stesso del bene comune, mentre si vanno sviluppando fenomeni vistosi di leaderismo, personalizzazione e verticalizzazione del potere, che generano deficit di partecipazione e largo astensionismo, talora con l’illusione di meccanismi di democrazia diretta, se non immediata, alternativi ai tradizionali sistemi rappresentativi in crisi.
I prossimi 8 e 9 febbraio 2019, nelle due sessioni dei lavori ci si interrogherà dunque sulle «Trasformazioni della cultura e della prassi democratica» con l’aiuto delle relazioni di Giuseppe Acocella (Univ. Federico II Napoli), Damiano Palano (Univ. Cattolica Milano) e Paolo Pombeni (Alma Mater Bologna) e su il «Rigenerare le democrazie: condizioni e prospettive» con la tavola rotonda cui partecipano Lorenzo Caselli (Univ. Genova), Fausto Colombo (Univ. Cattolica Milano), Filippo Pizzolato (Univ. Bicocca Milano), Gabriella Serra (pres. naz. Fuci), Chiara Tintori (politologa), modera Danilo Paolini (Avvenire). I lavori saranno aperti e coordinati da Matteo Truffelli (pres. naz. Ac) e Gian Candido De Martin (pres. Cons. Sc. Ist. Bachelet).
Nel corso dei lavori sarà consegnato il Premio “Vittorio Bachelet” per Tesi di Laurea – Edizione 2018 sullo sviluppo e la riforma delle istituzioni democratiche, la partecipazione e la cittadinanza attiva assegnato al dott. Diego Baldoni.

Venerdì 8 alle ore 19, presso la Domus Pacis, mons. Gualtiero Sigismondi, Assistente generale dell’Ac e vescovo di Foligno presiederà una Santa Messa in memoria di Vittorio Bachelet, barbaramente assassinato dalle Brigate Rosse il 12 febbraio del 1980.

In allegato, il programma del Convegno.

Roma, 5 febbraio 2019