Giorgio La Pira, Unire le città per unire le nazioni (1967)

Versione stampabileVersione stampabile

UNIRE LE CITTA’ PER UNIRE LE NAZIONI
di Giorgio La Pira
(tratto dall’intervento al VI Congresso mondiale delle città gemellate, Parigi, 1967)

… Cosa devono, dunque, fare le città di tutta la terra … e quali strade devono esse percorrere per pervenire alla terra nuova, inevitabile – se non si vuole la distruzione del genere umano e del pianeta – della pace totale?

Devono fare tre cose: primo, “vedere” quest’epoca nella sua novità essenziale, quella che la definisce e che la costituisce unica, senza confronti possibili (in un certo senso) con le epoche precedenti: scoprire, cioè, la novità di questa età che è apocalittica davvero, nel duplice, bivalente significato del termine! Età di pace totale o di distruzione totale! …
Scoprire la novità apocalittica – nel duplice significato, negativo e positivo che questa novità apocalittica importa – di questa epoca e fare partecipi di questa scoperta tutti i nostri popoli, cioè, idealmente, i popoli di tutto il pianeta. …
Le città sono consapevoli di essere il patrimonio del mondo, perchè in esse si incorporano tutta la storia e tutta la civiltà dei popoli: un patrimonio che le generazioni passate hanno costruito e trasmesso a quelle presenti – di secolo in secolo, di generazione in generazione – affinchè fosse accresciuto e ritrasmesso alle generazioni future.
Gli stati non hanno il diritto – con la guerra nucleare – di annientare per nessuna ragione questo patrimonio che costituisce la continuità del genere umano e appartiene al futuro.

Ecco la “seconda cosa” che va fatta … e che va ripetuta in modo organico ed efficace in tutte le città ed a tutti i popoli della terra: la scelta della pace millenaria! …
Dire “No” alla guerra nucleare significa dire “No” anche alla politica della dissuazione e dell’ “equilibrio del terrore” che le massime potenze nucleari stanno pericolosamente sviluppando. Se si va avanti di un metro – per così dire – “l’esplosione nucleare” della terra, anche per errore, diventa ogni giorno più possibile! …
“No” alla guerra nucleare; “No” alla politica della dissuasione; “No”, perciò, anche alle guerre locali che i popoli dell’opulenza conducono contro i popoli della fame che hanno sempre per presupposto il contesto nucleare della dissuasione e che possono, perciò, condurre all’esplosione nucleare del mondo; “Sì” al disarmo totale, strumento unico della pace: perchè la pace esige il metodo del profeta Isaia; esige, cioè, il disarmo e la conversione delle armi in aratri, delle spese di guerra in spese di pace.
Questo è il senso profondo della definizione di pace che chiude, come sigillo, la Populorum progressio di Paolo VI: lo sviluppo è il nuovo nome della pace! Convertire in potenziale di edificazione il potenziale nucleare pronto per la distruzione! …

Ma c’è una “terza cosa” – complementare alle prime due – che le città intendono fare … : collaborare alla unità del mondo, alla unità delle nazioni: esse vogliono unirsi per unire le nazioni; per unire il mondo. Vogliono creare un sistema di ponti – scientifici, tecnici, economici, commerciali, urbanistici, politici, sociali, spirituali – che unisca le une alle altre, in modo organico, le città grandi e piccole del mondo intero. Se l’unità delle nazioni non è ancora possibile – si pensi ai grandi vuoti esistenti nelle Nazioni Unite (la Cina!) – noi pensiamo che sia possibile l’unità delle città, il loro collegamento organico attraverso l’intero pianeta. …

(Il testo è pubblicato integralmente in: Giorgio La Pira, Il sentiero di Isaia. Scritti e discorsi, 1965-1977, Firenze, Cultura nuova editrice, 1996, p. 109 – 116)