Mario Agnes è tornato alla casa del Padre

Versione stampabileVersione stampabile

Mario Agnes, presidente dell'Azione cattolica dal 1973 al 1980, e direttore dell'Osservatore Romano dal 1984 al 2007, si è spento serenamente oggi circondato dall'affetto dei suoi cari. A loro e all'amato presidente va l'abbraccio della Presidenza nazionale e di tutta l'Azione cattolica. In questo triste momento, la nostra preghiera accompagni un uomo giusto e buono tra le braccia del Signore nostro Padre. Con gratitudine per il suo servizio all’associazione
Nato a Serino, in provincia di Avellino, il 6 dicembre 1931, si laurea in lettere all’Università di Napoli, intraprendendo la carriera accademica, che lo porta alla docenza di Storia del cristianesimo all’Università di Cassino e di Roma. Formatosi nell’Azione cattolica, Agnes diventa prima presidente diocesano di Avellino e poi delegato regionale della Campania. Nel 1973, dopo essere stato per un triennio vice-presidente nazionale per il Settore Adulti, è chiamato a succedere a Vittorio Bachelet alla Presidenza nazionale, in un momento delicato per la vita dell’associazione, a sua volta chiamata a tradurre le scelte fondanti del rinnovamento conciliare, assunto con lo Statuto del 1969.
Ricordando l’amico ucciso dalle Brigate rosse nel convegno promosso per i trent’anni dalla scomparsa, Agnes sottolineò come l’Azione cattolica, attraverso i tanti laici «contemplativi e itineranti» che ha donato alla Chiesa e al mondo, sia una «preziosa tessitura di santità».

 

Il ricordo di Fabio Zavattaro.
Per tutti era semplicemente “il Professore”

Per tutti, all’interno della città Leonina, era semplicemente “il Professore”. Vi arriva il primo settembre 1984 quando san Giovanni Paolo II lo chiama a dirigere il giornale vaticano l’Osservatore Romano. Ma Palazzo Apostolico e Città del Vaticano non erano per lui luoghi sconosciuti, avendoli frequentati a lungo nella sua veste di responsabile dell’Azione cattolica italiana, della quale è stato educatore dei ragazzi nella sua parrocchia di Serino, provincia di Avellino, la località dove era nato 87 anni fa; poi presidente diocesano e delegato regionale prima di approdare al centro nazionale in via della Conciliazione come vice presidente per il Settore adulti e successivamente presidente nazionale. In questa carica succede a Vittorio Bachelet, in un momento delicato della vita dell’associazione, chiamata a tradurre le scelte fondamentali del rinnovamento conciliare alla luce del nuovo Statuto dell’associazione, approvato nel 1969.
Come presidente dell’Ac vivrà anche momenti drammatici della vita nazionale e, naturalmente, anche dell’associazione: l’uccisione da parte delle brigate rosse, nel 1978, del presidente della Democrazia cristiana, Aldo Moro, amico di Paolo VI dai tempi della militanza nella Fuci, la federazione degli universitari cattolici legata all’Ac. Due anni più tardi, un altro lutto colpisce il paese e l’associazione: l’uccisione, sempre da parte delle Br, del vice presidente del Consiglio superiore della magistratura, Vittorio Bachelet. Proprio il presidente al quale, sette anni prima, era succeduto alla guida dell’Azione cattolica.
Come presidente nazionale, scriveva Papa Benedetto in una lettera nel giorno in cui Mario Agnes lasciava l’incarico di direttore dell’Osservatore Romano, “curò in modo particolare il settore della stampa provvedendo, tra l’altro, al coordinamento e alla qualificazione delle testate esistenti, per rendere più incisiva nell’agorà massmediatica la presenza del laicato cattolico. A tal fine, non mancò di sollecitarne il concorde intervento su temi di grande rilievo ecclesiale e sociale, quali la conoscenza approfondita degli insegnamenti conciliari e la loro traduzione nella vita concreta, l’attenzione alla realtà della persona umana ed alle esigenze connesse col rispetto della sua dignità, la difesa della vita umana in tutto l’arco della sua esistenza, l’impegno a fare dei gruppi associativi autentiche scuole di formazione alla democrazia”.
Laureato in lettere all’università di Napoli, docente di Storia del cristianesimo al magistero di Cassino ed assistente ordinario nell’università di Roma, Mario Agnes è stato anche Consigliere comunale di Roma come indipendente nella Dc, membro del comitato dei garanti del quotidiano cattolico Avvenire, e, nel 1976, presiedente della Nuova editoriale italiana, la società editrice di Avvenire, una scelta voluta proprio da Papa Paolo VI.
Prima di diventarne direttore, Mario Agnes aveva collaborato assiduamente con l’Osservatore Romano. Benedetto XVI, nell’esprimergli “sentimenti di sincera considerazione e di profonda gratitudine”, ricordava, nella lettera del 20 agosto del 2007, le parole di Papa Wojtyla che ne sottolineava la “competenza professionale e, in modo particolare, il coerente impegno cristiano, il suo amore alla Chiesa e la sua esemplare fedeltà al Magistero”. In realtà, scriveva ancora Papa Benedetto, il “coerente impegno cristiano, l’amore alla Chiesa e l’esemplare fedeltà al Magistero sono caratteristiche che hanno sempre accompagnato la Sua testimonianza di credente”.
Alla direzione dell’Osservatore lo chiamò Giovanni Paolo II, che lo conosceva bene e lo stimava. In quegli anni ripropone, con il suo stile, gli Acta diurna, resi celebri dalla penna di Guido Gonella. Nella prefazione al volume che raccoglie “dieci anni di avvenimenti visti da oltretevere”, Giorgio Rumi scrive: “Mario Agnes non ha voluto essere né giudice né cronista. Ha scelto, invece, il percorso della testimonianza, nella fedeltà alla mente e del cuore al Pontefice. E attraverso la naturalezza della sintonia ha dato ai giorni nostri un contributo di amicizia, particolarmente fruttuoso perché indirizzato alla verità di sempre”.
E come testimone ha accompagnato il Papa, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, nei suoi viaggi in Italia e all’estero, raccontando incontri e momenti particolari; non c’è vicenda importante che non abbia trovato ospitalità nelle righe degli Acta. Così in quel 1989 il mondo assisteva, i primi di novembre, alla caduta del muro di Berlino; alcune settimane più tardi, il primo dicembre, in Vaticano entrava il primo, e l’ultimo, segretario del Partito comunista dell’Unione Sovietica. Mario Agnes scriveva: “il primo dicembre 1989 la conoscenza della lingua russa (da parte di Giovanni Paolo II, ndr) non è sembrata casuale ma quasi preordinata alla singolarità dell’evento. Mentre ‘l’ospite tanto atteso’, rivolgendosi al Papa, ha recuperato una parola antica in disuso: santità. Sono, se si vuole, dettagli di un incontro […] Ma che cos’è dettaglio e che cos’è sostanza, in un evento in cui è strettissima l’interconnessione tra i dettagli e la sostanza? In un evento che ha come oggetto e soggetto l’uomo, in tutte le sue dimensioni, dal pane quotidiano al credo religioso? L’uomo è la via della chiesa. E questo decennio e questo 1989 dicono con chiarezza che la via della storia è la via indicata da Giovanni Paolo II: la via dell’uomo riscattato dal sangue del Signore della storia”.