Le notizie in Primo piano

  • Nell’anniversario della liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau

    Viaggio della memoria

    24/01/2017 - 16:26

    Agli studenti l’eredità dei sopravvissuti. Il racconto-testimonianza di Emanuela Gitto, segretaria diocesana Msac Messina e membro dell’équipe nazionale degli studenti di Ac, che il 18 e 19 gennaio scorso ha partecipato, insieme ad un gruppo di oltre cento ragazzi e ragazze provenienti da tutta Italia, accompagnati dalla ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli e dalla presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane (Ucei) Noemi Di Segni, al viaggio nella memoria della Shoah organizzato dal ministero dell’Istruzione per commemorare l’anniversario della liberazione del campo di Auschwitz-Birkenau e in vista della Giornata della memoria che si celebra il 27 gennaio di ogni anno, per non dimenticare la barbarie nazifascista, gli orrori dell’olocausto e le vittime dei campi di concentramento.

    Condividi
  • Il presidente dell'Ac commenta la prolusione del card. Bagnasco

    Prendiamoci cura dei nostri preti

    24/01/2017 - 12:07

    Intervista di Umberto Folena a Matteo Truffelli - Il presidente nazionale dell’Azione cattolica italiana commenta sul quotidiano Avvenire la seconda parte della Prolusione (“Uno sguardo alla nostra Chiesa”) del cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, tenuta in apertura dei lavori del Consiglio permanente dei vescovi italiani. «Come fedeli laici ci sentiamo responsabili nei confronti dei nostri preti. Vorremo essere sempre di reciproco sostegno, compagni di vita fraterna. Aiutandoli a capire il mondo e a viverlo standoci dentro fino in fondo».

    Condividi
  • Nuovi scenari Usa. Tra populismo e nazionalismo

    Il neo-isolazionismo trumpista

    24/01/2017 - 10:51

    di Alberto Ratti* - Quella annunciata da Donald Trump nel suo discorso di insediamento lo scorso 20 gennaio è un’America che vuole tornare grande da sola, senza l’aiuto di nessuno e senza preoccuparsi di nessuno, una battuta d’arresto al modello che nel bene e nel male è stato fonte di ispirazione per molti riguardo le battaglie per la libertà e il diritto, per il progresso e lo sviluppo integrale di ogni uomo e di ogni donna. Nei primi interventi del neopresidente sono riecheggiate parole da tempi bui impregnate di miope nazionalismo. Una sfida per la balbettante Europa.

    Condividi
  • Al centro della storia

    20/01/2017 - 12:52

    di Nicola De Santis - L’esperienza di un gruppo di 46 amici che da diverse diocesi si mettono in viaggio verso Gerusalemme ha il valore di una comunità - quella dell’Azione Cattolica Italiana - che segue i passi di Gesù nella terra che lo ha visto nascere, annunciare il Vangelo, morire e poi risorgere lasciando vuota quella tomba che dà senso e speranza a tutta la nostra esistenza. Un pellegrinaggio-segno prezioso per l’AC che - nel percorso di ogni socio e di ogni associazione parrocchiale o diocesana - vuole mettersi in ascolto della Parola e si sforza di lasciarla risuonare nella certezza che ogni terra - anche la mia! - è santa ed amata da Dio.

    Condividi
  • Quando la terra trema

    19/01/2017 - 12:52

    Un evento drammatico come il terremoto suscita, alla stregua di altri cataclismi naturali, interrogativi circa la fragilità e la precarietà dell’esistenza umana. Di fronte a fenomeni di così spaventosa potenza l’uomo si sente atterrito e consapevole di essere solamente in grado di limitare i danni, con articolati provvedimenti di carattere preventivo, non di dominare l’accadimento. Noi moderni non ricorriamo più alle interpretazioni mitologiche; diamo letture e risposte scientifiche, che spiegano però solo le cause e le dinamiche fisiche degli eventi catastrofici, non il senso di tanta forza distruttiva. Perché su uomini, donne, bambini inermi si abbatte una simile furia mortale?

    Condividi
  • All'Udienza del mercoledì in San Pietro

    Regalo dell'editrice Ave a papa Francesco

    18/01/2017 - 13:51

    Il libro Pace della collana "Le parole di Francesco", a cura del giornalista Enzo Romeo, è stato consegnato  direttamente a papa Francesco durante l'udienza di mercoledì 18 gennaio in San Pietro. A consegnarlo, insieme all'autore, la vice presidente nazionale dell'Azione cattolica, Maria Grazia Vergari, in rappresentanza dell'editrice Ave e dell'associazione. I nostri hanno illustrato al papa il senso della collana dedicata alle sue Parole e scambiato qualche battuta sull'Associazione, in un clima cordiale e carino. Il libro - nello stile della intera e ricca collana - invita i lettori a seguire le parole e i gesti di pace di Bergoglio da quando era arcivescovo a Buenos Aires ai giorni nostri. Papa Francesco coniuga la pace nel tempo presente in modo audace, conglobando giustizia sociale, economia, rispetto dell'ambiente. Un vero testimone di pace per la Chiesa tutta e per l'intera umanità.

    Condividi
  • Sinodo dei giovani. Lettera a Francesco

    «Alla tua chiamata all’amore rispondiamo: conta su di noi»

    18/01/2017 - 13:09

    di Gioele Anni - Caro papa Francesco, per prima cosa vorrei dirti grazie! Grazie per questo Sinodo e per la tua lettera ai giovani. Come hanno scritto Lucia, Michele e don Tony prendere carta e penna, scrivere una lettera per accompagnare un regalo è una delle cose più tenere della vita. «Ho voluto che foste voi al centro dell’attenzione perché vi porto nel cuore», ci hai scritto. È bello sapere che la Chiesa guarda a noi così come siamo: «perché ci porta nel cuore». Tra tanti sguardi interessati che sentiamo addosso, uno sguardo che non chiede niente ma accoglie. Come quello di una mamma a cui brillano gli occhi, perché vede per noi solo il meglio.(continua)

    Condividi
  • Costituzione e democrazia

    Prospettive e incognite postreferendum

    18/01/2017 - 12:30

    di Gian Candido De Martin - Dopo il no referendario, dobbiamo chiederci se sussistano spazi di intervento per recuperare alcuni punti potenzialmente positivi della riforma bocciata, restando comunque sul terreno della integrazione e attuazione della Costituzione, più che della sua revisione, ed evitando a maggior ragione le suggestioni di riforme organiche affidate ad una nuova assemblea costituente. Parimenti, per la rigenerazione della nostra democrazia c’è bisogno di un supplemento di presenza e partecipazione, specie di chi ha a cuore le sorti della nostra Repubblica e dei mondi vitali in cui si articola e che debbono sorreggerla.

    Condividi
  • Ricordo di Leonello Radi, amico di Carlo Carretto, che “inventò” il conventino di Spello

    Le radici di Casa San Girolamo

    15/01/2017 - 14:03

    di Massimo Bernabei - Domenica 8 gennaio ha lasciato la sua dimora terrena Leonello Radi, amico di Carlo Carretto, che “inventò” il conventino di San Girolamo a Spello e si prodigo per l’arrivo dei Piccoli Fratelli. Fondatore di Nemetria, l’associazione che organizza i convegni internazionali di “Etica ed economia”, fu animatore culturale e spirituale non solo per la sua terra. Un’eredita fatta propria dall’Azione Cattolica che con “Casa San Girolamo” ne prosegue la missione attualizzandola, mantenendo le tracce di Carlo Carretto e di Charles de Foucauld, di Leonello Radi e dei tanti che dal conventino oggi casa sono partiti per contemplare Dio sulle strade del mondo.

    Condividi
  • Sinodo dei giovani. Documento preparatorio e Lettera di Francesco

    Non perfetti, ma vivi

    14/01/2017 - 11:34

    di Lucia, Michele e don Tony - Una delle cose belle e tenere della vita è ricevere un regalo. Questo diventa ancora più bello se arriva in un momento feriale, non nei giorni di festa “comandate”. Tutto diventa particolarmente bello e prezioso è ricevere un regalo accompagnato da una lettera. La lettera dice l’affetto, il bene e l’amore che l’autore nutre per te. Quel regalo è per te, pensato per te e per nessun altro. La lettera che accompagna il regalo è la cosa più intima del regalo stesso. Questa è la sensazione che abbiamo provato ieri quando abbiamo visto il Documento preparatorio per il Sinodo dei giovani dell’ottobre 2018 e la Lettera di Papa Francesco che lo accompagna.

    Condividi
  • L’Ac sostiene la campagna contro la tratta e per una legge che sanzioni i clienti

    Questo è il mio corpo

    13/01/2017 - 17:23

    di Giovanni Paolo Ramonda* - L’Azione Cattolica Italiana aderisce e invita a promuovere Questo è il mio corpo, la campagna per la liberazione delle vittime di tratta e sfruttamento, promossa dalla Comunità Papa Giovanni XXIII con l’obiettivo di ottenere una legge (in Parlamento c’è già una proposta) che finalmente sanzioni il cliente e fermi la domanda. Tutti siamo invitati a firmare la relativa petizione. Camminiamo insieme per debellare questa piaga, questa moderna schiavitù.

    Condividi
  • Il 20 gennaio si chiude l'era Obama e inizia quella Trump con molti interrogativi

    Che America vuole Donald Trump?

    13/01/2017 - 11:16

    di Enzo Romeo - Il prossimo 20 gennaio il presidente eletto degli Stati Uniti Donald Trump giurerà di «preservare, proteggere e difendere» la Costituzione americana e si insedierà con pieni poteri alla Casa Bianca. Fin dove e fin quando Donald Trump farà il picconatore? Il quarantacinquesimo presidente degli Usa si concentrerà nel lavoro di demolizione del vecchio edificio della democrazia a stelle e strisce o si impegnerà in quello di (ri)costruzione di un paese oggi marcato dalla paura dell’ignoto, che si esprime nel timore – che diviene avversione – nei confronti del diverso, dello sconosciuto, ergo del migrante?

    Condividi
  • Mai più senza voce. Giornata del migrante e del rifugiato

    Permessi umanitari e buone regole

    11/01/2017 - 11:20

    È dedicato ai “Migranti minorenni, vulnerabili e senza voce”, il Messaggio di Francesco per la prossima Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, che sarà celebrata domenica 15 gennaio. Insieme al commento del vescovo Guerino Di Tora, presidente della Fondazione Migrantes, e all’analisi di mons. Gian Carlo Perego, direttore generale della Fondazione, ecco le proposte del segretario generale della Cei, mons. Nunzio Galantino, presentate nel corso di una conferenza stampa: i sì e i no «sui quali mi piacerebbe vedere impegnati tutti gli uomini e le donne di buona volontà, a cominciare da chi ha responsabilità di governo». Dallo sblocco delle norme sui «nuovi italiani» alla tutela dei minori stranieri soli; dal permesso di soggiorno per «protezione umanitaria o sociale» ai richiedenti asilo “parcheggiati” nei Centri di accoglienza straordinaria o che hanno iniziato percorsi di lavoro e scolarizzazione al no condizionato ai Cie.

    Condividi
  • Ac 2017: gli eventi da segnare sull’agenda

    Un intenso cammino

    10/01/2017 - 10:27

    di Carlotta Benedetti - Sono tre gli appuntamenti speciali per l’Azione cattolica durante questo 2017: la XVI Assemblea nazionale, l’inizio delle celebrazioni per ricordare i 150 anni di fondazione dell’associazione e il tanto atteso incontro con papa Francesco in piazza San Pietro il 29 aprile. Occasioni per far emergere il desiderio dell’Ac di costruire il futuro partendo dal tempo che siamo chiamati ad abitare. Alcune “idee di fondo” per questo intenso cammino.

    Condividi
  • Politica e Paese

    Le istituzioni siano vicine alla vita dei cittadini

    05/01/2017 - 10:28

    di Fabio Mazzocchio - In un momento difficile per la vita del Paese, un buon governo dovrebbe almeno occuparsi del divario sociale, economico e territoriale sempre più consistente tra il Nord e il Sud, della frattura, in termini di welfare e opportunità, tra le nuove generazioni e quelle che le hanno precedute e della povertà connessa alla mancanza di lavoro. Non per immaginare una città perfetta, ma per vivere meglio in una società ospitale e con istituzioni capaci di porre in essere misure di cambiamento, atte a generare uno sviluppo autenticamente umano e integrale.

    Condividi