Le notizie in Primo piano

  • Settima edizione del Festival della Dottrina Sociale

    Truffelli al workshop sull’associazionismo cattolico

    22/11/2017 - 11:09

    Appuntamento da non perdere domani 24 novembre (ore 15) con il workshop dedicato a “L’associazionismo cattolico. Un patrimonio per tutto il paese”, nell’ambito della settima edizione del Festival della Dottrina Sociale (con a tema “Fedeltà è cambiamento”), a Verona presso il Cattolica Center dal 23 al 26 novembre. Tra i relatori del workshop il presidente nazionale dell’Ac M.Truffelli, il cui intervento (150 anni di fedeltà nel cambiamento: il contributo dell’Azione Cattolica alla società italiana, il tema del suo intervento) precede la tavola rotonda (“L’associazionismo cattolico nella vita del paese: storia e attualità”) con I. Sandrini delle Acli, M. Spanò dell’Agesci, V. Bosio del Csi, G. Marangoni del Ctg, L. Marigneti del Seac. Modera i lavori il direttore di Avvenire M. Tarquinio. Apertura e conclusioni del workshop affidate a P. Bedoni presidente di Cattolica Assicurazioni. Il rapporto tra riforma del Terzo settore e associazionismo cattolico al centro dell’Intervento di A. Fici, L. Pilon, G. Giudetti.

    Condividi
  • Futuro Anteriore. Il Rapporto Caritas 2017

    Le vulnerabilità dei giovani

    21/11/2017 - 10:08

    di Andrea Casavecchia - Con la pubblicazione di “Futuro Anteriore. Rapporto 2017 su povertà giovanili ed esclusione sociale in Italia” la Caritas concentra l’attenzione sulla condizione di vulnerabilità che colpisce le nuove generazioni. Rispetto al passato si evidenzia la trasformazione storica per il Paese dello stivale: le povertà dopo il 2007, anno precedente alla crisi economica, riguardano più i giovani degli anziani. Anche nel complesso la situazione non è felice. I dati Eurostat ci indicano che gli italiani a rischio di povertà e di esclusione sociale sono aumentati tra il 2010 e il 2015 di 2 milioni e 578 mila e hanno raggiunto il 28,8% della popolazione, contro il 23,3% dei poveri in tutta l’Unione europea.

    Condividi
  • La prima Giornata mondiale dei poveri

    Non amiamo a parole ma con i fatti

    18/11/2017 - 11:10

    Il 19 novembre 2017 si celebra la I Giornata mondiale dei poveri, voluta fortemente da Papa Francesco a conclusione del Giubileo della Misericordia, affinché tutta la comunità cristiana si senta chiamata a tendere la propria mano ai poveri, ai deboli, agli uomini e alle donne cui viene calpestata la dignità. «Non pensiamo ai poveri solo come destinatari di una buona pratica di volontariato da fare una volta alla settimana, o tanto meno di gesti estemporanei di buona volontà per mettere in pace la coscienza. Queste esperienze, pur valide e utili a sensibilizzare alle necessità di tanti fratelli e alle ingiustizie che spesso ne sono causa, dovrebbero introdurre ad un vero incontro con i poveri e dare luogo ad una condivisione che diventi stile di vita. Infatti, la preghiera, il cammino del discepolato e la conversione trovano nella carità che si fa condivisione la verifica della loro autenticità evangelica». (Papa Francesco)

    Condividi
  • Mlac - Ultimi giorni per presentare i progetti al Concorso di idee 2018

    Seminatori di idee

    17/11/2017 - 12:37

    di Maurizio Biasci - Il 30 novembre è ormai alle porte ed anche quest’anno questa data coincide con la scadenza del bando Mlac per presentare i progetti al “Concorso di Idee 2018”.  Il titolo che abbiamo pensato per la dodicesima edizione è “Seminatori di idee”. Attraverso la Progettazione sociale il Movimento Lavoratori di Azione Cattolica si prefigge iI fine di trasformare la realtà in cui viviamo insieme all’impegno di responsabilizzare le realtà istituzionali e i corpi intermedi è generare così una nuova realtà sociale attraverso proposte e progetti concreti mediante la diffusione di un’adeguata cultura della progettualità e di corretti sitili di vita. Per ulteriori informazioni visitate e scaricate il bando su  mlac.azionecattolica.it

    Condividi
  • Nota Msac - Dieci proposte di studentesse e studenti per il bene del Paese

    La scuola che sogniamo

    17/11/2017 - 07:52

    di Adelaide Iacobelli e Lorenzo Zardi - Oggi, 17 novembre, è la Giornata internazionale delle studentesse e degli studenti. La data fa riferimento a un terribile atto di violenza: 9 tra studenti e professori cecoslovacchi, nel 1939, furono giustiziati senza processo a seguito di una manifestazione antinazista. E così nel 1941 fu istituita la giornata che anche noi, come Movimento Studenti di Azione Cattolica (Msac), scegliamo di ricordare. Siamo in una situazione diversa e di certo migliore rispetto agli studenti del 1939, ma anche se lontani per distanza cronologica, fisica e di contesto, condividiamo la fiducia nei luoghi di istruzione, il rispetto per il ruolo dello studente e il desiderio di contribuire con tutto noi stessi a migliorare ciò che c’è.

    Condividi
  • Il punto sul recente Convegno Toniolo

    L’Africa che non ci scandalizza

    15/11/2017 - 09:46

    di Nadia Matarazzo - Un continente ai confini dell’Europa, un’enorme sacca di povertà nell’economia mondiale, una terra da risollevare esportando la buona politica e l’arte dell’amministrazione. Queste sono solo alcune delle definizioni con le quali siamo abituati a identificare l’Africa, o per meglio dire le Afriche, che hanno più di tutto bisogno di una bonifica culturale: quella del nostro linguaggio, tuttora – il più delle volte inconsapevolmente – impregnato di una concezione coloniale dura a morire. Lo scorso 10 novembre è stato celebrato il convegno dell’Istituto Toniolo di Diritto Internazionale della Pace, dedicato proprio ad approfondire gli scenari geopolitici e sociali africani, con lo scopo di iniziare a ragionare dei problemi del mondo a partire dai luoghi in cui essi originano.

    Condividi
  • Una felice realtà: l’Azione Cattolica e le scuole per l'Europa in Bosnia

    Mi smo s vama (Siamo con voi), per sempre

    10/11/2017 - 12:24

    di Fabiana Martini - La vicinanza dell’Azione Cattolica alla Bosnia è fatta di legami di speranza e amicizia che continuano a generare frutti preziosi: le scuole interetniche, le scuole per l’Europa di oggi e di domani. Una vicinanza che è stata ufficialmente e allegramente sancita durante l’incontro nazionale dell’Acr del 18 ottobre 1997, quando 50 mila ragazzi hanno cantato «mi smo s vama siamo con voi/puoi contare su di noi». Venti anni dopo, un gruppo di ex responsabili nazionali Acr sono tornati a Sarajevo (ma anche a Tuzla e a Stup) per abbracciare i bambini e i ragazzi, le donne e gli uomini che ogni giorno danno corpo a quest’utopia, e dire che ci siamo e possono ancora contare su di noi.

    Condividi
  • Sinodo sui Giovani e Ac

    Corri a dire la tua

    09/11/2017 - 15:19

    di L. Alfarano, M. Tridente, don T. Drazza - Diventare protagonisti, pensare strade nuove, camminare assieme: è questo che la Chiesa ci invita a fare proponendo un Sinodo sui giovani, che si terrà nell’ottobre 2018. La data è solo il punto di arrivo di un percorso che intende coinvolgere non solo le conferenze episcopali ma tutti i giovani – cattolici, atei o di qualsiasi altra professione religiosa. In questa prima fase di riflessione, l’obiettivo è quello di raccogliere proposte, dubbi, critiche anche su una Chiesa che – forse a torto, forse a ragione – sembra a volte troppo distante dal mondo in cui viviamo. Come farlo? La Segreteria del Sinodo per intercettare la voce dei giovani propone un questionario online, ancora disponibile sul sito youth.synod2018.va (sotto il link documenti) fino al 30 novembre. Corri a dire la tua.

    Condividi
  • Il programma del prossimo convegno dell’Istituto “Giuseppe Toniolo”

    L'Africa che cambia

    08/11/2017 - 11:12

    di Michele D’Avino - Il continente africano sarà al centro del convegno promosso dalla Presidenza nazionale dell’Ac e dall’Istituto “Giuseppe Toniolo” sul tema “L’Africa tra migrazioni, interessi esterni e nuovi scenari di cooperazione”, il prossimo 10 novembre a Roma presso la Domus Mariae (dalle ore 16 alle ore 20). Un’occasione preziosa per analizzare questioni complesse e interconnesse: migrazioni, interne ed esterne; condizioni di vita delle popolazioni africane; rischi di “neo-colonizzazione” di multinazionali e di Paesi terzi; nuovi scenari di cooperazione e possibilità di coinvolgimento della comunità ecclesiale e della società occidentale, in una prospettiva di sviluppo sostenibile e governance globale. Partecipano: G. Albanese, P. Beccegato, V. Buonomo, G. Cattai, U. De Siervo, M. Foschini, M. Truffelli.

    Condividi
  • Concluse le celebrazioni per i 500 anni della Riforma Luterana

    «Andare, camminare insieme!»

    07/11/2017 - 10:37

    di Matteo De Matteis e Valentina Soncini - Lo scorso 31 ottobre si sono concluse le celebrazioni per i 500 anni della Riforma Luterana, le prime nella storia non contrassegnate da scontri o muri. Quali acquisizioni si possono evidenziare per continuare ad alimentare il gusto e l’attenzione al dialogo ecumenico tra fratelli nella fede? Partiamo da alcune domande che nascono nel cuore del credente. Perché ricordare il quinto centenario della Riforma Luterana? Perché il nostro papa Francesco ha partecipato alla celebrazione di un evento che ha “spaccato” la Chiesa?

    Condividi
  • Il nuovo codice antimafia (i termini reali)

    Tanto rumore per nulla?

    02/11/2017 - 10:46

    di Francesco Cananzi - L’approvazione delle modifiche al codice antimafia è stata accompagnata da fortissime polemiche prima e dopo il voto parlamentare. Si è denunciata la cultura del sospetto e l’arretramento delle garanzie, l’incostituzionalità dell’impianto normativo, ancor più come rinnovato, invocando l’intervento del presidente Mattarella; infine si è contestata l’attribuzione alla magistratura di un ulteriore potere di controllo sull’economia del paese. Qui proviamo a chiarire quali siano stati i termini reali, e non propagandistici, delle modifiche apportate dal Parlamento. Senza nascondere, però, come l’azione combinata dei fautori e dei detrattori della riforma possa creare i presupposti per una crisi del sistema delle misure di prevenzione, specie patrimoniali, nato con la legge Rognoni-La Torre.

    Condividi
  • Conclusa la 48a Settimana Sociale. Le proposte dei cattolici italiani al Governo

    Per il lavoro, buone pratiche e buona politica

    30/10/2017 - 12:01

    di Alberto Ratti - Si è conclusa la 48a Settimana Sociale dei cattolici italiani che quest’anno si è tenuta a Cagliari. Dopo le relazioni degli esperti e soprattutto i lavori nei tavoli e nei gruppi di approfondimento per i 1000 delegati da tutta la penisola, quattro le proposte concrete presentate direttamente al Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in materia di formazione e lavoro, Pir (Piani individuali di risparmio), appalti pubblici, Iva. E un messaggio al paese: i cattolici italiani non sognano l’impossibile e l’irrealizzabile, ma partendo dalle “buone pratiche” sparse sul territorio vogliono essere attori di «imprese virtuose che non hanno come fine ultimo il puro profitto economico fine a se stesso, ma semmai sono fonte positiva di ricchezza condivisa ed inclusiva per tutti, in particolare gli scartati». Per approfondire: http://www.settimanesociali.it/  

    Condividi
  • La proposta Fiac. Per un giorno, cambia il tuo profilo sui social media

    Tutti i Santi... verso il Sinodo 2018

    29/10/2017 - 12:22

    Il giorno in cui la Chiesa Cattolica celebra la festa di Tutti i Santi è il giorno migliore per fermarci a pregare con loro e ricordare gli innumerevoli uomini e donne di Azione Cattolica, sacerdoti assistenti che hanno dato una testimonianza totale di amore alla sequela di Gesù consegnandoci un’Ac scuola di santità come sfida anche per l’oggi. Quest’anno, il Fiac ci propone di festeggiare insieme la solennità dei Santi con lo sguardo rivolto al cammino intrapreso da tanti giovani verso il Sinodo a loro dedicato nel 2018. Come? Cambiando almeno per un giorno la vostra immagine del profilo sui social media con l’immagine di un testimone di Ac a cui si è particolarmente legati.

    Condividi
  • Fisco, formazione, appalti. Da Cagliari, le proposte della Chiesa italiana

    Per ridare ossigeno al lavoro

    28/10/2017 - 10:53

    Sarà il confronto con il premier italiano Gentiloni e con il presidente dell’Europarlamento Tajani a chiudere domenica la Settimana sociale di Cagliari, sul tavolo una serie di proposte concrete in materia di formazione, fisco e appalti «etici», in parte già “cantierabili” nella legge di bilancio attualmente in discussione: si va dai piani individuali di risparmio da ampliare, dalla rimodulazione della pressione fiscale a partire dalle famiglie, alle norme a sostegno della piccola e media impresa (Pmi) al superamento del criterio del “massimo ribasso” negli appalti pubblici, come chiesto anche da papa Francesco. Come segnalato da alcuni commentatori, non si entra, per ora, nella spinosa materia dei contratti di lavoro e nel campo minato delle pensioni, ma si preannuncia comunque molto ricco, molto concreto, il paniere di proposte che la Chiesa italiana porta all’attenzione delle istituzioni politiche e di governo nazionali e internazionali.
    Segui i lavori su http://www.settimanesociali.it/  - Testo del video Messaggio di papa Francesco - Intervento del card. Gualtiero Bassetti

    Condividi
  • La 48esima Settimana sociale dei cattolici

    Per il lavoro, «basta chiacchiere»

    26/10/2017 - 11:28

    «Un grande piano di sviluppo per l’Italia», partendo dalla famiglia e dalla cura del territorio. L’adozione del “fattore famiglia” nel sistema fiscale. Ma anche più asili nido e una organizzazione del lavoro che aiuti a coniugare i propri impegni professionali con i tempi da dedicare alla famiglia e alla cura delle persone più fragili. Così il card. Bassetti nel suo discorso inaugurale della Settimana sociale, a Cagliari dal 26 al 29 ottobre. E poi quel suo «basta chiacchiere» che riassume più di ogni altra espressione la preoccupazione dei vescovi italiani, che da tempo ormai con chiarezza parlano di «situazione drammatica», specialmente nel sud Italia, quando si riferiscono al lavoro o meglio alla sua assenza e alla sua precarietà. Prima del presidente della Cei, la denuncia e l’appello di papa Francesco nel suo accorato video messaggio che ha aperto l'assise: «Lavoro nero e precarietà uccidono, senza occupazione non c’è dignità. Siate lievito sociale».
    Segui i lavori su http://www.settimanesociali.it/ - Instrumentum laboris - Testo del video Messaggio di papa Francesco - Intervento del card. Gualtiero Bassetti

    Condividi