Le notizie in Primo piano

  • Un nuovo modo di ripensare la qualità della vita umana

    La rivoluzione dell’ecologia integrale

    11/07/2017 - 09:28

    di Giuseppe Notarstefano - L’ecologia integrale costituisce  qualcosa di ben più grande e di ben più profondo che una pur importante sensibilità verso l’ambiente e le sue attuali questioni; è un modo di ripensare la qualità della vita umana dentro una fitta serie di relazioni e interazioni che impongono una cura quotidiana dei nodi più fragili e vulnerabili della rete. La forza della catena si misura dalla tenuta dell’anello più debole. Allo stesso tempo, riagganciare dimensione finanziaria e dimensione economica dei processi produttivi, restituire il ruolo di programmazione strategica alla politica, convertire in senso sostenibile tecnologi e processi produttivi ed urbani, sostenere il protagonismo sociale delle persone e delle organizzazioni sono sfide che vanno affrontate insieme. Tutto è connesso.

    Condividi
  • Online il sito con il questionario. Per tutti

    Sinodo 2018. L’ascolto passa dal Web

    08/07/2017 - 08:04

    La Rete è una dimensione quotidiana nella vita dei giovani. Per questo, la Segreteria generale del Sinodo dei vescovi ha deciso di aprire un canale online dedicato ai protagonisti della XV Assemblea generale, a ottobre 2018. È dunque raggiungibile il sito youth.synod2018.va. «L’intento – spiega la Segreteria generale del Sinodo  – è promuovere una più ampia partecipazione di tutti i giovani del mondo, non solo ricevendo informazione sull’evento sinodale ma anche interagendo e partecipando nel cammino di preparazione». Il sito, infatti, non sarà una semplice “vetrina” informativa, ma offrirà a tutti i giovani la possibilità di compilare un questionario. Si tratta di una serie di spunti forniti in diverse lingue per raccogliere il punto di vista dei giovani e permettere una riflessione più puntuale sulla proposta che la Chiesa offre loro. Le risposte dovranno essere inviate entro il 30 novembre 2017.

    Condividi
  • Dal Messaggio al vertice del G20 ad Amburgo

    Per una nuova era di sviluppo, sostenibile e inclusiva

    07/07/2017 - 11:33

    di Francesco - (…) Nel Documento programmatico del mio Pontificato rivolto ai fedeli cattolici, l’Esortazione Apostolica Evangelii Gaudium, ho proposto quattro principi di azione per la costruzione di società fraterne, giuste e pacifiche: il tempo è superiore allo spazio; l’unità prevale sul conflitto; la realtà è più importante dell’idea; e il tutto è superiore alle parti. È evidente che queste linee di azione appartengano alla sapienza multisecolare di tutta l’umanità e perciò ritengo che possano anche servire come contributo alla riflessione per l’incontro di Amburgo e anche per valutare i suoi risultati.

    Condividi
  • Pubblicato «Dialoghi» n.2-2017

    Di fronte al male

    06/07/2017 - 08:48

    Una «analisi sulle dimensioni del male, allargando questa volta l’orizzonte, in modo particolare, all’aspetto teologico e antropologico della questione, mai dimenticando, peraltro, di inserire questa tematica generale nella prospettiva che ci offre il mondo che viviamo oggi e che ha alcune delle sue radici nella modernità»: cosi R. Gatti nell’introduzione a “Di fronte al male”, il “dossier” proposto dal numero 2-2017 di «Dialoghi», il trimestrale culturale diretto da Pina De Simone e promosso dall’Azione Cattolica. All’interno, i contributi di A. Aguti, A. Cozzi, G. Cunico, F. Ghia, G. Grandi e l’intervista a due voci a L. Alfieri e P. De Simone. E ancora attualità ed eventi, recensioni e profili, con i contributi di: M. Truffelli, E. Romeo, P. Pisarra, G. Notarstefano, G. Borsa, A. Dessardo, S. Marotta, L. Pace, P. Rametta, A. Michieli. La rivista è distribuita solo per abbonamento. Chi fosse interessato, contatti l’Editrice Ave: 06661321, email abbonamenti@editriceave.it

    Condividi
  • A centocinquant’anni dall’appello di Giovanni Acquaderni e Mario Fani

    Alle origini dell’Azione cattolica italiana

    06/07/2017 - 05:50

    di Paolo Trionfini - Tra le peculiarità che contraddistinguono la storia dell’Azione cattolica italiana, a differenza di quasi tutte le esperienze aggregative di qualsiasi genere, si può richiamare la mancanza di un preciso momento fondativo. Le origini dell’associazione, infatti, sono riconducibili all’iniziativa del viterbese Mario Fani e del bolognese Giovanni Acquaderni, i quali, nel corso dei primi mesi del 1867, promossero una serie di incontri per creare un soggetto a carattere nazionale nel quale i giovani cattolici potessero identificarsi. Il frutto del serrato confronto si tradusse nell’appello lanciato il 29 giugno dello stesso anno, non a caso nella solennità dei santi Pietro e Paolo, attraverso il quale chiamarono a raccolta la gioventù di tutta la nazione per «portar alto e intemerato il glorioso Vessillo della Religione», che la società del tempo stava estirpando dal vissuto della popolazione.

    Condividi
  • Agire gli uni gli altri, in uno spirito di fratellanza

    L’impegno delle Ong, patrimonio di tutti

    04/07/2017 - 08:22

    di Michele D’Avino - L’Azione cattolica sostiene attivamente e ha dato voce in più occasioni all’impegno per la salvaguardia dei diritti umani e la promozione della dignità della persona che le Ong conducono in ogni angolo del mondo. Si tratta di una sensibilità che ogni socio di Ac condivide e sente proprio. Un’attenzione costante da parte della Presidenza nazionale è rivolta a Lampedusa, tradotta in gesti concreti di vicinanza e supporto. Proprio da Lampedusa si può e si deve ripartire, forti di una lezione di umanità da re-imparare ogni giorno, rispettosi di quell’unico dovere che la Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo pone all’articolo 1 a fronte della lista dei diritti: Agire gli uni gli altri in uno spirito di fratellanza.

    Condividi
  • Il 4 luglio 1925, la Pasqua di Pier Giorgio Frassati

    Portatori sani di amore

    04/07/2017 - 08:03

    di Luisa, Michele, don Tony e i Giovani di Ac - Caro Pier Giorgio, ci sono date, giorni, momenti nella vita di tutti che non si dimenticano. Sono come scritte nel cuore e ritornano su ai ricordi in continuazione. Senza volerlo, quasi. Senza bisogno di nessun promemoria. Questo succede per noi giovani il 4 luglio, giorno della tua morte. La ricordiamo e soprattutto in questo giorno ricordiamo la tua vita, fatta di semplicità e silenzio; “per non dare fastidio” ha scritto qualcuno di te, caro Pier Giorgio. La tua vita, che adesso ci raccontiamo, è la bellezza di una vita vissuta pienamente. Hai fatto tutto in modo ordinario, diremmo feriale, senza particolari clamori, senza mai far passare niente di te ma facendo passare tutto di Dio, che portavi dentro.

    Condividi
  • Ritratto del nuovo "monarca" della Francia

    Emmanuel Macron, un marziano in politica?

    03/07/2017 - 07:59

    di Piero Pisarra - Con i suoi 39 anni è il più giovane presidente della Repubblica nella storia francese. Indubbio fiuto politico unito a una grande capacità di leggere e interpretare gli avvenimenti. Il resto, l’hanno definito “macronismo”: tutto, il contrario di tutto, e molto di più. Dopo la sua vittoria anche alle legislative, mai come in questo caso la definizione di «monarchia repubblicana» per le istituzioni della Quinta Repubblica pare appropriata. Senza un partito alle spalle, ma con un movimento modellato a sua immagine, il presidente non deve tener conto di correnti e di giochi di potere nel suo stesso campo. È libero di muoversi e di agire: da monarca, appunto. (Articolo pubblicato su «Dialoghi» n. 2-2017, la rivista culturale promossa dall'Ac)

    Condividi
  • A proposito della crudele vicenda del piccolo Charlie Gard

    Morire per sentenza

    30/06/2017 - 15:14

    di Antonio Martino - Il piccolo Charlie Gard dovrà morire. Forse la spina sarà già stata staccata, mentre scriviamo. Anche la Corte europea dei diritti umani a Strasburgo, come prima avevano fatto i tribunali del Regno Unito nei vari gradi d’appello, si è pronunciata in favore dei medici del Great Ormond Street Hospital, centro pediatrico di Londra, che hanno chiesto di staccare la spina al neonato di dieci mesi perché affetto da una grave e rara malattia giudicata incurabile e che lo avrebbe fatto soffrire troppo. Una vicenda drammatica e con risvolti decisamente crudeli che ha visto i giovani genitori del bambino, Chris Gard e Connie Yates, tentare ma senza successo di portare il figlio negli Stati Uniti per sottoporlo a cure sperimentali non disponibili in Gran Bretagna nel tentativo disperato di salvarlo dalla sindrome di deperimento mitocondriale.

    Condividi
  • Tre occasioni quotidiane di preghiera dall’1 al 3 luglio

    Con Pier Giorgio

    30/06/2017 - 12:39

    Settore Giovani di Ac - Mancano pochi giorni alla festa liturgica del Beato Pier Giorgio Frassati e vorremmo lanciarvi alcune semplici proposte per prepararci alla celebrazione della festa sia a livello personale che di gruppo. Vi proponiamo 3 occasioni quotidiane di preghiera CON PIER GIORGIO nei tre giorni che precedono la festa. Sono occasioni di preghiera personale, da proporre ai nostri gruppi giovani e alle nostre associazioni o a cui invitare tutta la comunità. Sabato 1 luglio - Preghiera del rosario personale o comunitaria. Domenica 2 luglio - Presentazione della vita di Pier Giorgio durante la Santa Messa celebrata in parrocchia o durante i tanti campi scuola estivi. Lunedì 3 luglio - Preghiera dell’ “Adoro il lunedì con un tempo per la celebrazione eucaristica e l’adorazione. Per aiutarvi, ecco una breve Scheda di presentazione del beato Frassati

    Condividi
  • Eventi in tutta Italia dal 30 giugno al 9 luglio

    Al via la quinta settimana nazionale dei "Sentieri Frassati"

    28/06/2017 - 11:10

    A ridosso della festività liturgica (4 luglio) del beato Pier Giorgio Frassati (1901-1925) - il giovane alpinista torinese che amava la montagna e la sentiva come “una cosa grande, un mezzo di elevazione dello spirito, una palestra dove si tempra l’anima e il corpo” – si moltiplicano gli appuntamenti escursionistici lungo i “Sentieri Frassati”, itinerari di particolare interesse naturalistico, storico e religioso che il Club Alpino Italiano ha inaugurato in ogni regione e provincia autonoma d’Italia tra il 1996 e il 2012, in collaborazione con varie altre associazioni tra cui l’Azione Cattolica Italiana, l’Agesci e la Giovane Montagna (che a Frassati ha intitolato una Sottosezione nazionale). Eventi in tutta Italia dal 30 giugno al 9 luglio, con gran finale il 16 luglio in Piemonte sul sentiero dell’ultima ascensione compiuta da Pier Giorgio .

    Condividi
  • In vista della 48ª Settimana sociale dei cattolici italiani

    Nuovi paradigmi per il lavoro

    28/06/2017 - 08:09

    di Giuseppe Notarstefano - Al centro della 48ª Settimana sociale dei cattolici italiani, a Cagliari dal 26 al 29 ottobre prossimo, il Il lavoro che vogliamo. Libero, creativo, partecipativo, solidale (Eg 192). Per innescare un processo di responsabilità e discernimento che sappia in primo luogo offrire un pensiero nuovo e concreto sul lavoro nel nostro Paese, alimentato da buone pratiche innovative e capace di ispirare una nuova stagione di politiche pubbliche. Articolo pubblicato su «Dialoghi» 2-2017.

    Condividi
  • È ora disponibile l’intero numero maggio/giugno 2017

    Clicca e leggi. Su Segno l’Incontro Ac con Francesco

    26/06/2017 - 10:10
    Segno 5-6 2017

    Il mensile Segno numero maggio/giugno 2017 è ora interamente disponibile. Clicca e leggi. Troverai, con racconti e belle foto, un report sulla festa-incontro dell’Ac con Francesco lo scorso 30 aprile, durante la XVI assemblea nazionale. Fare un salto di qualità nell’evangelizzazione, l'invito di Papa Bergoglio all'Associazione. Per accogliere e abbracciare tutti. E ancora, il dossier sul ruolo della scuola oggi. Un’occasione per riflettere sul futuro dei nostri ragazzi, a partire dal racconto dell’esperienza umana e spirituale di don Lorenzo Milani, grande educatore di giovani generazioni, a cinquant’anni dalla scomparsa del parroco di Barbiana. Segnaliamo anche le due consuete rubriche che chiudono la rivista: “il primato della vita”, affidata a don Michele Pace, assistente nazionale del Msac, e “perché credere” con una riflessione sulla mistica della fraternità affidata a don Antonio Mastantuono, vice assistente generale di Ac.

    Condividi
  • Domenica 25 giugno, Giornata per la Carità del Papa

    Ac e Avvenire «Insieme per gli ultimi»

    23/06/2017 - 13:00

    «Lo sottolineiamo ogni anno: questa non è una semplice questua, né un gesto frutto del momento. Ma una grande opportunità per andare con Francesco incontro agli ultimi». Matteo Truffelli, presidente nazionale dell'Azione Cattolica, spiega perché domenica 25 giugno l’associazione si mobiliterà per raccogliere fondi a beneficio della Giornata per la Carità del Papa, attraverso la vendita delle copie di Avvenire in tantissime parrocchie.

    Condividi
  • La visita di Francesco a don Mazzolari e don Milani

    Preti, scomodi e profetici

    21/06/2017 - 10:04

    di Fabio Zavattaro - Due preti scomodi e profetici, anticipatori della chiesa in uscita, di quell’andare alle periferie dell’esistenza caro a Papa Francesco. Due parroci che hanno lasciato una traccia luminosa “nel loro servizio al Signore e al popolo di Dio”. Visita privatissima per Francesco a Barbiana e Bozzolo; preghiera silenziosa là dove riposano don Lorenzo Milani, il “prete trasparente e duro come un diamante”, come lo ricordava la sua guida spirituale don Lorenzo Bensi; e don Primo Mazzolari, il “parroco d’Italia”, il quale “camminava avanti con un passo troppo lungo – diceva di lui Paolo VI – e spesso noi non gli si poteva tener dietro. E così ha sofferto lui e abbiamo sofferto anche noi. È il destino dei profeti”.

    Condividi