Le notizie in Primo piano

  • Progetto di solidarietà e sussidio del Mese della Pace per l’anno 2018

    Scatti di Pace

    13/01/2018 - 17:49

    Come ci invita a fare Papa Francesco nel Messaggio per la LI Giornata Mondiale della Pace, come veri e propri fotografi, siamo chiamati a mettere a fuoco tutte quelle realtà del mondo spesso dimenticate, a partire dai rifugiati e dai migranti in cerca di un domani migliore. In quest’ottica, ecco il progetto di solidarietà 2018 dell’Azione Cattolica che incontra la realtà di Terre des Hommes, impegnate nella difesa dei diritti dei bambini e nella promozione di uno sviluppo equo, senza alcuna discriminazione etnica, religiosa, politica, culturale o di genere. Assieme a Terre des Hommes vogliamo metterci accanto ai piccoli rifugiati (in particolare a oltre 200 bambini con disabilità fisiche e/o mentali) nel territorio di Erbil in Iraq, per migliorare le loro condizioni di vita e quelle delle loro famiglie offrendo supporto psicologico e un servizio di fisioterapia a domicilio. Come? Attraverso l’acquisto del gadget realizzato per l’occasione - una cornice magnetica - possiamo dare continuità a questo sogno nostro e di Terre des Hommes, e soprattutto a quello di quanti fuggono dalla guerra alla ricerca di un futuro di pace. - Modulo ordine Pace 2018 - Booklet Pace 2018 - Sussidio Pace 2018

    Condividi
  • I 70 anni della Costituzione repubblicana

    Un frutto prezioso che domanda impegno e progettualità

    12/01/2018 - 10:47

    di Gian Candido De Martin*- Frutto prezioso di una collaborazione certo non semplice, oggi difficilmente replicabile, allora animata da alcuni obiettivi e valori di fondo condivisi, la nostra Carta costituzionale è ancora giovane e salda nei sui principi ed assi portanti, al di là delle necessarie manutenzioni dettante dal tempo. Ciò che oggi essa domanda è piuttosto una nuova stagione di cittadinanza attiva e di capacità progettuale per riprendere il filo dei valori costituzionali da interpretare concretamente, evitando che paure e crescenti diseguaglianze scoraggino l’impegno di chi ha di mira il bene comune. Ciò dovrebbe sollecitare in particolare i laici cristiani, per i quali un serio impegno per la politica resta la forma più alta della carità.

    Condividi
  • Forse un anno veramente nuovo potrebbe cominciare solo così

    Il Senso, questo sconosciuto

    11/01/2018 - 11:09

    di Luigi Alici* - A volte basta davvero un nonnulla: un episodio minimo, insignificante, che si avvicina alla scala dell’infinitamente piccolo, più che a quella dell’infinitamente grande. Una banale influenza (quest’anno, non tanto banale…), che scombussola l’agenda, impone il blackout del telefono, ti toglie non solo la voglia di parlare, ma anche quella di ascoltare e di vedere. E ritrovi di colpo silenzi antichi, rintocchi lontani, sonorità elementari e impensate che la campagna ti restituisce nella loro innocenza verginale e dimenticata...

    Condividi
  • Il prossimo 4 marzo, alle urne per le elezioni politiche

    Che sia un tempo di serietà e concretezza

    09/01/2018 - 12:22

    di Paolo Rametta – Il prossimo 4 marzo si terranno le elezioni politiche per la XVIII legislatura della nostra storia repubblicana. Facciamo nostro l’augurio espresso dal Presidente Mattarella nel suo messaggio di fine anno: che in campagna elettorale «vengano avanzate proposte comprensibili e realistiche, capaci di suscitare fiducia, sviluppando un dibattito intenso, anche acceso ma rispettoso. È, questa, inoltre, una strada per ridurre astensionismo elettorale e disaffezione per la vita pubblica».

    Condividi
  • Josef Mayr-Nusser: fedele al Vangelo e al proprio tempo

    Le radici della libertà

    09/01/2018 - 09:54

    di Alberto Ratti - Mentre festeggiamo i 70 anni della Costituzione italiana, non possiamo non ricordare le tante persone e i tanti giovani in particolare che, grazie alla loro testimonianza e al loro sacrificio, hanno permesso al nostro Paese di sconfiggere e lasciarsi alle spalle il nazi-fascismo e i suoi orrori.Fra questi, moltissimi giovani e dirigenti di Azione Cattolica come Josef Mayr-Nusser, beatificato lo scorso 18 marzo nella Cattedrale di Bolzano. Egli ha testimoniato la differenza evangelica, la coerenza fra quello che professava e la vita concreta, non rifuggendo il proprio tempo, ma confrontandosi seriamente con le questioni e le problematiche sociali, avendo sempre presente il rispetto dei valori fondamentali della dignità della persona e della convivenza civile.

    Condividi
  • Associazionismo e parrocchia: una relazione vitale

    Un ponte tra Vangelo e vita

    04/01/2018 - 09:56

    di Matteo Truffelli* - Se da un lato l’Azione cattolica è continuamente chiamata a incarnarsi nella parrocchia per condividerne il respiro, dall’altro essa può essere lo strumento che aiuta la parrocchia a incarnarsi in un territorio, a essere lievito dentro di esso. «Allargate il vostro cuore per allargare il cuore delle vostre parrocchie», ci ha detto Francesco il 30 aprile 2017, rivolgendosi a una festosa e straripante Piazza San Pietro: «Siate viandanti della fede, per incontrare tutti, accogliere tutti, ascoltare tutti, abbracciare tutti». Proprio in quanto associazione laicale, l’Azione cattolica può rappresentare un efficace ponte tra l’annuncio del Vangelo e le dinamiche dell’esistenza quotidiana.

    Condividi
  • La preghiera e la vicinanza dell'Ac a Carlotta per la scomparsa di papà Carlo

    02/01/2018 - 17:52

    La Presidenza nazionale, insieme a tutta l'Associazione, si stringe attorno al Segretario generale, Carlotta Benedetti, e ai suoi familiari, colpiti improvvisamente dalla morte di papà Carlo. "Dio si è fatto uomo perché l'uomo si facesse Dio" afferma Sant'Agostino. Così, in questi giorni, il buio della morte riceve luce dalla stella che brilla sul Bambino di Betlemme, venuto a donarci un destino di eternità. Nella preghiera chiediamo a Dio, per Carlo Benedetti, il compimento di questo destino e per coloro che ne piangono la scomparsa il conforto dello Spirito, riversato nel cuore di ciascuno.

    Condividi
  • Auguri per un 2018 di impegno per la giustizia, per la pace, per la dignità di tutti

    E la Speranza si fece carne

    23/12/2017 - 18:11

    di Antonio Mastantuono - «Dio è con noi «vagabondo/ a camminare sulle strade, / a cantare con noi/ i salmi del deserto» (D.M. Turoldo). Che cosa ha da dirci questo Natale? C’è un messaggio da parte di questo Dio-Bambino che ci si presenta in modo così sconcertante e dal quale dovremmo tutti lasciarci sconcertare? Dio si presenterà sempre come l’inaspettato: non come colui che ci sistema, ma come Colui che rompe le nostre sistemazioni, colui che viene come noi non prevediamo. Egli viene in un mondo – il nostro –  segnato da un calo di passione per il futuro che esorta, sospinge, sprona ad affrettarsi senza voltarsi indietro, in cui il rancore è di scena, in cui sembra inutile parlare di speranza.

    Condividi
  • L’Azione Cattolica aderisce alla campagna promossa dalla APG23

    «Chiediamo il Ministero della Pace»

    23/12/2017 - 15:03

    Gestire i conflitti sociali, Promuovere la difesa civile, Attuare politiche di disarmo, Difendere i diritti umani, Educare alla nonviolenza, Prevenire la violenza, attraverso l’istituzione del Ministero della Pace: è la campagna promossa dalla Comunità Papa Giovanni XXIII, cui aderisce pienamente l’Azione Cattolica. «Il sostegno e l’impegno dell’associazione non potevano mancare per un’iniziativa che intende chiamare le istituzioni a dare attuazione a scelte e politiche concrete di promozione della pace e della fratellanza fra i popoli», sottolinea Matteo Truffelli, Presidente nazionale di Ac, «consapevoli che è compito di ciascuno di noi farci sempre più testimoni di pace dentro la vita quotidiana, nelle strade, nelle case, nei quartieri delle nostre città».

    Condividi
  • I 70 anni della Costituzione repubblicana

    Le radici del futuro

    22/12/2017 - 10:01

    di Alberto Ratti - Il 22 dicembre di 70 anni fa veniva approvato con 453 voti favorevoli e 62 voti contrari il testo della Costituzione, promulgato cinque giorni dopo ed entrato ufficialmente in vigore l’1 gennaio 1948. Un anniversario importante che, da una parte, ci ricorda quanta strada abbia percorso il nostro Paese dal Secondo dopoguerra ad oggi e dall’altra quanto ancora giovane e fragile sia la nostra democrazia.

    Condividi
  • A 50 anni dalla prima edizione. Vi aspettiamo

    Marcia della pace: il 31 dicembre torna a Sotto il Monte

    20/12/2017 - 14:45

    Sarà Sotto il Monte, paese natale del santo Papa Giovanni XXIII, ad ospitare il prossimo 31 dicembre la Marcia della pace, promossa anche quest’anno da Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace della Cei, Pax Christi Italia, Caritas Italiana e Azione Cattolica Italiana. Per ulteriori informazioni ed iscrizioni www.diocesibg.it.
    Agli associativi che intendono partecipare è chiesto di comunicare la propria presenza scrivendo all’indirizzo presidenzanazionale@azionecattolica.it, specificando la diocesi di appartenenza e il numero dei partecipanti in caso di gruppi. All’interno, in allegato il Manifesto dell’iniziativa.

    Condividi
  • L’Italia accogliente che non si guarda allo specchio

    Stranieri ma residenti

    20/12/2017 - 11:22

    di Nadia Matarazzo - Le migrazioni rappresentano uno dei fenomeni destinati a segnare la vita delle nostre comunità nei decenni a venire, sebbene siano un elemento oramai strutturale nella società globale, tanto nel Nord quanto nel Sud del mondo. Già, perché, nonostante il clamore che costantemente avvolge tutti i discorsi concernenti i flussi migratori, in realtà essi non si muovono soltanto in direzione dei Paesi industrializzati ma, al contrario, crescono sempre di più anche in quelli che noi consideriamo esclusivamente Paesi di partenza, commettendo l’errore di una generalizzazione che è colpevole di una visione piuttosto approssimata del mondo, dalla quale origina parte dei nostri complessi da “invasione”.

    Condividi
  • Il senso del Natale, il Sinodo dei giovani e… tanta Ac

    «Segno» di dicembre, qui tutto da leggere

    18/12/2017 - 12:40
    Segno n.11-12 2017

    È una riflessione di mons. Gualtiero Sigismondi, assistente generale dell’Ac, sul senso del Natale ad aprire l’ultimo numero dell’anno di «Segno». Da segnalare: l’approfondito sguardo sul Sinodo dedicato ai giovani, con i contributi della pedagogista Alessandra Augelli, di mons. Corrado Lorefice, arcivescovo di Palermo, e dell’SG associativo; il critico Alessandro Zaccuri che illustra un inedito format tra cultura e solidarietà; il racconto dell’impegno Ac per le Scuole cattoliche a Sarajevo; il ricordo del generale Dalla Chiesa attraverso le parole della figlia Simona; lo stato di salute del nostro sistema-Paese. E, come sempre, le pagine di spiritualità a cura di don Antonio Mastantuono e di don Fabrizio De Toni.

    Condividi
  • Gli auguri dell'Acr a Papa Francesco e il discorso del Santo Padre

    «Siate buoni “fotografi” della vita»

    16/12/2017 - 12:01

    Si è rinnovato anche quest'anno l'ormai tradizionale appuntamento dell'Acr con Papa Francesco per gli auguri di buon Natale. All'udienza erano presenti una nutrita delegazione di acierrini provenienti da 12 diocesi d’Italia (Alghero-Bosa; Asti; Brescia; Castellaneta; Cefalù; Chieti-Vasto; Foligno; Livorno; Padova; Piacenza-Bobbio; Teano-Calvi; Viterbo), accompagnati dai loro educatori, dal Presidente nazionale dell’Azione Cattolica Italiana, Matteo Truffelli, dall’Assistente ecclesiastico generale dell’Azione Cattolica Italiana, mons. Gualtiero Sigismondi, dal Responsabile nazionale dell’Azione Cattolica dei Ragazzi, Luca Marcelli, dall’Assistente centrale dell’Azione Cattolica dei Ragazzi, don Marco Ghiazza, dai Consiglieri nazionali e dai collaboratori dell’Ufficio centrale Acr. All'interno, il saluto degli acierrini e il discorso di Francesco

    Condividi
  • Un contributo alla riflessione della Presidenza nazionale di AC

    Rispettare la vita, rispettare il dolore

    14/12/2017 - 10:47

    La discussione al Senato della cosiddetta “legge sul fine vita” ci porta ancora una volta ad avvertire la necessità di un confronto serio, alto, non ideologico né strumentale su come la nostra società e la nostra politica stanno affrontando le tante questioni che il nostro tempo pone rispetto alla salute e la malattia, la tutela della vita e la cura di chi si trova ad affrontare la morte, l'affiancamento nel dolore e il senso autentico della libertà e della responsabilità di ciascuno. (continua)

    Condividi