"Custodire, rivelare e comunicare l'amore" - Incontro nazionale coppie cooptate docesane e regionali

Versione stampabileVersione stampabile
Data: 
18 Novembre, 2011 - 19 Novembre, 2011

Tra le prospettive indicate nel documento finale della XIV Assemblea nazionale troviamo l’impegno per una rinnovata volontà di “riconoscere, valorizzare e sostenere la soggettività della famiglia”, luogo di incontro tra generazioni, di educazione, e di annuncio del Vangelo.

Ciò necessita di un’attenzione particolare nel cammino associativo di ogni diocesi, sollecitati anche dalla rilettura della esortazione apostolica “Familiaris Consortio” di cui quest’anno ricorre il suo trentesimo anniversario.

A tal proposito come Area Famiglia e Vita della Presidenza nazionale vogliamo promuovere all’inizio di questo nuovo triennio un appuntamento con voi tutti per il 18/20 novembre 2011.

L’incontro sarà articolato in due momenti:

  • La prima parte, dal venerdì pomeriggio al sabato mattina, sarà dedicata ad una riflessione sul Progetto Nazaret. Un momento importante di approfondimento e di confronto, riguardo l’attenzione al tema della famiglia e della vita, al ruolo della coppia cooptata nella dinamica associativa e al percorso verso Milano 2012.

Come saprete infatti, l’associazione ha scelto di caratterizzare il cammino di preparazione all’Incontro mondiale delle famiglie (dal 30 maggio al 3 giugno), attraverso la proposta delle “settimane”.

Una modalità, una occasione preziosa, che permetterà di approfondire i contenuti proposti nelle catechesi in preparazione all’incontro mondiale, di sperimentare la bellezza dello stile dell’unitarietà e di condividere il cammino associativo con l’intera comunità parrocchiale.

  • La seconda parte, dal sabato pomeriggio alla domenica mattina avrà uno stile seminariale. L’incontro dal titolo “Sotto lo stesso tetto”,promosso, progettato e realizzato in collaborazione fra l’Area Famiglia e Vita e l’ACR, intende sottolineare lo stile unitario con il quale viviamo la nostra passione educativa.

Un appuntamento importante quindi, una opportunità per condividere idee e progetti in ordine a quanto i Vescovi ci chiedono negli orientamenti “Educare alla vita buona del Vangelo”, in un clima di alleanza educativa, famiglia, associazione e ragazzi.