Io ci sarò! Il 30 aprile tutti in Piazza san Pietro

Un’esperienza di Chiesa unica, liberante, esigente, appassionata

Versione stampabileVersione stampabile

di Lucia Colombo* - Ricordo l’emozione e il sole sul sagrato di S. Pietro, 9 anni fa. Era la mia prima Assemblea nazionale e tutto aveva un sapore particolare. Partita dalla mia piccola e bellissima parrocchia, fatta di tante esperienze semplici, profumate di quotidianità e di scelte concrete, approdata alla dimensione diocesana, che ti apre gli occhi e il cuore, che ti fa scoprire di far parte di qualcosa di più grande, che ti fa incontrare la diversità e te la fa gustare in tutta la sua bellezza e la sua fatica. Ricordo il respiro che mi si mozzava in gola al buttare l’occhio giù verso la piazza, fino a raggiungere con lo sguardo via della Conciliazione. Tantissime teste, tantissimi cuori, tantissime storie, intrecci di vite e di sogni, di progetti e di esperienze. Insieme. Ognuno esattamente con ciò che è.
Questa per me è l’Associazione. Un’esperienza di Chiesa unica, liberante, esigente, appassionata. Che attraversa il tempo e nutre la storia. Che ti solleva come una rete solida ed elastica allo stesso tempo e ti proietta sul futuro. A distanza di nove anni, il 30 aprile, essere di nuovo lì sarà un onore e un dono grande. Sarà festa! Sarà bello viverla da vicepresidente nazionale, ma ancora di più sarà significativo farlo sapendo che tra tutte quelle teste ci sono gli amici di sempre, mescolati a chi magari di persona non incontrerò mai, ma che cammina sulla stessa strada. E sarà importante accogliere e lasciarsi accogliere da papa Francesco, affidare nelle sue mani questi primi, ricchissimi, 150 anni di noi!

*Vicepresidente nazionale Ac per il Settore Giovani