29 aprile: tutti a San Pietro, Francesco ci aspetta

Versione stampabileVersione stampabile

di Carlotta Benedetti* - Non manca molto all’incontro nazionale #AC150 Futuro Presente, che si terrà a Roma sabato 29 aprile, in mattinata. Tutte le diocesi d’Italia, impegnate nel cammino assembleare, si stanno organizzando per raggiungere la capitale e festeggiare i 150 anni dalla nascita dell’Azione cattolica. Per chi ancora non l’avesse già fatto, su 150.azionecattolica.it tutte info e le modalità di iscrizione. .
Non si tratta di un incontro nazionale come gli altri: la nostra associazione compie 150 anni, un traguardo importante, che ci chiede di festeggiare con responsabilità e con gioia questo appuntamento. Un’occasione di festa, che in piazza San Pietro, vedrà arrivare bambini, ragazzi giovanissimi, giovani, adulti e adultissimi non solo da tutta Italia, ma da tutto il mondo, dal momento che saranno con noi anche gli amici del Forum internazionale dell’Azione cattolica (Fiac).
L’entusiasmo sta crescendo davvero in tutti e saremo pronti a rendere la piazza bella, piena di colori e di festa!

Programma ricco di sorprese
Sarà anche una giornata da condividere con tanti ospiti e amici che saranno con noi e con tutti i nostri pastori, che abbiamo invitato personalmente, per sottolineare ancora una volta il legame della nostra associazione con la Chiesa locale.
Il programma della mattina, che presenterà tante sorprese, ci guiderà lungo la storia della nostra associazione, guardando all’Azione cattolica del passato, del presente e del futuro. Il momento centrale resta, comunque, l’incontro con il Santo Padre: non vediamo l’ora di ascoltare ciò che papa Francesco vorrà dire all’Ac, certi che le sue parole ci guideranno nel cammino dei prossimi anni a servizio di tutta la Chiesa!
Desideriamo davvero che ogni socio possa partecipare a questo appuntamento, perché vogliamo che il compleanno speciale non si fermi alla memoria – pure importantissima – del nostro passato, quasi chiudendoci in una celebrazione nostalgica del tempo che è stato. Accogliamo il dono di questo centocinquantesimo con uno slancio verso il futuro. Un Futuro Presente nell’entusiasmo e nella passione di ragazzi, giovani e adulti che in tutto il Paese mettono competenze ed energie, testa e cuore, a servizio della Chiesa e del bene comune.

Terra da ogni angolo d’Italia
L’invito per tutte le associazioni è di utilizzare l’occasione anche per portare a Roma chi magari, nel frattempo, si è allontanato dall’Ac, ma che ha pensato e costruito questa storia prima di noi: sarebbe bello vivere tutti insieme tale incontro, testimoniando che tutti abbiamo contribuito e stiamo aiutando a scrivere pagine belle di storia associativa.
Sarà un momento particolare anche per i delegati alla XVI Assemblea nazionale, che vivranno la festa durante i lavori dell’assemblea che si aprirà il giorno precedente. A ogni diocesi, in particolare, abbiamo chiesto  di compiere un semplice gesto, portando con sé un piccolo sacchetto di terra, la propria terra, che poi sarà riposta in un vaso e, insieme alla terra di tutte le altre diocesi, sarà offerta durante la preghiera. La terra di tutta Italia rappresenterà un segno e un sogno: quello di un’associazione che, riscoprendo le radici essenziali della propria vocazione, con rinnovato coraggio e fiducia si impegna per il futuro, già nel presente, per fare nuove tutte le cose.
Nessuno quindi può sentirsi escluso e nessuno potrà rimanere a casa quel giorno!

*segretario generale Azione cattolica italiana,
pezzo pubblicato anche su Segno n.3 marzo 2017