Domenica 25 giugno, Giornata per la Carità del Papa

Ac e Avvenire «Insieme per gli ultimi»

Versione stampabileVersione stampabile

Lo sottolineiamo ogni anno: questa non è una semplice questua, né un gesto frutto del momento. Ma una grande opportunità per andare con Francesco incontro agli ultimi». Matteo Truffelli, presidente nazionale dell'Azione Cattolica, spiega perché domenica 25 giugno l’associazione si mobiliterà per raccogliere fondi a beneficio della Giornata per la Carità del Papa, attraverso la vendita delle copie di Avvenire in tantissime parrocchie.

«Sono particolarmente lieto di questo “gemellaggio” Ac-Avvenire nel nome di Francesco – continua Truffelli –, che ci sprona oltre modo, poiché il quotidiano è sovente l’unica testata che dedica un’attenzione disinteressata agli emarginati. Accendendo la luce della vera informazione sulle periferie del mondo, negli angoli più bui e più feriti dell’umanità. Per tutta l’Azione Cattolica, ne sono certo, è un piacere poter far conoscere Avvenire e contribuire allo stesso tempo ad aiutare il Papa nel sovvenire a situazioni di fragilità e povertà. Non vogliamo e non dobbiamo essere insensibili a quel grido dei poveri troppo inascoltato di cui ci parla Francesco, che con grande intuizione magisteriale al termine del Giubileo ha voluto istituire la Giornata mondiale dei poveri che celebreremo a novembre».

Secondo il presidente, «con Francesco sta rinascendo in tanti la voglia di mettere il Vangelo al primo posto. L’attenzione per chi è in difficoltà è un grande stimolo per vivere la vita missionaria della Chiesa. E i gesti del Papa interrogano anche i non credenti. Poiché tanti sono i fronti del bisogno». Di qui l’importanza della vendita in parrocchia di Avvenire, che così diventa «strumento di solidarietà». «Il sostegno alla Carità del Papa richiama il valore della condivisione – conclude Truffelli –, dello spezzare il pane con gli altri, chiunque essi siano. La possibilità di un gesto fatto per il Papa e con il Papa insieme ad Avvenire amplifica questo spirito di comunione e di missione».

Il segretario generale di Ac Carlotta Benedetti e il direttore generale di Avvenire, Paolo Nusiner, hanno scritto una lettera a tutti i presidenti parrocchiali per invitarli ad appoggiare l’iniziativa: «Un impegno che contribuirà a far pervenire al Santo Padre un significativo contributo».